Gio. Giu 13th, 2024
Il regolatore italiano multa i trader olandesi ad alta velocità per aver venduto allo scoperto Saipem

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

L'autorità di regolamentazione finanziaria italiana ha penalizzato due trader olandesi ad alta velocità per aver venduto illegalmente azioni di Saipem dopo che l'ingegnere del giacimento petrolifero ha fallito una raccolta fondi di 2 miliardi di euro nel 2022.

Martedì la Consob ha dichiarato di aver emesso multe combinate di 4,7 milioni di euro e ordinato la restituzione dei 4,9 milioni di euro di profitti totali realizzati da Optiver e Flow Traders con sede ad Amsterdam per le cosiddette vendite allo scoperto nude, dove i trader scommettono sul calo delle azioni senza prendere in prestito loro in anticipo. La pratica è vietata in Europa e negli Stati Uniti.

Secondo l'agenzia, i due avrebbero “operato in maniera massiccia tramite nude vendite allo scoperto su azioni Saipem durante l'aumento di capitale iperdiluitivo della società” del luglio 2022.

Due anni fa le azioni della società italiana in difficoltà crollarono del 70% dopo che non riuscì a raccogliere 2 miliardi di euro dagli azionisti, anche se i suoi maggiori detentori, la major petrolifera controllata dallo stato Eni e Cassa Depositi e Prestiti (CDP), intervennero.

Ha segnato il secondo tentativo fallito di Saipem di raccogliere capitali dopo un tentativo fallito di assicurarsi 3,5 miliardi di euro dagli azionisti nel 2016 e le banche garanti sono rimaste a detenere le azioni in circolazione.

Secondo l'autorità di regolamentazione, nel luglio 2022 Optiver ha negoziato in due giorni quasi 9,5 milioni di azioni Saipem, ovvero il 44,3% del capitale azionario della società, tramite stock option. Il 12 luglio Flow Traders ha scambiato il 7,2% del capitale azionario di Saipem.

Nessuna delle due società “ha informato la Consob o il mercato violando quindi le norme di trasparenza previste dalla normativa europea sulle vendite allo scoperto”, ha affermato l'autorità di regolamentazione.

Secondo la legge europea, le posizioni corte del valore superiore allo 0,5% del capitale azionario di una società devono essere rese pubbliche, sebbene siano previste esenzioni per i market maker.

Optiver e Flow Traders sono due delle più grandi società europee di trading ad alta frequenza e in genere guadagnano facilitando gli scambi tra acquirenti e venditori di titoli.

La Consob ha dichiarato che Optiver ha realizzato un utile di 2,7 milioni di euro dalle operazioni e Flow Traders un utile di 2,2 milioni di euro. L’autorità di regolamentazione ha affermato che tali profitti erano “illegali” e ha ordinato alle società di restituirli.

Optiver ha affermato di essere conforme ai propri requisiti di fornire prezzi competitivi e dimensioni degli ordini comparabili sia per l'acquirente che per i venditori.

Ha aggiunto di considerare tutte le sue operazioni Saipem “coperte dalla relativa esenzione dal market making, e quindi non siamo d'accordo con la sanzione della Consob”.

Il gruppo olandese ha detto che sta valutando un ricorso. “Prendiamo i nostri doveri di market maker, nonché il rispetto delle disposizioni legali e regolamentari, con estrema serietà, e rimaniamo impegnati a lavorare in cooperazione con i regolatori e gli scambi”, si legge in una nota.

Flow Traders non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Durante l’aumento di capitale di Saipem del 2022, l’autorità di regolamentazione italiana aveva diffidato i gruppi a rispettare le normative esistenti. La decisione della Consob arriva dopo un'indagine durata due anni.