Mar. Dic 5th, 2023

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Lunedì il governatore della Banca d’Inghilterra ha avvertito che è troppo presto per dichiarare vittoria sull’inflazione anche dopo la debole crescita dei prezzi segnalata questo mese, poiché ha previsto che la politica monetaria del Regno Unito dovrà rimanere restrittiva “ancora per un bel po’ di tempo”.

Andrew Bailey ha sostenuto in un discorso che la compressione dei redditi delle famiglie derivante dall’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia potrebbe ancora influenzare le richieste salariali, il che rischia di perpetuare le pressioni inflazionistiche.

L’Ufficio per le statistiche nazionali la scorsa settimana ha segnalato un calo più marcato del previsto nel tasso di inflazione complessiva, al 4,6% in ottobre, dal 6,7% di settembre.

“L’inflazione rimane troppo alta e dobbiamo assicurarci di ridurla fino al livello più basso [BoE’s] Obiettivo del 2%”, Bailey disse ad un evento organizzato dall’Unione Nazionale degli Agricoltori.

“Ciò significa anche prestare attenzione a ulteriori segnali di persistenza dell’inflazione che potrebbero richiedere un nuovo aumento dei tassi di interesse”.

Con il comitato di politica monetaria della BoE che ha mantenuto i tassi di interesse al 5,25% nella riunione di novembre, la banca centrale ha sottolineato che è troppo presto per parlare di riduzioni dei costi di finanziamento dati i segnali di inflazione persistente nell’economia del Regno Unito – un messaggio che altri, tra cui lo hanno ripetuto anche la Federal Reserve americana e la Banca Centrale Europea.

Tuttavia, molti investitori ed economisti stanno ora discutendo su quanto presto – e dove – i tassi di interesse inizieranno a scendere nel 2024 mentre si concentrano sui segnali di indebolimento della crescita economica nei paesi sviluppati.

Nel suo discorso, Bailey si è opposto a qualsiasi discorso di allentamento della politica monetaria sulla scia di queste cifre, dicendo: “Vorrei essere molto chiaro: è troppo presto per pensare a tagli dei tassi”.

Ha aggiunto: “Le ultime proiezioni dell’MPC indicano che probabilmente la politica monetaria dovrà essere restrittiva ancora per un bel po’ di tempo”.

Bailey ha sottolineato che, sebbene vi sia stato un certo rallentamento nell’inflazione dei servizi – una variabile chiave monitorata dalla BoE mentre misura le pressioni sui prezzi interni – essa è rimasta “troppo elevata e ben al di sopra dei tassi di inflazione dei prezzi dei servizi visti prima dell’inizio dell’anno. [Covid] pandemia”.

E mentre la BoE prevedeva un calo dell’inflazione dei prezzi alimentari, c’erano rischi in vista nei prossimi mesi e anni dato che “l’inflazione alimentare può essere volatile anche nei giorni migliori”, ha detto Bailey.

Il cambiamento climatico sta influenzando i modelli meteorologici e aumentando il rischio di scarsi raccolti, ha aggiunto.

La frammentazione economica globale potrebbe anche innescare picchi di prezzo, mentre il conflitto in Medio Oriente ha aggiunto “rischi al rialzo ai prezzi dell’energia e, di conseguenza, al costo della produzione alimentare”, ha affermato Bailey.