Lun. Giu 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il governo olandese ha accantonato il progetto di ridurre il numero dei voli all’aeroporto di Amsterdam Schiphol, cedendo alle pressioni delle compagnie aeree, dell’UE e del governo americano.

L’inversione di rotta ha rappresentato un duro colpo a uno degli sforzi di più alto profilo per limitare i voli per motivi ambientali, ed è arrivata dopo che il governo olandese ha affermato che gli Stati Uniti hanno minacciato “contromisure” contro le restrizioni sui suoi vettori che atterrano nell’aeroporto hub.

Mark Harbers, ministro delle infrastrutture, ha dichiarato martedì in una lettera al Parlamento che la decisione è stata una “pillola amara da ingoiare”. Ma ha aggiunto che il governo è rimasto “impegnato a ripristinare l’equilibrio tra Schiphol e il suo ambiente di vita”, dopo che la corte d’appello olandese a luglio ha appoggiato il limite massimo di voli stabilito dall’amministrazione.

Le compagnie aeree avevano esercitato pressioni furiose contro le proposte di ridurre il numero di voli dell’8% portandolo a 460.000 all’anno in uno degli hub più trafficati d’Europa, che rappresentava il modo più drastico mai adottato nell’UE per affrontare il rumore e l’inquinamento causato dall’industria aeronautica. .

La spinta a limitare i voli si basava sull’impatto del volo sulla comunità locale, compreso il rumore degli aerei e le emissioni di biossido di azoto, piuttosto che sul contributo più ampio del volo al riscaldamento globale.

Eppure è stato visto come una cartina di tornasole della capacità dei governi di cercare di limitare i voli per affrontare il cambiamento climatico.

I dirigenti senior del settore hanno avvertito in privato che il limite ai voli olandesi potrebbe essere l’inizio di misure più ampie per limitare la crescita dei voli in Europa.

Harbers ha affermato che la decisione di accantonare il limite è arrivata dopo che il Dipartimento dei trasporti degli Stati Uniti all’inizio di questo mese ha emesso un ordine in cui indicava che la riduzione della capacità “sarebbe ingiusta, discriminatoria e anticoncorrenziale per le compagnie aeree”.

Harbers ha avvertito che questo ordine “è il primo passo verso l’adozione di contromisure da parte degli Stati Uniti”.

Anche Bruxelles ha “espresso serie preoccupazioni” riguardo al piano, mentre anche il governo canadese ha espresso le proprie preoccupazioni, ha detto Harbers.

Willie Walsh, direttore generale dell’Associazione internazionale del trasporto aereo, ha affermato di “accogliere con favore questa esplosione di buon senso da parte del governo olandese”.

“Il mantenimento della capacità di Schiphol è una buona notizia per l’occupazione, l’economia, la scelta e la comodità dei viaggiatori e per migliori relazioni commerciali”, ha affermato.

Le compagnie aeree si sono impegnate a raggiungere zero emissioni nette di carbonio entro il 2050, principalmente attraverso l’uso di carburanti meno inquinanti.

Schiphol si è detto “deluso. . . poiché i residenti locali si ritrovano ad avere la parte più corta del bastone”.

L’aeroporto aveva precedentemente affermato di essere disposto a sacrificare la crescita per diventare “più silenzioso, più pulito e migliore”, includendo proposte per il divieto dei voli notturni e dei jet privati.