Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’intensificarsi della lotta di potere tra i leader polacchi minaccia di far deragliare l’agenda pro-UE di Donald Tusk e di mettere le istituzioni statali l’una contro l’altra.

In un incontro molto atteso tenutosi lunedì, il presidente polacco Andrzej Duda e il primo ministro Tusk non sono riusciti ad allentare le tensioni, con Duda che descrive le riforme della nuova amministrazione come tentativi di “violare la legge” e Tusk che incolpa il presidente di “devastazione dello stato di diritto”. ” sotto il precedente governo di destra Diritto e Giustizia (PiS).

Tusk ha già denunciato in precedenza le tattiche di “evidente sabotaggio” dell’opposizione PiS come tentativo di mantenere il controllo su parte dell’apparato statale. “Per dirla senza mezzi termini, si tratta di un tentativo di costruire un doppio potere e con il coinvolgimento delle più importanti istituzioni statali”, ha detto in una conferenza stampa la settimana scorsa.

Le reciproche recriminazioni stanno creando “una situazione pericolosa” costringendo Tusk a passare da una crisi all’altra, il che potrebbe portare alla creazione di un “doppio stato”, ha affermato l’investitore ed editorialista polacco Paweł Konzal. “È un evento senza precedenti e sembra che non sia stato previsto dal nuovo governo”, ha detto al MagicTech.

L’ultima fonte di discordia tra i due politici è la sorte del procuratore nazionale nominato dal precedente governo PiS, licenziato venerdì ma che il presidente vuole mantenere in carica. Duda, lui stesso candidato al PiS, si è anche schierato con l’ex partito al governo nel difendere due dei suoi parlamentari condannati per abusi in carica.

Lunedì, in una conferenza stampa, Tusk ha accusato Duda di essere “coinvolto nella devastazione dello stato di diritto e dell’ordine legale in Polonia dal 2015”.

Ma ha anche riconosciuto che Duda ha poteri di veto che potrebbero ostacolare il suo mandato fino alle elezioni presidenziali del prossimo anno. “È nel nostro comune interesse che l’ultima dozzina di mesi circa del suo mandato trascorra in una buona atmosfera”, ha detto Tusk. Ha promesso di portare avanti la rimozione degli incaricati del PiS e una revisione giudiziaria necessaria a Bruxelles per sbloccare i fondi UE congelati di Varsavia.

Duda, a sinistra, siede con Tusk lunedì nel palazzo presidenziale di Varsavia ©Czarek Sokolowski/AP

Da quando è entrato in carica un mese fa, Tusk ha faticato a mantenere le sue promesse elettorali, con Duda che già mostrava voglia di essere dirompente.

In primo luogo, il presidente ha ritardato la nomina di Tusk a primo ministro, poi ha posto il veto sulla sua legge di bilancio di dicembre e la settimana scorsa ha trasformato la controversia sui due parlamentari PiS condannati in una vera e propria crisi costituzionale.

Lunedì Duda ha ripetuto le richieste per il rilascio dei due “prigionieri politici” – come li chiama il PiS – che erano detenuti nel palazzo presidenziale dove avevano cercato rifugio. Il governo Tusk ha detto che rispetterà i piani di Duda di concedere una nuova grazia, ma nel frattempo non accelererà il loro rilascio.

Anna Wojciuk, professoressa di politica all’Università di Varsavia, ha detto di aver nutrito “una piccola speranza che Duda svolgesse più il ruolo di arbitro” tra la coalizione di Tusk e l’opposizione, ma i suoi recenti interventi hanno mostrato che la sua priorità era “difendere la propria patrimonio, come uno dei padri fondatori delle modifiche normative apportate dal PiS”.

Di fronte a una simile battaglia, Tusk ha scelto di evitare questioni che potrebbero creare tensioni all’interno della sua ingombrante coalizione o rinvigorire il messaggio ultranazionalista del PiS.

Finora ha mantenuto l’agenda protezionistica del precedente governo, rischiando di venire meno alla propria promessa elettorale di riportare la Polonia al centro delle politiche dell’UE. Recentemente ha affermato che la Polonia “non accetterà mai” migranti illegali in base a un accordo dell’UE sulla condivisione delle responsabilità nell’ospitare i richiedenti asilo, concordato lo scorso anno nonostante Polonia e Ungheria abbiano votato contro.

Riguardo all’Ucraina, si è impegnato a sostenere Kiev nella sua difesa contro la guerra della Russia, ma non a spese degli agricoltori e dei camionisti polacchi, che hanno bloccato i valichi di frontiera ucraini da novembre per protestare contro le importazioni e i servizi più economici dal paese vicino.

Una marcia indetta dal partito PiS a sostegno della democrazia, della libertà dei media e della libertà di parola a Varsavia la settimana scorsa © Damian Lemanski/Bloomberg

La posizione di Tusk è anche motivata dalle sue preoccupazioni riguardo alla mobilitazione del suo elettorato da parte del PiS in vista delle elezioni locali di aprile e delle elezioni del Parlamento europeo di giugno. Decine di migliaia di polacchi hanno sfidato il clima gelido di Varsavia la scorsa settimana per ascoltare il leader del PiS Jarosław Kaczyński denunciare la presunta violazione della costituzione da parte di Tusk.

Un sondaggio d’opinione di SW Research pubblicato lo scorso fine settimana sul quotidiano Rzeczpospolita ha rilevato che il 47% degli intervistati si aspetta che la democrazia polacca migliori sotto Tusk, rispetto al 28% che la vede in peggioramento. Gli altri erano indecisi o credevano che Tusk avrebbe apportato pochi cambiamenti.

Il professore di politica Wojciuk ha affermato che la faida post-elettorale potrebbe essere “una sorpresa per una parte dell’opinione pubblica, ma non per coloro che hanno capito che il PiS stava costruendo un sistema di autoritarismo elettorale a cui non si sarebbe mai arreso facilmente”.

Tusk probabilmente dovrà affrontare “una forte resistenza contro ogni passo che farà”, ha aggiunto, “ma quello che vediamo nei sondaggi è che la coalizione non sta perdendo il suo sostegno – e questo è essenziale”.