Lun. Giu 24th, 2024
Il rapporto tra Xi e Putin è costruito per durare

Sblocca gratuitamente la newsletter del conto alla rovescia per le elezioni americane

La reputazione del defunto Henry Kissinger come genio diplomatico si basava soprattutto su un risultato: il riavvicinamento USA-Cina dei primi anni '70.

Negoziata in profonda segretezza e poi suscitata da un mondo sorpreso, l’apertura dell’America alla Cina ha cambiato le dinamiche della guerra fredda. L’Unione Sovietica sembrò improvvisamente molto più isolata.

Il ricordo aleggia ancora sulla politica internazionale. Sin dall’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022, molti governi occidentali hanno cercato modi per ripetere il trucco, rompendo la partnership “senza limiti” tra la Russia di Vladimir Putin e la Cina di Xi Jinping.

Ma i discorsi superficiali sulla divisione di Mosca da Pechino sorvolano su una divisione di opinioni su quale paese corteggiare. Molti europei sperano di convincere Xi ad adottare una linea più dura nei confronti di Putin sull’Ucraina. Il loro obiettivo, in altre parole, è isolare la Russia.

A Washington, tuttavia, l’opinione prevalente è che la Cina sia l’avversario più pericoloso a lungo termine. Alcuni strateghi americani temono di spingere la Russia tra le braccia della Cina e di alterare così l’equilibrio di potere globale a favore di Pechino.

Nonostante la sua ammirazione di lunga data per la Cina, questa sembrava essere l’opinione dello stesso Kissinger. Poco prima della sua morte mi disse che era preoccupato che una Russia indebolita potesse di fatto diventare un satellite della Cina, con il risultato che la sfera di influenza di Pechino potesse estendersi a poche centinaia di chilometri da Varsavia.

In teoria, organizzare una seconda scissione tra Mosca e Pechino sarebbe una soluzione a tali ansie. Sfortunatamente, è altamente improbabile che questo tipo di mossa geopolitica funzioni nella pratica, almeno nel prossimo futuro. Il calore dell’accoglienza riservata a Putin durante la sua visita a Pechino la scorsa settimana testimonia la duratura solidità delle relazioni Cina-Russia.

Il legame Xi-Putin rimane forte perché si basa su a visione comune del mondo. Entrambi sono nazionalisti autocratici che vedono negli Stati Uniti la principale minaccia. Nel loro dichiarazione congiunta emessi durante la visita di Putin in Cina, i due hanno accusato l'America di perseguire una politica di “doppio contenimento” nei confronti di Russia e Cina e di comportamento “egemonico”.

Mosca e Pechino ritengono che gli Stati Uniti stiano cercando di circondare Russia e Cina con alleanze militari ostili: la NATO in Europa e le alleanze bilaterali degli Stati Uniti con Giappone, Corea del Sud, Filippine e Australia nell’Indo-Pacifico.

Naturalmente, il motivo per cui gli Stati Uniti hanno così tanti alleati in Europa e in Asia è che sia la Russia che la Cina ispirano paura in molti dei loro vicini. Questa è una realtà che Putin e Xi non sono disposti a riconoscere. Invece, insistono nel dire che stanno difendendo i loro paesi da un’America espansionista. Con ogni probabilità, ci credono davvero.

Mentre guardano con sospetto agli alleati degli Stati Uniti nelle loro regioni, Russia e Cina si considerano vicini relativamente affidabili. Condividono un lungo confine. Quindi il mantenimento di relazioni amichevoli è considerato fondamentale da entrambi i paesi, per sventare il “doppio contenimento” da parte degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Vista da Pechino, la sconfitta della Russia rischierebbe di lasciare la Cina pericolosamente isolata. Come afferma sardonicamente un diplomatico cinese, la proposta dell’America a Pechino potrebbe essere riassunta come: “Per favore aiutaci a sconfiggere il tuo più stretto alleato, in modo che possiamo rivoltarci contro di te”. Allo stesso modo, Putin sa che il sostegno cinese è del tutto indispensabile allo sforzo bellico russo in Ucraina.

Questa fiducia reciproca significa che Mosca e Pechino rimarranno legate insieme, qualunque siano le tensioni di fondo nella loro relazione.

Eppure quelle tensioni ci sono senza dubbio. Nonostante tutte le somiglianze nelle loro visioni del mondo, Russia e Cina si trovano in situazioni geopolitiche molto diverse. Putin ha trasformato la Russia in uno stato paria in Occidente. La Cina, al contrario, rimane uno dei maggiori partner commerciali sia dell’America che dell’Europa.

Questa differenza rende la Russia disposta a correre rischi che i cinesi potrebbero considerare sconsiderati. Durante un recente viaggio a Pechino, alcuni analisti cinesi mi hanno detto di essere a disagio per la crescente vicinanza delle relazioni militari tra Russia e Corea del Nord. Una preoccupazione era che – in cambio di proiettili di artiglieria nordcoreani – i russi condividessero incautamente tecnologia militare avanzata con il regime Kim a Pyongyang.

Nel lungo termine, il Cremlino deve anche essere preoccupato per la crescente dipendenza della Russia dalla Cina – e per il crescente squilibrio di potere tra le due nazioni. I russi sanno bene che nel corso del XIX secolo la Cina ha ceduto loro centinaia di migliaia di chilometri di territorio. Ma le recenti mappe cinesi sì mostrato alcune città russe con i loro antichi nomi cinesi: uno spostamento cartografico che sicuramente sarà stato notato a Mosca.

Tuttavia, tutte queste tensioni rimangono in gran parte sotto la superficie. Questa è una differenza fondamentale rispetto alla situazione del 1971-72, quando la scissione sino-sovietica era piuttosto aperta, offrendo a Nixon e Kissinger una chiara opportunità di corteggiare la Cina.

Cogliere questa opportunità negli anni ’70 richiese agli Stati Uniti di fare significative concessioni alla visione mondiale cinese, soprattutto nei confronti di Taiwan. Un secondo tentativo occidentale di distruggere l’asse russo-cinese oggi richiederebbe probabilmente cambiamenti politici ancora più difficili – ancora una volta su Taiwan, o sull’Ucraina. A Washington c’è pochissima voglia di fare una mossa del genere. Almeno, non finora.

[email protected]