Mer. Lug 17th, 2024
I fondi comuni di investimento europei continuano a sanguinare pesantemente

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

I gestori patrimoniali attivi europei si trovano ad affrontare una sfida senza precedenti nel gestire i continui deflussi di fondi comuni di investimento.

Dall’inizio del 2022 gli investitori hanno prelevato 258 miliardi di euro dai fondi azionari gestiti attivamente, con ulteriori 140 miliardi di euro ritirati dai fondi multi-asset e alternativi, mostrano i dati Morningstar.

Tuttavia, i fornitori di prodotti passivi hanno prosperato grazie alla domanda degli investitori, con afflussi verso fondi azionari negoziati in borsa e indicizzati per un totale di 256 miliardi di euro.

Nello stesso periodo i fondi obbligazionari passivi hanno raccolto 174 miliardi di euro.

I gestori patrimoniali non hanno mai dovuto affrontare un periodo così prolungato di riscatti dai fondi comuni europei.

I precedenti periodi di deflusso tendevano a essere limitati a periodi relativamente brevi, anche se i prelievi erano stati ingenti, come nel 2008, 2011 e 2018.

Al contrario, i deflussi netti aggregati dai fondi attivi continuano anche nel loro terzo anno nel 2024.

I fondi obbligazionari rappresentano una posizione migliore per i gestori attivi, raccogliendo afflussi netti sia nel 2023 che nei primi mesi del 2024.

I fondi passivi hanno registrato afflussi netti aggregati in ciascuno dei cinque anni analizzati in questa analisi, per un totale di 828 miliardi di euro tra fondi azionari e obbligazionari. Anche negli anni in cui i fondi attivi hanno attirato afflussi, i clienti hanno continuato a contribuire nettamente ai fondi passivi.

Prima del 2022, i fondi azionari attivi hanno attirato afflussi netti sia nel 2020 che nel 2021, per un totale di 239 miliardi di euro nell’ultimo anno. Ma questi prodotti hanno poi subito deflussi di circa 100 miliardi di euro sia nel 2022 che nel 2023.

Al contrario, i fondi attivi a reddito fisso si sono scrollati di dosso i deflussi registrati nel 2022, con una domanda che è salita a 73 miliardi di euro di afflussi nel 2023 e poi a 89 miliardi di euro nei primi quattro mesi del 2024, superando tutti i fondi passivi.

Una caratteristica degli afflussi di fondi europei prima del 2022 era la domanda di prodotti sostenibili. I fondi azionari sostenibili hanno registrato afflussi per 256 miliardi di euro solo nel 2021.

Secondo i dati Morningstar, negli ultimi anni questa percentuale è chiaramente diminuita per i fondi gestiti attivamente.

Tuttavia, l’interesse dei clienti per i fondi azionari attivi non sostenibili è diventato negativo in modo molto più significativo rispetto ai fondi azionari sostenibili.

I flussi netti verso i fondi azionari sostenibili gestiti attivamente ammontano a 29 miliardi di euro dal 2022, ma i fondi attivi non sostenibili hanno subito deflussi netti per 285 miliardi di euro nel periodo.

Inoltre, gli afflussi netti verso i fondi passivi sostenibili sono rimasti positivi ogni anno dal 2020.

Nel frattempo, i gestori patrimoniali possono guardare alla crescita dei mercati azionari e obbligazionari per contribuire ad aumentare le attività dei fondi europei. I gestori attivi azionari e multi-asset sperano che ciò contribuisca a migliorare il sentiment nei confronti dei loro prodotti.

L’indice MSCI World è cresciuto del 24,4% nel 2023, mentre l’indice Bloomberg Global Aggregate Bond è cresciuto del 16,2%. Ciò ha fatto seguito a ribassi per entrambe le classi di attività nel 2022.

Amin Rajan, amministratore delegato della società di consulenza sulla gestione patrimoniale Create-Research, ha affermato che i gestori attivi hanno risposto ai deflussi con approcci diversi.

“Alcuni stanno migliorando le proprie capacità di investimento e le strutture tariffarie, mentre altri si stanno diversificando in mercati inefficienti in cui le inefficienze informative sono mature”, ha affermato.

Ha aggiunto che alcune società di fondi si sono diversificate in asset dei mercati privati ​​“in rapida crescita” o hanno fatto ricorso a fusioni e acquisizioni per “migliorare la loro leva operativa”.

“Nei portafogli istituzionali, i fondi attivi e passivi tendono a completarsi a vicenda. I passivi si stanno concentrando sui mercati efficienti e gli attivi sui mercati inefficienti”, ha affermato Rajan.