Ven. Mag 24th, 2024
Il premier slovacco Robert Fico è stato gravemente ferito in un tentativo di omicidio

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il primo ministro slovacco Robert Fico è stato gravemente ferito mercoledì in una sparatoria che il governo ha definito un tentativo di omicidio e diversi politici sono collegati alla forte polarizzazione del paese.

L'ufficio di Fico ha detto che era in “condizioni di pericolo di vita” dopo essere stato colpito più volte mentre salutava le persone nella città di Handlová, a circa 190 km dalla capitale del paese dell'Europa centrale, Bratislava.

“Saranno le prossime ore a decidere”, ha aggiunto.

Il governo ha affermato che il 59enne leader populista e filo-russo è stato trasferito in elicottero in un ospedale nella vicina città di Banská Bystrica, piuttosto che a Bratislava, a causa della necessità di un “intervento acuto”.

Mercoledì sera Fico è stato sottoposto a un intervento chirurgico, ha riferito il ministro della difesa Robert Kaliňák, stretto alleato del primo ministro.

Ha aggiunto che la situazione di Fico è “molto complicata”, ma che “crediamo che sarà abbastanza forte per gestire questo trauma”.

Un uomo con porto d'armi è stato arrestato come sospettato della sparatoria, hanno riferito i media locali.

L'aggressore aveva una “chiara motivazione politica”, ha detto il ministro degli Interni slovacco Matúš Šutaj Eštok, che ha aggiunto che l'aggressore ha deciso di agire dopo che Peter Pellegrini, alleato della coalizione Fico, ha vinto le elezioni presidenziali del paese ad aprile.

Alcuni politici della coalizione del primo ministro si sono affrettati a sostenere che l'opposizione aveva provocato l'attacco.

Il vice primo ministro Tomáš Taraba ha affermato che “l’intera odiosa opposizione ha le dita insanguinate”.

Altri politici hanno collegato la sparatoria alle acute divisioni politiche che colpiscono la Slovacchia, uno stato membro dell’UE.

In un discorso televisivo alla nazione, la presidente uscente Zuzana Čaputová ha chiesto di porre fine al linguaggio al vetriolo contro i politici.

“La retorica odiosa a cui assistiamo porta ad atti odiosi”, ha detto. “Un attacco fisico al primo ministro è innanzitutto un attacco a una persona, ma anche alla democrazia”.

Čaputová si è detta scioccata dall'attacco “brutale e sconsiderato” e ha augurato a Fico “molta forza in questo momento critico per riprendersi”.

Le minacce di morte contro i politici sono frequenti in Slovacchia, ha affermato Milan Nič, analista del Consiglio tedesco per le relazioni estere ed ex consigliere del ministero degli Esteri slovacco.

“Non è un episodio isolato. Questo è uno dei paesi più polarizzati in Europa. . . con minacce regolari contro la vita dei politici”, ha aggiunto.

Roberto Fico
Robert Fico, parlando mercoledì a Handlová, è stato trasportato in ospedale in elicottero © Radovan Stoklasa/TASR/AP

Fico, fondatore del partito populista Smer, ha iniziato il suo quarto mandato lo scorso ottobre alla guida di una coalizione euroscettica a tre.

Questo gruppo è stato profondamente in contrasto con i gruppi liberali e pro-UE poiché chiede dure misure anti-migranti e la fine delle sanzioni contro la Russia imposte dopo l’invasione dell’Ucraina.

Il ritorno al potere di Fico ha scatenato quest’anno proteste di massa che hanno fatto eco alle manifestazioni su larga scala del 2018 per la sparatoria mortale di un giornalista di 27 anni che stava indagando su presunti collegamenti tra Smer e la criminalità organizzata. Fico si è dimesso dal suo precedente mandato in mezzo a quelle proteste.

Michal Šimečka, leader dell'opposizione liberale del paese, ha dichiarato sul sito di social media X: “Condanniamo assolutamente e fermamente la violenza e l'uccisione di oggi del primo ministro Robert Fico. Crediamo che starà bene.

“Allo stesso tempo, invitiamo tutti i politici ad astenersi da qualsiasi dichiarazione e azione che possa contribuire all’escalation della tensione”.

Da quando è tornato alla presidenza della Slovacchia, Fico ha compiuto mosse politiche controverse come lo scioglimento di un ufficio anti-corruzione nonostante gli avvertimenti di Bruxelles.

Il mese scorso, la sua coalizione ha portato avanti una legge contro le organizzazioni non governative, che secondo i critici è stata ispirata dalla repressione ungherese dei gruppi per i diritti civili.

Vista posteriore di una persona in manette seduta a terra
Una persona viene arrestata dopo la sparatoria a Handlová © Radovan Stoklasa/Reuters

Il primo ministro ungherese Viktor Orbán, alleato politico di Fico all’interno dell’UE, si è detto scioccato dall’“odioso attacco contro il mio amico”.

Altri leader mondiali si sono affrettati a condannare la sparatoria. Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha dichiarato: “Tali atti di violenza non hanno posto nella nostra società e minano la democrazia, il nostro bene comune più prezioso. . . I miei pensieri vanno al Primo Ministro Fico e alla sua famiglia”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato: “Condanniamo questo orribile atto di violenza”.