Lun. Mag 27th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il Qatar ha mediato un accordo per riunire quattro bambini ucraini con le loro famiglie dopo che erano stati separati dai loro genitori in Russia durante l’invasione su vasta scala del paese da parte del presidente Vladimir Putin.

I bambini, di età compresa tra 2 e 17 anni, sono i primi ad essere restituiti in Ucraina dopo che il Qatar e diversi altri mediatori hanno intensificato gli sforzi per trattarli quest’estate.

Uno è già tornato in Ucraina attraverso gli Stati baltici e la Polonia, un altro è in viaggio attraverso il Qatar con sua madre, e gli altri due dovrebbero recarsi in Ucraina attraverso il Qatar entro questa settimana.

I colloqui per il ricongiungimento familiare si concentrano su migliaia di bambini ucraini che sono stati portati in Russia e tenuti in orfanotrofi o adottati da famiglie russe.

Alcuni di quei bambini, compresi i quattro rimpatriati nei colloqui con il Qatar, erano rimasti bloccati in Russia o nel territorio controllato dalla Russia quando è scoppiata la guerra. Altri furono portati con la forza in Russia dai soldati e affidati a famiglie russe.

L’Ucraina ha accusato il Cremlino di cercare di sradicare l’identità ucraina dei bambini e ha affermato che il presunto rapimento di circa 20.000 di loro equivale a un genocidio.

La questione ha portato la Corte penale internazionale ad accusare Putin di crimini di guerra a marzo, insieme alla commissaria russa per i diritti dei bambini Maria Lvova-Belova. È così controverso che Ucraina e Russia non parlano direttamente della questione.

Il Qatar ha preso parte a colloqui molto delicati che coinvolgono anche l’Arabia Saudita, la Turchia e l’ex proprietario del Chelsea Football Club Roman Abramovich.

“Nelle ultime settimane, siamo rimasti in dialogo continuo con le nostre controparti ucraine e russe, identificando aree di interesse comune attorno alle quali facilitare negoziati indiretti”, ha affermato Lolwah Al-Khater, ministro per la cooperazione internazionale presso il ministero degli Esteri del Qatar.

“La nostra speranza è che l’impegno dimostrato da entrambe le parti nei confronti di questa iniziativa apra la strada a un ulteriore dialogo volto ad allentare le tensioni e a costruire la fiducia tra le due parti”, ha affermato.

Anche se la guerra continua a infuriare senza una fine chiara in vista a più di un anno e mezzo dall’invasione su vasta scala della Russia, i mediatori e gli alleati occidentali dell’Ucraina sperano che i colloqui su questioni come quella dei bambini possano alla fine portare a negoziati di pace più ampi.

Andriy Yermak, capo dell’ufficio del presidente Volodymyr Zelenskyy a Kiev, ha dichiarato al MagicTech a settembre che l’Ucraina ha lavorato per diversi mesi con il principe ereditario dell’Arabia Saudita Mohammed bin Salman, il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan e Abramovich per cercare di mediare un accordo sulla bambini. Ha detto che l’Ucraina ha coinvolto “molti paesi, a partire dal Vaticano. . . al Sud del mondo” in materia.

“Stiamo lavorando molto duramente”, ha detto Yermak del gruppo. “È stato un grande lavoro e abbiamo una road map concreta [to bring Ukrainian children back]. Non solo spero, credo [that Ukrainian children will be returned through this mechanism].”

Yermak ha detto che Abramovich, che in precedenza ha mediato con l’Ucraina con la benedizione di Putin nei negoziati di pace, sta “lavorando con la nostra intelligence per aiutare” sulla questione dei bambini ucraini, così come sul ritorno dei prigionieri di guerra.

In un vertice internazionale convocato in Arabia Saudita in agosto per cercare soluzioni alla guerra della Russia in Ucraina, Yermak ha detto di aver incontrato il principe Mohammed, che era “assolutamente pronto e desideroso di essere coinvolto”.