Lun. Giu 24th, 2024
La Francia prevede di inviare aerei da combattimento Mirage in Ucraina

Sblocca gratuitamente la newsletter del conto alla rovescia per le elezioni americane

Giovedì il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato che il suo paese invierà alcuni aerei da combattimento Mirage in Ucraina e addestrerà i piloti a pilotarli, come parte di un aumento degli aiuti per aiutare Kiev a resistere all’avanzata russa nel suo territorio.

L’impegno è arrivato dopo che gli alleati della Nato, tra cui Belgio, Norvegia, Danimarca e Paesi Bassi, si sono impegnati a inviare circa 80 caccia F-16 di fabbricazione statunitense in Ucraina.

Macron ha detto che la Francia sta cercando di mettere insieme una coalizione di paesi che possiedono il modello Mirage 2000, prodotto da Dassault Aviation, quindi resta da vedere quanti aerei verranno inviati in Ucraina.

“L'obiettivo è avere i piloti e i jet in Ucraina entro la fine dell'anno”, ha aggiunto.

Gli alleati della NATO forniranno all’Ucraina decine di caccia F-16, a partire da quest’estate, e stanno addestrando i piloti ucraini a pilotare gli aerei da diversi mesi.

Il Mirage è un aereo da caccia multiruolo entrato in servizio negli anni '70.

Il 2000-5 è la versione più moderna, dotata di radar avanzato, ma è stato in gran parte sostituito nelle forze armate francesi dal più avanzato Rafale.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha esercitato pressioni sugli alleati occidentali affinché fornissero al paese più armi e revocassero le restrizioni sul loro utilizzo, anche consentendo a Kiev di prendere di mira il territorio russo.

Macron ha affermato il mese scorso che all’Ucraina dovrebbe essere consentito di utilizzare armi di fabbricazione occidentale per colpire siti militari russi, e il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha concesso un permesso più limitato.

Emmanuel Macron, a destra, saluta Volodymyr Zelenskyy alla commemorazione dello sbarco in Normandia a Omaha Beach in Normandia ©AFP tramite Getty Images

Giovedì Zelenskyj era in Francia per colloqui con Macron e per partecipare, insieme a Biden, a una serie di eventi in occasione dell'80° anniversario dello sbarco in Normandia che cambiò il corso della seconda guerra mondiale.

Biden ha usato il suo discorso a Omaha Beach per chiamare il presidente russo Vladimir Putin “un tiranno” e promettere sostegno all’Ucraina.

Si prevede che Zelenskyy solleciti la causa per maggiori aiuti militari in un incontro con Biden, e venerdì dovrebbe parlare al parlamento francese.

Ma una delle recenti richieste di Zelenskyj, che chiedeva agli alleati occidentali di inviare istruttori militari in Ucraina per contribuire a rafforzare rapidamente i ranghi delle sue forze armate, non è stata ancora accolta.

Anche se il mese scorso i funzionari francesi avevano lasciato intendere che Parigi avrebbe annunciato una mossa del genere, Macron non si è impegnato a inviare persone per svolgere la formazione.

Giovedì ha detto che sono in corso colloqui con altri paesi per mettere insieme una coalizione di coloro che sono disposti a fornire istruttori.

“Non dovrebbero esserci tabù su questo dato che si svolgerebbe sul territorio sovrano dell’Ucraina”, ha detto, aggiungendo che non lo considera un “fattore di escalation” contro la Russia.

Putin ha minacciato di prendere di mira i soldati occidentali se fossero stati inviati in Ucraina, e ha avvertito i paesi che vedeva questa come una grave escalation.

Macron ha affermato che la Francia addestrerà ed equipaggerà un’intera brigata di truppe ucraine, di circa 4.500 uomini.

La fallita controffensiva dell'Ucraina nell'estate dello scorso anno ha dimostrato la difficoltà del paese nell'organizzare operazioni militari su larga scala che coinvolgano più di poche centinaia di uomini.

In un altro segno delle tensioni latenti tra Francia e Russia, Mosca giovedì ha annunciato che un cittadino francese era stato arrestato con l'accusa di spionaggio.

Macron ha confermato l’arresto e ha affermato che la persona era impiegata da un’organizzazione non governativa e non aveva alcun ruolo lavorativo per la Francia.