Dom. Lug 14th, 2024
Gli elettori scontenti del Regno Unito minacciano di restare a casa il giorno delle elezioni

Bussando alle porte degli elettori scontenti sotto il sole di mezza estate, il candidato conservatore di Bolton West ha riflettuto sull'impatto che la travagliata campagna nazionale del suo partito ha avuto sul territorio.

“Non ti aspetti che tutto vada alla perfezione e ti aspetti sempre dei problemi”, ha detto Chris Green, mentre faceva campagna elettorale per il suo seggio nel nord-ovest dell'Inghilterra. “Ma abbiamo permesso che quei problemi diventassero la narrazione delle elezioni”.

Green ha strappato il suo seggio, un gruppo semi-rurale di città e villaggi ai margini di Bolton, un'ex città industriale vicino a Manchester, al partito laburista nel 2015, per soli 801 voti. Alle ultime elezioni ha aumentato la sua maggioranza a quasi 9.000, mentre Boris Johnson ha ottenuto una vittoria schiacciante con un mandato per realizzare la Brexit.

Ma Green ha affermato che l'attuale primo ministro, Rishi Sunak, ha dato il tono a questa campagna cinque settimane fa, annunciando delle elezioni anticipate sotto un acquazzone e senza ombrello.

Ciò che è seguito, compresa la decisione di Sunak di saltare parte delle recenti celebrazioni del D-Day e il crescente scandalo delle scommesse elettorali, è stato “molto frustrante”, ha aggiunto.

“L’ammollo a Downing Street è stato il momento del sandwich al bacon delle elezioni”, ha detto Green, riferendosi a una fotografia notoriamente poco lusinghiera dell’allora leader laburista Ed Miliband che mangiava durante la campagna elettorale nel 2014. “Dopo ciò, è difficile che qualcosa possa essere visto sotto una luce più positiva”.

La piccola cittadina di pendolari di Blackrod a Bolton West © Dominic Lipinski/FT

Mercoledì Green si è rivolto principalmente ai precedenti elettori conservatori e indecisi a Blackrod, una piccola città di pendolari con ampie vedute sulla campagna. La maggior parte di coloro che hanno aperto la porta hanno dichiarato di essere indecisi o di non voler votare affatto.

“Non hai il mio”, ha risposto il pittore e decoratore James Mullen, 73 anni, quando Green gli ha chiesto se poteva contare sul suo voto. “È tutto questo scommettere.”

Ha raccontato con disgusto lo scandalo che ha colpito i conservatori nelle ultime due settimane, in cui 12 persone – tra cui candidati conservatori, funzionari di partito e agenti di polizia – sono state indagate per le scommesse piazzate su una data di elezioni anticipate.

Mullen è stato storicamente un elettore laburista, ma il suo sostegno è stato “spazzato via” dal leader di sinistra Jeremy Corbyn alle ultime elezioni. Questa volta stava considerando un voto di protesta. La storia del D-Day lo aveva scioccato, mentre lo scandalo delle scommesse “mostra solo la psiche dei parlamentari”.

“Fino a quando non otterremo questa fiducia nei politici, rimarremo in difficoltà”, ha aggiunto.

Il D-Day e lo scandalo delle scommesse non erano stati in realtà menzionati esplicitamente così spesso dagli elettori, ha detto Green, tra un bussare alla porta e l'altro. Non ce n'era, secondo lui, alcun bisogno.

“Lo vedi nei volti delle persone, basta guardarli”, ha aggiunto. “Queste cose sono tutte arrotolate in un cipiglio.”

Ciononostante, ha affermato, sembra esserci poco entusiasmo attivo anche per il partito laburista, compresi meno cartelloni e manifesti del solito che pubblicizzano il sostegno delle famiglie al partito.

Sebbene i sondaggi nazionali abbiano sempre previsto una vittoria comoda o schiacciante per il partito di Sir Keir Starmer in queste elezioni, hanno continuato a registrare un numero elevato di elettori indecisi e un basso entusiasmo per lo stesso Starmer.

