Sab. Feb 24th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le importazioni dell’UE di gas naturale liquefatto russo sono diminuite leggermente lo scorso anno dopo un’impennata nel 2022, poiché cresce la fiducia che il blocco possa finalmente liberarsi delle importazioni di combustibili fossili dalla Russia.

I politici di Bruxelles stanno lavorando per finalizzare la legislazione che consentirebbe agli Stati membri di vietare completamente il gas russo importato tramite gasdotti e il GNL, a quasi due anni da quando l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca ha spinto il blocco ad iniziare a liberarsi degli idrocarburi dalla Russia.

Alcuni trader, analisti e funzionari dell’UE ritengono che la legislazione potrebbe consentire una graduale riduzione a zero, rispetto a quasi la metà delle forniture dell’UE prima della guerra, senza grandi impatti sul mercato europeo del gas.

L’utilizzo come arma del Cremlino del gasdotto verso l’Europa nel periodo precedente e nei mesi successivi all’invasione del febbraio 2022 ha spinto le capitali dell’UE a cercare alternative. La crescente domanda di GNL del blocco è stata soddisfatta principalmente dagli Stati Uniti, ma ironicamente ha anche portato a un aumento delle importazioni di gas spedito dalla Russia, che rimane una delle grandi nazioni produttrici.

Secondo S&P Global Commodity Insights, lo scorso anno il GNL russo e ciò che resta del gas russo rappresentato dai gasdotti russi hanno rappresentato solo il 13% delle forniture complessive del blocco, in calo rispetto al 40% del 2021.

Le importazioni di GNL dell’UE dalla Russia ammontavano a 20,5 miliardi di metri cubi di gas naturale nel 2022, un aumento del 30% rispetto al 2021. L’anno scorso si è registrato un calo marginale a 19,8 miliardi di metri cubi, come hanno mostrato i dati del London Stock Exchange Group.

Kadri Simson, commissario europeo per l’energia, ha dichiarato il mese scorso che le nuove regole che consentono agli Stati membri di vietare la prenotazione di capacità nei gasdotti e nei terminali GNL del blocco sono un “modo proporzionato e mirato” per i paesi dell’UE di tagliare le forniture russe.

Le norme dovrebbero fornire una base affinché le aziende dell’UE possano rompere i contratti con i fornitori di gas russi senza pagare ingenti risarcimenti, hanno affermato i funzionari dell’UE.

“Ora esiste un potenziale significativo” affinché l’UE possa sbarazzarsi delle molecole russe, ha affermato Ben McWilliams, membro affiliato del think tank Bruegel. I paesi del blocco hanno adottato misure come l’aggiunta di energie rinnovabili per ridurre la dipendenza dal gas, e nei prossimi due anni ci saranno più forniture di GNL non russe a cui l’UE potrà fare affidamento, ha affermato. “Lo slancio in Europa in questo gioco è cambiato”.

La situazione in cui si trova ora l’UE è in netto contrasto con il 2022, quando Mosca limitò le forniture di gasdotti mentre procedeva con l’invasione dell’Ucraina. L’UE è stata costretta a lottare per il GNL sul mercato globale per sostituire i volumi persi, e i prezzi di riferimento europei del gas hanno raggiunto oltre 300 euro per megawattora in estate, al culmine della crisi energetica.

I prezzi del gas sono ora un decimo di quelli che erano al culmine della crisi, con livelli di stoccaggio ben al di sopra della media dei cinque anni precedenti.

Se il GNL russo venisse gradualmente eliminato dall’Europa, “ci sarà una certa pressione al rialzo sul prezzo del gas europeo, ma non dovrebbe trattarsi di un cambiamento di prezzo enorme”, ha affermato Peter Thompson, direttore della società di consulenza Baringa Partners.

“State reindirizzando il GNL russo, geograficamente vicino, per fluire ulteriormente, molto probabilmente verso l’Asia, e l’Europa ha bisogno di rifornirsi da qualche altra parte”.

Ma fermare i flussi del gasdotto potrebbe rivelarsi più difficile, poiché diversi Stati membri senza sbocco sul mare, in particolare Ungheria e Austria, fanno ancora molto affidamento su queste molecole.

“Come si fa a portare il gas in quei paesi è una domanda molto più difficile a cui rispondere in questo momento”, ha detto Thompson. Ma anche così, una volta che infrastrutture come i previsti terminali di importazione di GNL in tutta Europa saranno realizzate, “sarà più facile rispondere a questa domanda”.

L’Austria si è già mossa per diversificare le proprie forniture, con il gruppo energetico del paese OMV che ha siglato un accordo a novembre con il produttore statunitense di GNL Cheniere Energy per ricevere GNL dal 2029.

L’Ungheria, tuttavia, non ha fatto alcun passo per liberarsi dalle importazioni russe, che transitano dalla Bulgaria e dall’Ucraina. Un accordo di transito tra Russia e Ucraina per il gasdotto scadrà alla fine di quest’anno e Simson ha affermato di aver informato i ministri di percorsi alternativi quando ciò accadrà.

Gli analisti hanno messo in guardia dai rischi per la sicurezza dell’approvvigionamento europeo, uno dei quali è la ripresa della domanda di gas. Un fattore che spiega i prezzi bassi e l’ampio gas in stoccaggio è la massiccia riduzione della domanda che il blocco ha visto, con alcune fabbriche che hanno interrotto le operazioni a causa dei prezzi elevati.

Secondo i dati di S&P, la domanda di gas nell’UE sarebbe destinata a scendere del 7% nel 2023 rispetto a un 2022 già basso.

“I governi e i politici si sentono più rilassati riguardo alla situazione del gas, il che continuo a suggerire sia un falso conforto”, ha affermato Michael Stoppard, responsabile della strategia globale del gas presso S&P Global Commodity Insights. “Non penso che abbiamo una buona idea di dove sia il livello di equilibrio della domanda”.