Mar. Giu 18th, 2024
Rishi Sunak si scusa per la "calamità" dello scandalo del sangue infetto

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il primo ministro Rishi Sunak si è detto “veramente dispiaciuto” per gli orrori dello scandalo del sangue infetto del servizio sanitario nazionale mentre ha detto alla Camera dei Comuni che voleva assicurarsi che “niente di simile possa mai più accadere nel nostro paese”.

Le scuse hanno fatto seguito alla pubblicazione del rapporto finale della schiacciante inchiesta pubblica sullo scandalo del sangue infetto, durato decenni, che ha scoperto che lo Stato britannico era colpevole di un insabbiamento “agghiacciante” e “pervasivo”.

Sir Brian Langstaff, presidente dell’indagine sul sangue infetto, ha affermato lunedì che 30.000 uomini, donne e bambini sono stati “consapevolmente esposti a rischi inaccettabili di infezione” attraverso prodotti sanguigni contaminati forniti dal servizio sanitario nazionale tra gli anni ’70 e l’inizio degli anni ’90.

Finora più di 3.000 persone sono morte dopo aver contratto l'HIV, l'epatite C e altre malattie a causa dei prodotti contaminati.

Parlando alla Camera dei Comuni, sotto gli occhi di alcune delle vittime, Sunak si è impegnato a istituire un massiccio piano di risarcimento, che secondo le stime potrebbe costare oltre 10 miliardi di sterline.

“Qualunque costo costerà realizzare questo progetto, lo pagheremo”, ha detto Sunak. I dettagli completi del piano che risarcirà le persone “infette e colpite” dal sangue contaminato saranno illustrati martedì.

Sunak ha riconosciuto che lo stato britannico è stato coinvolto per decenni nell’insensibile maltrattamento dei pazienti e impegnato in un insabbiamento. Il primo ministro ha affermato che la vicenda “dovrebbe scuotere la nostra nazione nel profondo”.

Un poster sulla fiancata di un furgone pubblicizza lo scandalo in cui 30.000 persone furono consapevolmente esposte a “rischi inaccettabili di infezione” ©Leon Neal/Getty Images

Ha offerto “scuse sincere e inequivocabili” a nome dello Stato britannico per la “calamità” dello scandalo, che ha distrutto decine di migliaia di vite e ha lasciato le vittime a lottare per decenni per la giustizia.

Sir Keir Starmer, leader laburista, ha affermato che tutti i partiti politici hanno la colpa. Rivolgendosi alle vittime dello scandalo, ha affermato: “Collettivamente non siamo riusciti a proteggere alcuni dei più vulnerabili della nostra società. La politica stessa ti ha deluso”.

Anche Amanda Pritchard, amministratore delegato del NHS England, si è scusata lunedì con le vittime che erano state “gravemente deluse” dal servizio sanitario.

Il rapporto finale di Langstaff sull'indagine durata sette anni hanno trovato un “catalogo di fallimenti” che ha portato decine di migliaia di pazienti del sistema sanitario nazionale a ricevere campioni di sangue contaminati da HIV ed epatite C.

Citando il rifiuto del governo di accettare un'inchiesta pubblica fino al 2017, ha anche accusato il personale sanitario, i ministri e i funzionari di “mancanza di apertura, trasparenza e franchezza. . . tale che la verità è rimasta nascosta per decenni”.

Il servizio sanitario nazionale e i governi successivi hanno adottato una cultura difensiva e hanno supervisionato la “distruzione deliberata di alcuni documenti”, ha aggiunto.

L'indagine ha rilevato che alcuni pazienti con disturbi emorragici, compresi i bambini, erano stati sottoposti a esperimenti senza il consenso informato loro o dei genitori.

Un sito per questi esperimenti, afferma il rapporto, era un collegio per bambini con disabilità dell’Hampshire, dove gli alunni “erano spesso considerati oggetti di ricerca” e i rischi del trattamento erano “ben noti” ai medici.

Langstaff ha anche scoperto che ai pazienti sottoposti al test per l’HIV e l’epatite C non venivano informati dei risultati dei loro test “per settimane, mesi o addirittura anni”, influenzando la loro capacità di gestire le condizioni di salute.

Ha detto che non era nelle sue competenze suggerire l'avvio di procedimenti civili o penali. Nessuno nel Regno Unito è mai stato perseguito in relazione allo scandalo, a differenza di paesi come la Francia.

Sunak ha promesso di rivedere le raccomandazioni di Langstaff per evitare il ripetersi dello scandalo, ampiamente visto come il peggior disastro terapeutico nella storia del servizio sanitario nazionale.

Il primo ministro ha affermato che lo scandalo del servizio sanitario nazionale porta i tratti distintivi di altri grandi scandali che hanno comportato l’occultamento delle prove e l’individuazione delle vittime come capro espiatorio, compreso il disastro dello stadio di football di Hillsborough nel 1989.

Lo stato si trova inoltre a fronteggiare un ingente risarcimento per risarcire i sub-direttori delle poste accusati ingiustamente di frode nello scandalo IT di Post Office Horizon.

Starmer ha affermato di sostenere l'impegno di Sunak di fornire un risarcimento completo a tutte le persone infette e colpite dallo scandalo. Il costo si aggiungerà comunque ai vincoli di finanziamento di qualunque partito formerà un governo dopo le elezioni.

Funzionari del Tesoro hanno affermato che ciò non influenzerà la capacità del cancelliere Jeremy Hunt di tagliare le tasse, possibilmente in una dichiarazione autunnale pre-elettorale.

I pagamenti di compensazione saranno trattati come spese in conto capitale, sostenute come costi una tantum nei singoli anni finanziari.

Hanno detto che è quindi improbabile che abbia un impatto sulla regola fiscale cruciale di Hunt, che stabilisce che il debito deve diminuire in percentuale del PIL nel quinto anno delle previsioni economiche, rispetto al quarto anno.

All’inizio di questo mese Hunt ha dichiarato a Sky News: “Ci sarà un impatto sulle finanze pubbliche ma non avrà alcun impatto sulla spesa pubblica a lungo termine o sui livelli di tassazione a lungo termine perché si tratta di un pagamento una tantum”.