Sab. Mag 18th, 2024
I colloqui sulla coalizione olandese raggiungono la scadenza poiché l’estrema destra cerca il potere

Buongiorno. Oggi, mentre i partiti olandesi raggiungono la scadenza per formare il prossimo governo, il nostro corrispondente olandese anticipa il probabile risultato di destra, mentre il nostro corrispondente energetico rivela nuovi finanziamenti per le start-up dell’UE che lavorano per estrarre o riciclare materie prime critiche.

Contesto: il partito della Libertà di Wilders ha vinto le elezioni parlamentari di novembre con il 23% dei voti, assicurandosi 37 seggi su 150 legislature. A marzo ha accettato di non diventare primo ministro come prezzo per far parte del prossimo governo.

I colloqui tra il Partito della Libertà, il conservatore VVD – il partito del primo ministro uscente Mark Rutte – il centrodestra NSC e il populista Movimento Contadini-Cittadini devono concludersi entro oggi.

All'una di notte di questa mattina i leader del partito sono emersi da una maratona di sessione con un accordo sulle finanze pubbliche, la principale questione in sospeso.

Wilders, un attivista anti-Islam, ha fatto ambiziose promesse di spesa ai suoi sostenitori, tra cui l’abolizione della tassa sanitaria annuale e il trasporto pubblico gratuito. Il VVD e l’NSC, tuttavia, sono fiscalmente conservatori e vogliono mantenere basso il deficit di bilancio olandese.

Il leader dell’NSC Pieter Omtzigt ha affermato che l’accordo è “vicino”. “Il Paese ha bisogno di un nuovo governo”, ha aggiunto.

I due presidenti dei colloqui, Elbert Dijkgraaf e Richard van Zwol, dovranno riferire al Parlamento entro mezzanotte. “I passi finali sono i più pesanti”, ha detto Dijkgraaf.

Il prossimo gabinetto probabilmente non sarà composto dai leader del partito, che hanno accettato di rimanere parlamentari, ma da altri rappresentanti del partito e da tecnocrati.

I media locali hanno riferito che Wilders ha chiesto a Ronald Plasterk, ex membro del partito laburista olandese ed ex ministro, di essere primo ministro, ma Wilders si è rifiutato di commentare.

L'ultimo e unico esperimento di potere di Wilders è stato quello di sostenere dall'esterno il primo governo di Rutte nel 2010, ma si ritirò solo due anni dopo in una disputa sui tagli al bilancio.

Gli analisti politici sostengono che una coalizione a quattro che lo coinvolga difficilmente durerà molto più a lungo, e potrebbe portare a nuove elezioni.

Grafico del giorno: nessun limite

La Cina ha sostituito l’UE come partner commerciale indispensabile della Russia. Ecco il nostro approfondimento su cosa ciò significa per la geoeconomia globale.

Investimento critico

L’UE e i suoi partner hanno promesso 100 milioni di euro in investimenti aggiuntivi per le start-up europee di estrazione e riciclaggio mentre il blocco si affretta a garantire materiali critici per la transizione verde, scrive Alice Hancock.

Contesto: a marzo gli Stati membri dell'UE hanno approvato una legge sulle materie prime critiche, che fissa obiettivi per rilanciare l’estrazione interna e la lavorazione di elementi come litio, rame e cobalto necessari per l’energia rinnovabile e le batterie.

Circa 70 progetti minerari dell’UE sono in attesa di ottenere lo “status strategico” ai sensi della legge, che accelererà i processi di autorizzazione. Ma non tutte le comunità locali che vivono vicino alle miniere sono entusiaste. Allegato A: la miniera di litio Barroso in Portogallo, che è stata respinta più volte a causa delle preoccupazioni locali.

I nuovi fondi provenienti dall’Istituto di innovazione e tecnologia dell’UE andranno alle start-up che cercano di rendere più ecologico il processo minerario e ad altre che mirano a migliorare le capacità di riciclaggio dei minerali critici in Europa.

Un’altra questione chiave che intende affrontare è quella delle competenze. “C’è una discrepanza tra la necessità di materie prime e la disponibilità di talenti e di forza lavoro qualificata in Europa”, ha affermato Bernd Schäfer, amministratore delegato del settore materie prime dell’istituto, il quale spera che ogni euro speso dall’EIT attirerà 10 volte di più in Europa. investimenti privati.

L'annuncio del finanziamento, che consiste in nuovi 100 milioni di euro in aggiunta ai 220 milioni di euro promessi lo scorso anno, arriva mentre gli operatori del settore si riuniscono oggi a Bruxelles per un'importante conferenza.

Uno dei punti più controversi è lo sforzo dell'UE per garantire le forniture d'oltremare da paesi come il Ruanda, la Serbia e la Repubblica Democratica del Congo.

Jutta Urpilainen, commissaria europea per i partenariati internazionali, ha difeso tali accordi, dichiarando in un’intervista al FT che l’obiettivo non era solo quello di estrarre minerali in quei paesi ma anche di creare catene di valore “nazionali e locali”.

Cosa guardare oggi

  1. La Commissione europea presenta alle 11.00 le previsioni economiche di primavera.

  2. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ospita a Berlino la presidente della Confederazione Viola Amherd.

Ora leggi questi