Mar. Giu 18th, 2024
L’inflazione turca tocca il 75%, ma il ministro dice che il peggio è passato

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il tasso di inflazione ufficiale della Turchia ha toccato il 75,5% lo scorso mese in un contesto di aumento della spesa da parte dei consumatori, imperterriti dai forti aumenti dei tassi di interesse, ma il governo ha affermato di ritenere che gli aumenti dei prezzi abbiano raggiunto il picco.

I dati pubblicati lunedì dall’Istituto statistico turco hanno mostrato che l’inflazione annua dei prezzi al consumo è aumentata notevolmente a maggio rispetto al 69,8% registrato ad aprile e al livello più alto da novembre 2022.

L’istituto ha affermato che l’inflazione è stata più alta nei prezzi dell’istruzione, degli alloggi e dei ristoranti. Secondo i sondaggi di Bloomberg e Reuters, gli economisti si aspettavano che l’inflazione di maggio sarebbe stata poco meno del 75%.

“Il peggio è alle spalle!” Lo ha detto il ministro delle Finanze Mehmet Şimşek in un post sul sito di social media X dopo l'annuncio dei dati.

“Stiamo entrando nel processo di disinflazione. Il calo permanente dell’inflazione inizierà a giugno”, ha detto Şimşek, aggiungendo che il governo ridurrà la spesa per contribuire a contenere i prezzi.

I politici turchi che hanno cercato di affrontare una crisi di lunga durata del costo della vita si aspettano un impatto crescente dagli aumenti cumulativi dei tassi di interesse da 41,5 punti percentuali, al 50%, nell’ultimo anno.

Lo sforzo di domare l’inflazione attraverso tassi di interesse più elevati è stato un cambiamento drammatico da parte del presidente Recep Tayyip Erdoğan, che in precedenza aveva costretto la banca centrale a mantenere i tassi bassi per anni per stimolare l’economia.

Dopo essere entrato nel suo terzo decennio al potere lo scorso anno, Erdoğan ha nominato Şimşek, un ex banchiere d'investimento che in precedenza ha servito come ministro delle finanze, di nuovo all'incarico per ripristinare la credibilità presso gli investitori stranieri.

I sindacati hanno avvertito che i poveri della Turchia stanno pagando il prezzo delle misure di austerità, stimando che la soglia della fame per una famiglia di quattro persone a maggio fosse di circa 19.000 TL (590 dollari) al mese, più del salario minimo di 17.000 TL. I funzionari dell’economia hanno escluso un aumento provvisorio dei salari quest’anno.

La banca centrale ha mantenuto invariato il tasso di interesse di riferimento nelle ultime due riunioni e sta testando altre misure per frenare la crescita dei prestiti, affermando dopo una riunione sui tassi del mese scorso che costi di finanziamento più elevati avrebbero un “effetto ritardato” sull’inflazione. La banca prevede che l’inflazione annuale dei prezzi al consumo rallenterà al 38% entro la fine dell’anno.

Ma i tassi di interesse più alti non hanno dissuaso i consumatori turchi dalla spesa, piuttosto che dal risparmio. I dati sul PIL pubblicati venerdì hanno mostrato che i consumi delle famiglie sono aumentati del 7,3% nel primo trimestre, alimentando un'espansione del 5,7% nell'economia turca.

L’inflazione sembra aver raggiunto un “picco ciclico”, ha scritto in una nota di ricerca Bartosz Sawicki, analista di mercato presso il brokeraggio Conotoxia, ma ha avvertito che i forti consumi significano che difficilmente i politici abbasseranno i tassi di interesse quest’anno.

“La resilienza della domanda interna e la politica fiscale allentata suggeriscono che i rischi inflazionistici prevalgono e continueranno a richiedere un atteggiamento politico restrittivo fino all’ultimo trimestre del 2024”, ha scritto Sawicki.

Secondo i dati del FMI, la Turchia ha uno dei tassi di inflazione più alti al mondo, superato da Zimbabwe, Argentina, Sudan e Venezuela.