Sab. Mag 18th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Buongiorno. Oggi spiego l’importanza dell’appello dell’UE per una “pausa umanitaria” nella guerra a Gaza, mentre il nostro corrispondente sul clima rivela le misure che Bruxelles proporrà per contrastare la grande ondata di sussidi verdi dell’America.

Inoltre: mentre il MagicTech lancia una newsletter sulle banche centrali, unisciti a Chris Giles e ai suoi colleghi internazionali domani alle 13:00 BST per un webinar riservato agli abbonati per trarre lezioni dalla battaglia delle banche centrali contro l’inflazione. Registrati adesso per il tuo biglietto e invia le tue domande per il panel.

Convergenza

Le capitali dell’UE sembrano determinate a imporre una “pausa umanitaria” al conflitto Israele-Hamas, in una prova critica sia dell’unità del blocco che del rispetto di Israele per Bruxelles.

Contesto: Hamas, il gruppo militante islamico, ha attaccato Israele il 7 ottobre, uccidendo 1.400 persone in un attacco terroristico. Da allora Israele ha reagito contro Gaza, il territorio palestinese da cui Hamas ha lanciato il suo attacco, uccidendo più di 5.000 persone.

Secondo una bozza delle conclusioni del vertice, i leader dell’UE chiederanno una “pausa umanitaria” nel conflitto per fornire cibo, acqua e forniture mediche ai 2,3 milioni di civili intrappolati a Gaza, dopo che Israele ha tagliato le forniture in seguito all’attacco di Hamas.

Questa posizione è stata sostenuta dai ministri degli Esteri dell’UE in un incontro tenutosi ieri a Lussemburgo, con un’ampia gamma di opinioni che andavano dalla “pausa” al cessate il fuoco completo, secondo le persone presenti alla discussione.

L’UE è una chiesa ampia, con stati tradizionalmente filo-palestinesi come l’Irlanda spinti a trovare consenso con paesi più filo-israeliani come la Germania. Ma la “pausa umanitaria” è stata il punto di convergenza, hanno detto quelle persone – una richiesta che Josep Borrell, capo diplomatico dell’UE che ha presieduto la riunione ministeriale, ha ammesso essere ben lontana dalla pace che alcuni avevano chiesto.

Borrell ha affermato di aver visto intorno al tavolo “un consenso di base per comprendere che una pausa, per ragioni umanitarie, sarebbe assolutamente necessaria per garantire che l’assistenza umanitaria possa entrare [Gaza] senza affrontare i rischi che comporta una continua azione belligerante”.

La decisione finale spetta ai leader europei che si riuniranno giovedì a Bruxelles. Ma la direzione del viaggio è chiara. Una “pausa” per fornire ai più vulnerabili di Gaza i mezzi per sopravvivere sarà il minimo che Bruxelles si aspetta.

Chart du jour: ampio ma debole

Grafico a barre della variazione cumulativa del PIL reale, dal quarto trimestre del 2019 al secondo trimestre del 2023 (%) che mostra che la ripresa tedesca dal periodo Covid è stata la più debole tra le principali economie avanzate

La Germania ha subito un colpo molto più forte dall’impennata dei prezzi dell’energia dello scorso anno rispetto a molte altre grandi economie, in parte perché ha così tante grandi aziende manifatturiere che consumano gas. Di fronte alla crisi economica, i leader aziendali lanciano l’allarme.

Scudo verde

L’UE sta sulla difensiva per proteggere i settori delle tecnologie verdi.

La Commissione europea presenterà oggi diversi documenti volti a dimostrare che l’Inflation Reduction Act degli Stati Uniti non è necessariamente il miglior gioco in circolazione per la tecnologia pulita e che il blocco può proteggere le sue industrie chiave, scrive Alice Hancock.

Contesto: fino all’anno scorso, l’UE pensava di essere all’avanguardia nel mondo negli investimenti nell’energia pulita e nella politica climatica. Ma il pacchetto da 369 miliardi di dollari del presidente americano Joe Biden per sovvenzionare le industrie verdi ha spinto le aziende europee a prendere seriamente in considerazione gli investimenti oltreoceano.

“Gli Stati Uniti ci hanno tolto il terreno sotto i piedi”, ha detto un alto funzionario dell’UE.

Uno dei rapporti che saranno presentati oggi si propone di dimostrare che l’UE può eguagliare l’IRA. Si prevede che il bilancio dell’UE destinerà 578 miliardi di euro alla spesa per il clima fino al 2027, secondo una bozza visionata dal FT.

Ma, avverte la Commissione, esiste il rischio a medio termine che “l’ammontare illimitato e illimitato degli incentivi IRA” possa minare gli sforzi dell’UE volti a sviluppare un settore delle tecnologie pulite competitivo a livello internazionale attraverso mezzi diversi dagli aiuti di Stato – e dirottare gli investimenti più in generale.

Gli altri elementi che la commissione annuncerà includono un piano per l’energia eolica, con criteri per garantire che le aste dei parchi eolici siano meglio protette dagli sviluppatori che non soddisfano gli standard UE (leggi: cinesi). Inoltre, definisce le modalità per accelerare le autorizzazioni per le turbine e fornisce dettagli sui programmi di sostegno delle banche di investimento europee.

Resta da vedere se tali iniziative riusciranno a placare le preoccupazioni del settore.

Secondo il gruppo di lobby Cleantech for Europe, lo sviluppo della tecnologia pulita in Europa è “così difficile” a causa di “condizioni di concorrenza non eque tra i nuovi arrivati ​​e i grandi industriali esistenti, la mancanza di finanziamenti pubblici e privati, segnali di domanda insufficienti, mercati frammentati e regolamentazione in ritardo”.

Cosa guardare oggi

  1. Il presidente francese Emmanuel Macron visita Israele.

  2. Il premier svedese Ulf Kristersson ospita il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg a Stoccolma, in conferenza stampa 13:20.

  3. Ministri degli affari generali dell’Ue Incontrare nel Lussemburgo.

Ora leggi questi