Chris Green fa propaganda con i volontari Tory a Blackrod
Chris Green fa propaganda con i volontari Tory a Blackrod © Dominic Lipinski/FT

Green ha affermato che la generale mancanza di entusiasmo da parte degli elettori nei confronti di Bolton West rifletteva questo “umore nazionale”.

“Si ha l'impressione che non sappiano quello che fanno”, ha detto un parlamentare di 93 anni. “Assumono le loro posizioni con i loro titoli fantasiosi e non fanno assolutamente nulla. Non si tratta solo dei conservatori, i laburisti sono gli stessi”.

Ha aggiunto che Starmer “non riesce a decidere in che direzione sta saltando”.

Aveva votato conservatore in tutte le elezioni precedenti, ma “al momento non sostengo nessuno”, ha detto. Le promesse del manifesto precedente, tra cui le riforme dell'assistenza sociale, erano state ripetutamente “messe nell'erba alta”.

È rimasto impassibile davanti all’affermazione di Green secondo cui tali cambiamenti erano stati ritardati dalla pandemia, ma sarebbero stati apportati nel 2025. Il suo cestino, si è lamentato, non era stato svuotato da sei settimane.

A poche porte di distanza, una giovane donna si lamentava della raccolta dei rifiuti e dello stato delle strade locali. In passato aveva votato per i conservatori e “non sopporta Keir Starmer”. Ma anche lei probabilmente non avrebbe votato affatto.

Ha riassunto la sua posizione descrivendo un meme online che qualcuno le aveva inviato. “Ho una disfunzione erettile”, si leggeva. “Nessuno di loro funziona per me”.

Questa è stata un'elezione “molto dura”, ha ammesso un'attivista mentre distribuiva volantini attraverso le porte, aggiungendo che questa particolare zona dovrebbe essere un “territorio molto fertile” per i conservatori.

Chris Green parla con un residente
I conservatori ammettono che si profilano alle porte “elezioni molto dure”. © Dominic Lipinski/FT

Ciononostante Green spera di resistere, sottolineando il suo record come deputato elettorale. Sulla porta di casa sostiene anche due argomenti principali a nome del suo partito: che la pandemia e la guerra in Ucraina hanno ostacolato i suoi piani di consegna; e che servirebbe un conservatore locale per frenare un governo laburista con un'ampia maggioranza.

Mike Pendlebury, 71 anni, era già stato conquistato.

“Ho una paura mortale dei laburisti”, ha detto, sottolineando le preoccupazioni sul loro approccio alla tassazione e alla spesa, all’impatto economico delle politiche di zero emissioni nette e al timore che Starmer possa riportare il paese nell’UE.

Voterebbe sicuramente conservatore. Ma ha anche preteso di sapere perché Sunak non avesse avuto un impatto maggiore sull'immigrazione illegale.

I politici “ti dicono delle cose prima delle elezioni e non c'è alcun interesse a metterle in pratica”, ha aggiunto, prima di notare che sia Sunak che il suo predecessore, Liz Truss, sono stati insediati dai membri del partito conservatore piuttosto che dall'elettorato.

Tali avvertenze sono tipiche dello stato d'animo tra i sostenitori dei Tory, ha detto Green in seguito. Ma ogni voto conta davvero, ha detto a Pendlebury, aggiungendo che ciò impedirebbe al Labour di “diventare completamente socialista”.

Per molti altri, tuttavia, questa argomentazione deve ancora avere successo.

“Per essere onesti, non posso promettere alcun supporto”, ha detto una donna di mezza età lì vicino.

Le sue preoccupazioni includevano lo stato del servizio sanitario nazionale, che secondo lei stava “cadendo a pezzi”. Ma doveva ancora decidere per chi votare.

“Litigano troppo invece di lavorare insieme come una cosa sola”, ha detto dei politici, aggiungendo che lei e suo marito avevano guardato i dibattiti elettorali televisivi nel tentativo di prendere una decisione.

Ciononostante non era sicura se si sarebbero presi la briga di sintonizzarsi sull'ultimo testa a testa della BBC di quella sera tra Starmer e Sunak.

“Forse”, ha detto. “Finché non mi arrabbio con quello che dicono e poi cambieremo.”