Mar. Giu 18th, 2024
Il governo slovacco si rafforza nonostante il tentativo di omicidio

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Dopo che i carri armati sovietici invasero la Cecoslovacchia nel 1968, Milan Kundera osservò che una piccola nazione “è una nazione la cui stessa esistenza può essere messa in discussione in qualsiasi momento”. La recente sparatoria del primo ministro slovacco Robert Fico, sopravvissuto all’attentato, ha sottolineato questa fragilità per la nazione dell’Europa centrale di 5,4 milioni di abitanti. Ma la principale minaccia per la Slovacchia oggi viene dall’interno: una società fortemente polarizzata.

L'attentato a Fico non ha precedenti in Slovacchia, ma fa seguito a una serie di incidenti di alto profilo. Nel 2018, l’omicidio del giornalista investigativo Ján Kuciak e della sua fidanzata ha scatenato le più grandi proteste dalla Rivoluzione di velluto del 1989. Un recente attacco omofobico a Bratislava è costato la vita a due giovani. Zuzana Čaputová, presidente uscente della Slovacchia, ha scelto l'anno scorso di non ricandidarsi, in parte a causa delle minacce di morte contro lei e la sua famiglia.

Fico è diventato premier nel 2006 su una piattaforma di sinistra, ma presto è stato coinvolto in scandali di corruzione. Dopo aver lasciato l’incarico nel 2018, alcuni dei suoi colleghi più stretti sono stati perseguiti penalmente. Lo scorso settembre ha organizzato un ritorno, vincendo le elezioni parlamentari, sfruttando i sentimenti nazionalisti.

Il suo governo non ha evitato le polemiche. In soli sei mesi ha abolito l’ufficio del procuratore speciale incaricato di indagare su casi di corruzione di alto profilo, ha attenuato le pene per la criminalità dei colletti bianchi e ha preso le distanze dal consenso della politica estera occidentale su Ucraina e Cina. Tuttavia, in una società democratica il disaccordo politico deve essere tollerato; qualsiasi forma di violenza politica non deve essere vietata.

L'attacco a Fico dovrebbe far riflettere su cosa abbia portato la Slovacchia a questo punto. La nazione è stata a lungo divisa tra elettori urbani di orientamento liberale e filo-occidentale e slovacchi più anziani, più poveri e rurali nostalgici dell’era pre-1989. E i politici slovacchi sfruttano da anni queste spaccature. Le recenti elezioni si sono trasformate da contesti di idee politiche a scontri di valori e visioni del mondo. Da un lato c’è l’aspirazione ad allinearsi con l’occidente politico; dall’altro, la delusione per le tendenze post-1989 e per le condizioni culturali dell’Europa centrale e orientale.

Ciò che fa ben sperare per la riconciliazione sono gli sviluppi successivi all’attacco. Un breve momento di unità è emerso quando Čaputová e il suo successore, Peter Pellegrini, hanno invitato alla calma. Ma gli ultranazionalisti della coalizione di governo hanno attribuito l'attacco all'opposizione liberale e alla “caccia alle streghe” dei media contro Fico. Né il governo sembra molto scoraggiato dal portare avanti la sua agenda. Dopo la sparatoria, ha approvato una legge che pone il consiglio artistico sotto il controllo politico e ha avanzato piani per smantellare l’emittente statale, il tutto ignorando le sfide più acute del paese. Quest’anno la Slovacchia si trova ad affrontare il deficit più alto dell’Eurozona e le sue disastrose finanze pubbliche richiedono tagli dell’1,5% del PIL in base alle nuove regole fiscali dell’UE.

Ciò pone i partiti di opposizione nel compito quasi impossibile di dover sfidare le politiche del governo senza impegnarsi in un distruttivo gioco di colpe. Anche l’UE si trova di fronte a una scelta difficile. La Commissione europea, che in precedenza aveva messo in guardia Fico sulle conseguenze delle azioni del suo governo, deve decidere se congelare 3,7 miliardi di euro dal fondo di ripresa post-pandemia dell’UE. Sospendere questi fondi ora potrebbe rafforzare l’appello nazionalista di Fico, ma ignorare le sue trasgressioni darebbe soccorso ai populisti-nazionalisti in altre parti d’Europa.

Ciò di cui la Slovacchia, una piccola nazione alle prese con grandi spaccature interne, ha bisogno ora è una leadership politica che ripristini la decenza nella vita pubblica. Rifiutare la violenza politica è stato il primo passo necessario. Ma gli slovacchi di tutto lo spettro politico devono anche riconoscere che l’attacco non può servire come pretesto per sopprimere i critici legittimi delle politiche del governo. Il modo in cui la Slovacchia riuscirà a gestire questo delicato equilibrio sarà la prova della sua resilienza nazionale.