Lun. Giu 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Il presidente entrante del sistema di certificazione internazionale per i diamanti in conflitto si è scagliato contro un piano del gruppo G7 dei paesi sviluppati per tracciare e rintracciare i diamanti russi, avvertendo di “danno irreparabile” per i produttori africani.

Ahmed bin Sulayem, che questa settimana è stato eletto per farsi carico del Kimberley Process, un organismo multilaterale incaricato di ripulire il commercio dei diamanti, ha affermato che qualsiasi progetto proposto “deve tenere conto delle nazioni africane produttrici di diamanti” come il Botswana, la Repubblica Democratica del Congo e Sudafrica.

Ma gli Emirati hanno avvertito che la proposta belga di porre restrizioni al commercio internazionale di diamanti, che il G7 sta valutando di adottare, “è ben al di sotto di questo importante obiettivo”.

Il capo diplomatico dell’UE Josep Borrell la scorsa settimana ha affermato che il blocco sarebbe andato avanti con il divieto dei diamanti russi dopo aver ottenuto il sostegno sufficiente da parte del gruppo G7 dei paesi sviluppati.

La disputa sui diamanti è solo l’ultima frattura tra l’Europa e le capitali africane. Un incontro ministeriale previsto per la prossima settimana è stato rinviato dopo che i funzionari hanno deciso che ci sono poche possibilità che le due parti raggiungano un accordo su un comunicato congiunto contenente informazioni riguardanti la guerra di Israele contro Hamas e la guerra della Russia in Ucraina, secondo tre persone informate delle discussioni.

Il rinvio fa seguito al disaccordo tra soprattutto i paesi occidentali, che hanno offerto un forte sostegno a Israele, e i membri del Sud del mondo, che hanno chiesto un cessate il fuoco.

Un dipendente tiene in mano un diamante grezzo in una fabbrica di Mosca
Un dipendente tiene in mano un diamante grezzo in una fabbrica di Mosca © Tatyana Makeyeva/Reuters

Il processo di Kimberley è l’organismo globale istituito vent’anni fa per eliminare il commercio di diamanti insanguinati a seguito di una risoluzione dell’assemblea generale delle Nazioni Unite a causa dell’allarme internazionale sui “diamanti insanguinati” provenienti dalla Sierra Leone.

Le nazioni occidentali sono frustrate dall’incapacità del processo di etichettare le pietre russe come “diamanti dei conflitti” poiché la nomenclatura è riservata al finanziamento di gruppi ribelli, piuttosto che alle guerre condotte dai governi contro altre nazioni.

L’UE ha sostenuto che è necessario un sistema di tracciabilità per verificare l’origine di un diamante e rendere effettive le sanzioni sulle pietre russe.

Sono state avanzate quattro proposte per un sistema per tracciare e rintracciare i diamanti attraverso la catena di approvvigionamento, che aprirebbe la strada a un divieto dell’UE sulle pietre russe.

Quelli provenivano dal Belgio, sede di un importante hub commerciale globale ad Anversa; la Francia con il suo vasto settore della gioielleria; India, il più grande centro di taglio dei diamanti del mondo; e il World Diamond Council, un ente industriale sostenuto da De Beers.

Secondo una versione della proposta belga vista dal MagicTech, Anversa diventerebbe un “gatekeeper” per verificare i diamanti di origine non russa che entrano nei paesi del G7.

Tuttavia, le nazioni africane temono che diventerebbero un danno collaterale nell’ambito di una simile proposta, con Anversa che trarrebbe profitto dai loro diamanti. Anche i ministri dei paesi africani produttori di diamanti si sono lamentati di essere stati esclusi dalle discussioni del G7.

Sulayem ha affermato che l’opinione prevalente dei ministri africani al recente incontro del Processo di Kimberley “era che il sistema proposto dal Belgio penalizzerebbe le nazioni africane produttrici di diamanti causando loro un danno irreparabile”.

L’African Diamond Producers Association, che rappresenta 19 produttori che rappresentano il 60% della produzione globale, il mese scorso ha avvertito che la proposta “porterebbe un’interruzione della catena di approvvigionamento”. [and] oneri e costi aggiuntivi” per le nazioni minerarie.