Dom. Lug 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

“Le cose possono solo migliorare” sembrava l’inno degli anni ’90. Pubblicata nel 1993, quattro anni dopo la caduta del muro di Berlino, la canzone è stata la colonna sonora perfetta per un decennio in cui finì l’apartheid, arrivò la democrazia nell’Europa orientale, arrivò la pace in Irlanda del Nord e gli accordi di Oslo promettevano la fine del conflitto israeliano. Conflitto palestinese.

Negli anni ’90, lo spirito dell’epoca ha favorito gli operatori di pace, i democratici e gli internazionalisti. Oggi sono i nazionalisti, i guerrafondai e i teorici della cospirazione ad avere il vento in poppa.

Esiste il pericolo crescente che la Russia prenda l’iniziativa nella guerra con l’Ucraina nel corso del prossimo anno. In Medio Oriente, il timido ottimismo alimentato dagli accordi di pace di Abraham tra Israele e diversi stati arabi è stato infranto dagli attacchi di Hamas e dall’invasione israeliana di Gaza. Una guerra più ampia in Medio Oriente sembra attualmente più plausibile di un processo di pace rinvigorito.

Negli Stati Uniti la presidenza di Joe Biden è in grossi guai. Donald Trump è ora il preferito nei mercati delle scommesse per vincere la presidenza nel 2024. Recenti sondaggi lo mostrano comodamente in vantaggio nella maggior parte dei stati oscillanti che deciderà le elezioni.

Tutti questi sviluppi maligni contribuiscono a rendere cupo l’umore politico globale. Si nutrono anche direttamente l’uno dell’altro.

La guerra di Gaza ha costretto gli Stati Uniti a sottrarre tempo e risorse all’Ucraina. In alcuni casi c’è concorrenza diretta per le munizioni. L’Ucraina è disperatamente a corto di munizioni e ora è in competizione con Israele per le scarse forniture. I sistemi di difesa aerea sono necessari anche sia all’Ucraina che a Israele.

La già debole capacità dell’Occidente di raccogliere sostegno globale per l’Ucraina è ulteriormente danneggiata dalla rabbia nel “Sud del mondo” per il sostegno degli Stati Uniti a Israele. Gli sforzi volti a sostenere la tesi secondo cui la Russia sta commettendo crimini di guerra in Ucraina ora si scontrano con rinnovate accuse di doppi standard.

Questi sviluppi avvennero in un momento in cui lo sforzo bellico ucraino stava già vacillando. La controffensiva del governo di Kiev è in gran parte fallita.

Volodymyr Zelenskyy, presidente dell’Ucraina, ha respinto con rabbia l’idea che la guerra si stia trasformando in una situazione di stallo. Ma le previsioni di una situazione di stallo potrebbero in realtà rivelarsi troppo ottimistiche. La Russia si è trasformata in un’economia di guerra e probabilmente l’anno prossimo avrà un vantaggio crescente in termini di armamenti e truppe. È probabile che le forze russe colpiscano ancora una volta le città e le infrastrutture ucraine nei prossimi mesi.

Un’Ucraina martoriata rimane fortemente dipendente dall’Occidente per gli armamenti e il sostegno finanziario. Ma i sostenitori occidentali di Kiev non sono riusciti ad aumentare la produzione di armi per eguagliare la macchina da guerra russa. Nel frattempo, i continui finanziamenti all’Ucraina sono rimasti bloccati al Congresso degli Stati Uniti mentre i repubblicani sostenitori di Trump si oppongono alla guerra.

Vladimir Putin ha ancora più motivi per continuare a lottare duramente anche nel prossimo anno, data la crescente prospettiva che Donald Trump ritorni alla Casa Bianca e abbandoni l’Ucraina al suo destino.

Una vittoria di Trump è diventata più probabile a causa del conflitto di Gaza. Biden ha bisogno che i giovani elettori, progressisti e arabo-americani si presentino e votino per lui. Ma molti sono furiosi per il sostegno dato dalla sua amministrazione a Israele. Se i progressisti restassero a casa o votassero per candidati marginali, le elezioni potrebbero pendere a favore di Trump.

Naturalmente, sarebbe assurdo se il sentimento filo-palestinese riportasse indirettamente Trump alla Casa Bianca. L’ex presidente minaccia ancora una volta di vietare l’ingresso negli Stati Uniti ai musulmani. Ma la storia è piena di assurdità.

L’intensa attenzione globale su Israele e Gaza potrebbe anche fornire copertura per altri abusi dei diritti umani che potrebbero verificarsi. Nelle ultime settimane, deportazioni di massa e trasferimenti forzati di persone hanno avuto luogo o sono stati annunciati in Pakistan, Sudan e Nagorno-Karabakh.

Anche altri problemi urgenti rischiano di essere lasciati inascoltati. Il cambiamento climatico appare sempre più inquietante. Ma il vertice COP28 che avrà inizio alla fine di questo mese a Dubai si svolgerà ora con i leader mondiali distratti da Gaza.

Con l’America sovraccarica all’estero e instabile in patria, la Cina potrebbe fiutare un’opportunità. Attualmente ci sono alcuni timidi segnali di riavvicinamento tra Pechino e Washington. Ma resta il quadro generale su cui la Cina è impegnata spostamento gli Stati Uniti come potenza dominante nel Pacifico, e forse nel mondo.

Il fulcro delle ambizioni di Xi Jinping è Taiwan. Gli analisti di Washington ritengono che Biden abbia detto all’esercito cinese di essere pronto a invadere l’isola entro il 2027. Nel tentativo di scoraggiare la Cina, Biden si è ripetutamente impegnato a difendere Taiwan. Ma, con l’America distratta e divisa, Xi potrebbe vedere un’opportunità per aumentare la pressione sull’isola nel corso del prossimo anno. Ciò aggiungerebbe una crisi di sicurezza nell’Asia orientale a quelle che attanagliano l’Europa e il Medio Oriente.

In retrospettiva, sembra appropriato che “Things can only get better” sia stato pubblicato da una band chiamata D:Ream. Trent’anni dopo l’uscita della canzone, il sogno è definitivamente finito.

È troppo fatalistico affermare che ci troviamo in un’era in cui le cose possono solo peggiorare. Ma è semplice realismo comprendere che le tendenze più forti negli affari mondiali sono maligne e stanno guadagnando slancio.

[email protected]