Gio. Giu 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il presidente Andrzej Duda ha offerto all’attuale primo ministro polacco l’opportunità di formare il prossimo governo del paese con il suo partito di destra Diritto e Giustizia (PiS), anche dopo che una coalizione di opposizione guidata da Donald Tusk ha ottenuto la maggioranza parlamentare il mese scorso.

La decisione di Duda di lunedì di nominare Mateusz Morawiecki per formare un’altra amministrazione, sebbene il PiS non abbia un percorso chiaro per ottenere la maggioranza, è destinata a ritardare il previsto ritorno di Tusk, ex primo ministro.

Dalle elezioni del 15 ottobre, che hanno registrato un’affluenza record del 74%, Tusk aveva esortato Duda a consentirgli di tornare in carica rapidamente, in particolare per ripristinare l’indipendenza dei giudici e sbloccare i miliardi di euro di finanziamenti dell’UE che erano stati trattenuti dal governo. La Commissione Europea è in conflitto con il PiS sulla riforma giudiziaria. Il ritorno di Tusk è considerato fondamentale per riportare Varsavia su un percorso pro-europeo.

L’ex premier è alla guida di una coalizione a tre che ha ottenuto complessivamente 248 dei 460 seggi del Sejm, la camera bassa del parlamento. Tuttavia, Duda, lui stesso nominato dal PiS, ha resistito alle pressioni di Tusk e lunedì ha insistito sul fatto che era normale dare priorità al partito più grande nel prossimo parlamento, che rimane il PiS.

“Ho deciso di continuare la buona tradizione parlamentare secondo la quale il partito vincitore è il primo ad avere la possibilità di formare un governo”, ha detto Duda in un discorso televisivo serale.

Il PiS ha ottenuto 194 seggi, il che significa che dovrà convincere alcuni parlamentari della coalizione di Tusk a cambiare schieramento per raggiungere la maggioranza. Tuttavia, Morawiecki ha dichiarato la scorsa settimana in un’intervista al portale web Interia di non aver fatto le valigie per lasciare l’incarico.

Ha aggiunto che prenderà in considerazione l’idea di diventare ministro nel governo guidato da Władysław Kosiniak-Kamysz, leader del partito agrario PSL che fa parte della coalizione di Tusk. Tuttavia, Kosiniak-Kamysz ha risposto che il PSL si è impegnato a rimuovere il PiS dopo otto anni in carica piuttosto che facilitare un terzo mandato per loro.

Lunedì prima del discorso di Duda, Tusk ha detto che “il presidente sa che possiamo ancora guadagnare tempo, ma è una perdita di tempo e uno spreco per la Polonia”.

Ha aggiunto: “Se perdiamo troppo tempo, parte dei fondi dell’UE potrebbero andare perduti per colpa loro”, riferendosi a Duda e PiS. Tusk ha visitato Bruxelles il mese scorso per fare pressione sui funzionari dell’UE affinché rilascino anticipatamente i fondi congelati, affermando che “tutti i metodi, compresi quelli non standard, devono essere utilizzati per risparmiare il denaro che la Polonia merita”.

Lo scontro tra Duda e Tusk sulla nomina illustra anche come Tusk potrebbe avere difficoltà a convivere con Duda e altri incaricati del PiS i cui mandati non possono essere risolti anticipatamente.

Duda ha fissato la riconvocazione del parlamento per il 13 novembre. Dopo la sua nomina ufficiale, Morawiecki avrà 14 giorni per formare un nuovo governo. Se la maggioranza dei parlamentari dovesse respingere la sua proposta, come previsto, toccherà a Tusk, molto probabilmente all’inizio di dicembre.

Ogni ulteriore ritardo potrebbe rischiare nuove elezioni, perché Duda può indire una nuova votazione se nessun governo riesce ad approvare un bilancio entro la fine di gennaio.