Gio. Giu 20th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Londra rimane il punto nero del Regno Unito per quanto riguarda l’accessibilità degli alloggi, anche dopo un periodo di miglioramento di cinque anni in cui i guadagni hanno raggiunto gli affitti, secondo i dati ufficiali.

I costi abitativi hanno rappresentato il 35% del reddito degli inquilini nella capitale nell’anno fino a marzo 2022, ha detto lunedì l’Ufficio per le statistiche nazionali. Ciò la rende l’unica regione del Regno Unito con un rapporto affitto/reddito superiore al 30%, la soglia oltre la quale l’ONS considera un’area inaccessibile.

La sua scoperta è allarmante perché i prezzi degli affitti a Londra, già i più alti del paese con una media di 1.450 sterline al mese, sono aumentati a un ritmo record quest’anno dopo essere rimasti sostanzialmente stagnanti negli ultimi quattro anni, creando nuove pressioni sull’accessibilità economica.

Il precedente picco del problema degli affitti a Londra si è verificato nel 2017, quando il rapporto tra prezzi di affitto e salari ha raggiunto il 50,3%. Ma gli ultimi dati mostrano che nella capitale il rapporto rimane al 46% per le famiglie più povere.

Grafico a barre della percentuale del reddito mediano delle famiglie private in affitto consumato da un affitto mediano, anno finanziario terminato nel 2022 che mostra che Londra è la regione meno conveniente per gli affittuari privati

Al contrario, gli inquilini privati ​​in Inghilterra hanno speso in media il 26% del loro reddito in affitto, sulla base del reddito familiare medio e dei costi medi di affitto, nei 12 mesi fino alla fine di marzo dello scorso anno. In Galles la percentuale era del 23%, mentre in Irlanda del Nord era del 25%.

L’ONS ha affermato che i dati separati hanno mostrato un chiaro modello di aumento dei prezzi delle case più velocemente dei redditi e dell’inflazione nel Regno Unito dal 2013, ma ha aggiunto che in tutto il Regno Unito “non è possibile mostrare un modello così chiaro per gli affitti privati ​​e il reddito delle famiglie private in affitto”.

I prezzi degli affitti a Londra si sono contratti per gran parte del 2018 e del 2021 e sono rimasti sostanzialmente stagnanti nel 2019, ma sono cresciuti a un ritmo accelerato dalla metà del 2022.

Separato I dati dell’ONS I dati pubblicati la scorsa settimana mostrano che in media gli affitti nel Regno Unito sono aumentati ad un tasso annuo del 5,7%, con Londra che ha registrato un aumento del 6,2%, il più alto da quando sono iniziate le serie di dati per la capitale nel gennaio 2006.

“Il Regno Unito sta affrontando una crisi di accessibilità degli alloggi, in particolare a Londra”, ha affermato Victoria Scholar, responsabile degli investimenti presso Interactive Investor, un servizio di investimenti online.

Un normale Sondaggio ONS pubblicato venerdì ha rilevato che il 43% degli intervistati ha difficoltà a permettersi l’affitto o il mutuo, rispetto al 30% di ottobre dello scorso anno.

Martin Beck, capo consigliere economico dell’EY Item Club, ha affermato che la crescita dei salari nominali ha sostenuto i redditi nell’ultimo anno, ma ha aggiunto che “i giovani, i cui salari sono cresciuti relativamente lentamente negli ultimi anni e che sono più propensi ad affittare, hanno sperimentato un calo di accessibilità”.

Gli affitti stanno aumentando in parte a causa di un aumento della domanda poiché un forte aumento dei costi dei mutui ha reso l’acquisto di una proprietà inaccessibile per molti, soprattutto per chi lo compra per la prima volta. I proprietari, a loro volta, hanno trasferito i maggiori oneri finanziari agli inquilini.

Andrew Wishart, economista di Capital Economics, ha affermato che l’offerta è stata ridotta anche perché “i proprietari altamente indebitati” sono stati costretti a vendere alcune delle loro proprietà quando si sono rifinanziate. Ha detto che anche gli scarsi rendimenti offerti dagli affitti stanno dissuadendo i proprietari dall’acquistare nuovi appartamenti.

Tom Bill, capo della ricerca residenziale nel Regno Unito presso Knight Frank, ha affermato che un altro fattore che ha spinto al rialzo gli affitti è stata la decisione del governo di colpire i proprietari con burocrazia e tasse extra negli ultimi dieci anni perché era “politicamente opportuno”.

Bill ha detto che non si aspetta che lo squilibrio tra domanda e offerta “finisca presto, il che manterrà la pressione al rialzo sugli affitti nel medio termine”.