Mar. Lug 16th, 2024
Il sindacato in trattative con Tata Steel per evitare la chiusura anticipata di Port Talbot

Sblocca gratuitamente l'Editor's Digest

Venerdì i membri del sindacato Unite hanno incontrato i dirigenti della Tata Steel per cercare di impedire al più grande produttore di acciaio della Gran Bretagna di anticipare la chiusura dei suoi due altiforni nel Galles meridionale alla prossima settimana a causa di uno sciopero programmato.

Secondo fonti vicine ai colloqui, Unite sta ora valutando la possibilità di consentire ad alcuni dei suoi lavoratori di continuare a lavorare per garantire il funzionamento sicuro delle fornaci di Port Talbot, dopo essere stata sollecitata in tal senso dalla dirigenza del partito laburista.

Giovedì la Tata, di proprietà indiana, ha minacciato di chiudere le fornaci, due delle ultime strutture di questo tipo rimaste in Gran Bretagna, dalla prossima settimana per motivi di sicurezza, a meno che Unite non annulli lo sciopero. Tata ha affermato di aver anche avviato un'azione legale contro il sindacato, contestando la validità della scheda elettorale.

Lo stop a tempo indeterminato inizierà l’8 luglio.

L'azienda ha in programma di chiudere una delle fornaci entro la fine di giugno e la seconda entro settembre, nell'ambito di un accordo con il governo conservatore per passare a una forma di produzione dell'acciaio più ecologica.

Quell’accordo, che deve ancora essere firmato, ha causato polemiche perché comporterebbe la perdita di fino a 2.800 posti di lavoro – una prospettiva che ha accelerato gli imminenti scioperi di Unite.

Il partito laburista, che secondo i sondaggi è sulla buona strada per vincere le elezioni generali del 4 luglio, ha esortato Tata a riconsiderare la situazione. Il partito ha suggerito che potrebbe presentare un’offerta più generosa rispetto all’attuale governo in cambio di minori perdite di posti di lavoro.

Ma finora l'azienda ha espresso scarso interesse nel cambiare rotta, sostenendo che mantenere il secondo altoforno finché non sarà operativo un forno ad arco elettrico a minore intensità di carbonio non sarebbe fattibile dal punto di vista operativo né conveniente.

Secondo quanto riportato da funzionari laburisti, fino a tarda sera di giovedì Jonathan Reynolds, segretario ombra per l'economia, era in trattative con Tata, il governo gallese e i sindacati GMB, Community e Unite per trovare una soluzione per tenere aperta la seconda fornace.

“È una situazione davvero, davvero tesa e davvero difficile”, ha detto una figura del partito.

I laburisti e alcuni altri sindacati ritengono che la “politica del rischio calcolato” di Unite rispetto allo sciopero abbia dato a Tata una scusa per chiudere potenzialmente la seconda fornace piuttosto che aspettare che un governo laburista negoziasse un'offerta migliore, secondo persone vicine alle discussioni.

Durante i colloqui di giovedì Reynolds ha esortato la Unite a consentire ad alcuni lavoratori di essere esentati dallo sciopero per mantenere in funzione l'impianto, hanno detto le persone.

A pochi giorni dalle elezioni, la situazione è in bilico perché sembra che Tata stia cercando di convincere i laburisti ad accettare il precedente accordo conservatore, hanno detto le persone.

In base all'accordo, i contribuenti fornirebbero 500 milioni di sterline e la società indiana investirebbe 750 milioni di sterline, passando a un forno ad arco elettrico. “Il loro [Tata’s] “Il nostro punto di vista è che questo sia l'unico accordo possibile; non è il punto di vista del partito laburista”, ha affermato una persona vicina ai colloqui.

Tata ha rifiutato di commentare l'incontro con Unite. Le persone vicine ai colloqui di venerdì hanno affermato di essere positive e che riprenderanno lunedì.

Onay Kasab, responsabile nazionale di Unite, ha affermato che il sindacato non ha mai escluso la possibilità di esentare alcuni lavoratori dallo sciopero. “Il messaggio che ci viene da noi è che non metteremo a rischio i nostri membri, lo stabilimento o la città. Negozieremo delle deroghe”, ha affermato. “Abbiamo chiesto che Tata non apporti cambiamenti irreversibili prima delle elezioni”.

Il partito laburista ha affermato di aver “ripetutamente affermato che non si dovrebbero prendere decisioni irreversibili prima che il paese scelga il prossimo governo”, aggiungendo che avrebbe “ricostruito l'industria siderurgica del Regno Unito, incluso Port Talbot, per proteggere i posti di lavoro… e passare in modo sostenibile alla produzione di acciaio verde”.