Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Si prevede che la pioggia torrenziale che ha colpito molte regioni del mondo a partire dall’ultima settimana di dicembre sarà seguita da ulteriori turbolenze nel corso di gennaio, quando il Andamento climatico di El Niño rimane una grande influenza.

Il fenomeno naturale provoca un riscaldamento delle temperature della superficie del mare nel Pacifico, influenzando i flussi dei venti e provocando sia inondazioni che siccità.

Gli scienziati ritengono che i suoi effetti siano esacerbati dai cambiamenti climatici, con temperature record in ogni mese a partire da giugno, mettendo il 2023 sulla buona strada per diventare l’anno più caldo mai registrato.

Veicoli bloccati nell'acqua alluvionale in Scozia
Il Met Office del Regno Unito ha emesso avvisi su ulteriori condizioni pericolose poiché il sistema frontale attivo alimentato dalla corrente a getto ha portato forti piogge e raffiche in tutto il Regno Unito © Getty Images

Nel Regno Unito, il diluvio della tempesta Henk è seguito alla tempesta Gerrit, causando disagi diffusi, poiché le temperature calde del mare nell’Atlantico hanno alimentato la corrente a getto e portato ulteriore pioggia e venti, creando quella che i meteorologi hanno descritto come una “fabbrica di tempeste”.

Emily Wallace, esperta in condizioni climatiche estreme del Met Office del Regno Unito, ha affermato che, nonostante la variabilità dei modelli delle precipitazioni di anno in anno, si è verificato un “marcato aumento” delle precipitazioni invernali negli ultimi dieci anni. I primi cinque inverni più piovosi includevano il 2014, 2016 e 2020.

“Mentre l’atmosfera si riscalda a causa del cambiamento climatico indotto dall’uomo, può trattenere più umidità, ad un tasso di circa il 7% in più di umidità per ogni grado di riscaldamento”, ha affermato Wallace. “In parole povere, questo spiega perché in molte regioni del mondo le proiezioni mostrano un aumento delle precipitazioni come conseguenza del cambiamento climatico indotto dall’uomo”.

Giorni di forti piogge hanno esacerbato le condizioni in aree già sature a seguito della tempesta Henk, che ha causato danni diffusi in tutto il Regno Unito. © Getty Images

Il terreno saturo a causa delle tempeste successive aveva significato un aumento del deflusso dalla terra già fradicia, ha osservato Hannah Cloke, professoressa di idrologia all’Università di Reading.

“Una tempesta dopo l’altra quest’autunno e inverno hanno trasformato la Gran Bretagna in una spugna fradicia e non c’è nessun posto dove possa andare la pioggia aggiuntiva”, ha detto Cloke.

“Dopo che la tempesta Henk si è formata alla fine dell’Atlantico e ci ha colpito il 2 gennaio, tutta quell’acqua in più sta scorrendo direttamente dal paesaggio e i nostri fiumi si stanno gonfiando come i meravigliosi mostri che possono essere”.

Il potente sistema meteorologico atlantico potrebbe lasciare il posto nel fine settimana a un periodo più freddo, più secco e più stabile, man mano che si instaurerà un sistema di alta pressione. Ufficio Met detto venerdì.

Le condizioni di pioggia hanno colpito anche gran parte della costa occidentale degli Stati Uniti, con gli stati della California, dell’Oregon e di Washington colpiti da tempeste e onde alte la scorsa settimana.

Onde che colpiscono la costa settentrionale della California
Onde che si abbattono sulla costa settentrionale della California durante la tempesta nel Pacifico di venerdì. © AP

Gli Stati Uniti Servizio Meteorologico Nazionalee nel suo ultimo outlook a lungo termine prevedeva che il primo mese del 2024 avrebbe continuato a vedere gli effetti di El Niño, con manto nevoso inferiore alla media attraverso il paese.

“El Niño rimane il principale fattore climatico e si prevede che sarà l’influenza principale sul modello di circolazione alle medie latitudini e sulle temperature e precipitazioni associate a gennaio”, hanno detto i meteorologi.

Case inondate dal fiume Danubio, a ovest di Budapest
Case inondate dal fiume Danubio, a ovest di Budapest © AP

In Europa, nei Paesi Bassi sono state erette barriere contro le alluvioni in previsione dell’innalzamento del livello dell’acqua, dopo che diversi fiumi nella vicina Germania hanno rotto gli argini nel periodo natalizio.

Le regioni lungo i fiumi Reno, Elba, Lippe, Ruhr e Weser sono state colpite da inondazioni, con parti della città di Amburgo sommerse.

Il Danubio ha rotto gli argini anche in alcune parti del centro di Budapest, dove i livelli dell’acqua hanno raggiunto il livello più alto in un decennio, dopo che forti piogge e neve sono state seguite dallo scioglimento in un clima relativamente caldo.

Il fiume Danubio ha rotto gli argini e ha allagato la banchina Angelo Rotta nel centro di Budapest
Il fiume Danubio ha rotto gli argini e ha allagato la banchina Angelo Rotta nel centro di Budapest © AP

Le condizioni insolitamente calde e umide hanno fatto sì che le aree sciistiche in Italia e Francia abbiano sperimentato una scarsa copertura nevosa a quote più basse, mentre sono state segnalate raffiche in Austria e Svizzera sulle vette.

Le regioni scandinave e baltiche sono state invece tra le regioni in cui sono state registrate nevicate più abbondanti rispetto allo scorso anno in alta quota.

Aree allagate attorno al fiume Elba vicino a Dresda
Aree allagate lungo il fiume Elba vicino a Dresda in Germania © AP

Nell’emisfero meridionale, si teme che decine di persone siano morte nelle zone orientali della Repubblica Democratica del Congo, dove le forti piogge hanno causato gravi inondazioni e smottamenti. Anche le inondazioni improvvise in alcune parti del Sud Africa hanno provocato almeno una mezza dozzina di morti.

Le piogge torrenziali nella Repubblica Democratica del Congo hanno causato la morte di decine di persone ©Reuters

Anche la costa orientale dell’Australia ha subito ingenti danni e inondazioni mortali nello stato settentrionale del Queensland, seguite da ulteriori forti temporali che hanno esacerbato le condizioni di aree già devastate.

Le aree intorno a Cairns, nel nord-est dell'Australia, hanno subito danni dovuti alle inondazioni
Le aree intorno a Cairns, nel nord-est dell’Australia, hanno subito danni dovuti alle inondazioni mentre un ciclone tropicale formatosi nel Mar dei Coralli si è fatto strada lungo la costa. © Servizio di polizia del Queensland/AFP tramite Getty Images

In Malesia e nel sud della Thailandia, le regioni rurali sono state inondate e le comunità abbandonate lottano per recuperare i propri beni e trovare riparo.

Le inondazioni causate dalle intense piogge hanno colpito decine di migliaia di persone nel profondo sud della Thailandia, hanno detto i funzionari, con alcune strade e linee ferroviarie costrette a chiudere. ©AFP tramite Getty Images

L’europeo Agenzia per l’osservazione della Terra Copernicus ha affermato nelle sue previsioni più recenti che l’attuale evento di El Niño “probabilmente raggiungerà il picco nei prossimi due mesi” prima di indebolirsi fino a raggiungere condizioni neutrali.