Ven. Giu 14th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’incapacità dei repubblicani di selezionare un nuovo presidente della Camera rischia di complicare gli sforzi della Casa Bianca per inviare miliardi di dollari in aiuti militari extra statunitensi a Israele e Ucraina, mentre i legislatori si preparano ad una terza settimana di caos a Capitol Hill.

Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale di Joe Biden, ha dichiarato nel fine settimana che il presidente degli Stati Uniti ha “chiarito” che avrebbe chiesto ai legislatori di approvare un nuovo pacchetto di finanziamenti per Ucraina e Israele.

Sullivan ha detto alla CBS Affronta la nazione programma di domenica per “aspettarci un intenso impegno con il Congresso proprio questa settimana, mentre lavoriamo su tale pacchetto e cerchiamo di garantire il sostegno bipartisan”. Il valore del pacchetto proposto sarebbe “significativamente superiore” a 2 miliardi di dollari, ha affermato.

Ma sia repubblicani che democratici riconoscono che disfunzioni croniche e nette divisioni a Capitol Hill ostacolano questo piano, poiché la camera bassa del Congresso è rimasta senza presidente per quasi due settimane.

Allo stesso tempo, molti repubblicani alla Camera hanno respinto le richieste di ulteriori aiuti a Kiev, sollevando la questione se accetteranno più soldi per l’Ucraina quando sarà vincolata a fondi aggiuntivi per Israele.

Secondo quanto riferito, la Casa Bianca ha proposto di fornire finanziamenti aggiuntivi a Taiwan e di garantire la frontiera tra Stati Uniti e Messico per addolcire l’accordo per i repubblicani conservatori della Camera che hanno invitato Biden ad assumere una posizione più dura nei confronti della Cina e della sicurezza delle frontiere.

Tuttavia, nessun pacchetto potrà essere preso in considerazione finché la Camera dei Rappresentanti non avrà eletto un nuovo leader. Nella tarda serata di domenica i legislatori non sembravano più vicini a trovare una soluzione all’impasse.

“Questa è davvero la tragedia”, ha detto Mike Turner, il deputato repubblicano dell’Ohio e presidente del comitato ristretto sull’intelligence della Camera. Turner ha definito la cacciata dell’ex presidente Kevin McCarthy all’inizio di questo mese un “pessimo affare per l’America”.

Dopo la rimozione di McCarthy, i repubblicani alla Camera non sono riusciti più volte a coalizzarsi attorno a un nuovo leader. Venerdì il partito ha selezionato il suo ultimo candidato, il deputato dell’Ohio Jim Jordan, in una votazione segreta.

Ma secondo alcuni calcoli, ben 55 repubblicani alla Camera restano contrari alla candidatura della Giordania, rendendo praticamente impossibile la sua elezione in un voto alla Camera. Qualsiasi Presidente deve essere eletto a maggioranza semplice della Camera.

Dato che i repubblicani controllano la camera bassa del Congresso con un margine sottilissimo, e i democratici hanno rifiutato Jordan come uno “straordinario estremista”, egli non può permettersi di perdere più di una manciata di voti dalla sua stessa parte.

Tuttavia, si ritiene che Jordan e i suoi alleati mirino a un voto alla Camera già martedì.

Domenica McCarthy, che ha appoggiato Jordan, ha espresso la fiducia che alla fine otterrà i 217 voti necessari per impadronirsi del martelletto del Presidente.

“Alla fine della giornata, Jim può arrivare lì”, ha detto McCarthy a Fox News Channels. Futures della domenica mattina. “E sto facendo tutto il possibile per aiutarlo a diventare Portavoce.”

Altri erano più scettici. Anche Dan Crenshaw, un deputato repubblicano del Texas, sostiene la Giordania. Ma domenica, quando gli è stato chiesto quali fossero le possibilità del deputato dell’Ohio, ha detto alla CNN: “Niente è impossibile, ma sarà davvero, davvero difficile, in base a quello che ho sentito”.

Turner, un altro sostenitore della Giordania, ha detto che “preferirebbe che ci fosse una soluzione repubblicana”. Ma ha lasciato la porta aperta alla collaborazione con i democratici come ultima risorsa, dicendo: “Se ce n’è bisogno. . . allora penso che ovviamente ci sarà un accordo che dovremo stipulare [do].”

Hakeem Jeffries, il democratico senior della Camera, ha detto domenica a NBC News di aver tenuto “conversazioni informali” sulla formazione di una coalizione di governo con i repubblicani.

Israele riceve già 3,8 miliardi di dollari all’anno in finanziamenti dagli Stati Uniti, nell’ambito di un accordo decennale che durerà fino al 2028. Ma il Pentagono si aspetta che il Paese avrà bisogno di sostegno per ciò che è già incluso in quel pacchetto, compresi ulteriori intercettori per la sua difesa missilistica Iron Dome. sistema.

Parlando ai giornalisti a Tel Aviv dopo aver incontrato domenica i funzionari israeliani, Chuck Schumer, il leader della maggioranza democratica al Senato, ha chiarito che non aspetterà che la Camera vada avanti con un ampio pacchetto di sicurezza “nelle prossime settimane”. Qualsiasi disegno di legge dovrebbe essere approvato da entrambe le camere del Congresso prima di essere convertito in legge da Biden.

“Non aspettiamo la Camera, punto e basta. Sarebbe sciocco”, ha detto Schumer.

“Ma crediamo che se mettiamo insieme un pacchetto forte e lo approviamo con una maggioranza schiacciante, forte e bipartisan, ciò eserciterà pressioni sulla Camera, in un modo o nell’altro, affinché agisca”.