Mar. Giu 18th, 2024
La Bce taglia i tassi di interesse per la prima volta in 5 anni

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La Banca Centrale Europea ha tagliato i tassi di interesse per la prima volta in quasi cinque anni, muovendosi più velocemente delle sue controparti statunitensi e britanniche, ma avvertendo che la pressione sui prezzi rimane elevata.

La BCE ha abbassato il tasso di riferimento sui depositi di un quarto di punto percentuale al 3,75% dopo che il consiglio direttivo si è riunito giovedì a Francoforte.

Gli operatori nei mercati degli swap hanno leggermente abbassato le loro scommesse su un secondo taglio entro settembre al 65%, dal 70% prima dell'annuncio.

La banca ha affermato che è “ora opportuno moderare il grado di restrizione della politica monetaria” in risposta a un calo dell’inflazione di oltre 2,5 punti percentuali dall’ultimo aumento dei tassi nel settembre 2023.

Ma ha avvertito che “non si stava impegnando preventivamente su un particolare percorso dei tassi” e ha avvertito che “le pressioni interne sui prezzi rimangono forti poiché la crescita dei salari è elevata e l’inflazione probabilmente rimarrà al di sopra dell’obiettivo anche nel prossimo anno”.

In una conferenza stampa, la presidente della BCE Christine Lagarde ha affermato che si prevede che l’inflazione “oscilla attorno ai livelli attuali” per il resto dell’anno prima di diminuire l’anno prossimo.

Ha detto che la BCE ha deciso di tagliare “perché nel complesso la nostra fiducia nel percorso da seguire – perché dobbiamo guardare al futuro – è aumentata. [in] negli ultimi mesi”, aggiungendo che “l’attendibilità delle nostre previsioni” è aumentata notevolmente negli ultimi trimestri.

Lagarde prevede che la crescita salariale si modererà e la produttività dei lavoratori migliorerà nel corso dell’anno, contribuendo ad allentare la pressione sul costo del lavoro per le aziende.

I dati pubblicati la scorsa settimana hanno mostrato che l’inflazione dell’Eurozona è accelerata per la prima volta quest’anno al 2,6% a maggio, dopo aver rallentato da un picco superiore al 10% nel 2022.

Al rialzo le sue previsioni per quest’anno e per il prossimo, la BCE ha affermato che l’inflazione sarà in media del 2,5% nel 2024, del 2,2% nel 2025 e dell’1,9% nel 2026.

“La dichiarazione probabilmente ha fornito meno indicazioni di quanto ci si potesse aspettare su ciò che verrà dopo. In questo senso, il tono immediato è un “taglio da falco””, ha affermato Mark Wall, capo economista europeo della Deutsche Bank. “Questa non è una banca centrale che ha fretta di allentare la politica monetaria”.

L'euro è salito dello 0,2% a 1,0888 dollari dopo l'annuncio della BCE.

I rendimenti dei Bund tedeschi a due anni, sensibili ai tassi di interesse, un punto di riferimento per l'Eurozona, sono saliti al 3,02%, in rialzo di 0,05 punti percentuali nel corso della giornata.

La mossa di giovedì è arrivata un giorno dopo un taglio simile del tasso da parte della Banca del Canada e fa seguito alle precedenti decisioni di allentare la politica monetaria da parte delle banche centrali di Brasile, Messico, Cile, Svizzera e Svezia quest'anno.

Al contrario, la Federal Reserve americana dovrebbe mantenere i tassi invariati la prossima settimana al livello massimo degli ultimi 23 anni, compreso tra il 5,25 e il 5,5%, dopo che le pressioni sui prezzi nella più grande economia mondiale si sono rivelate più ostinate del previsto.

Si ritiene inoltre improbabile che la Banca d’Inghilterra abbassi il tasso di riferimento dal livello massimo di 16 anni del 5,25% quando si riunirà il 20 giugno.

La Bce ha alzato le previsioni di crescita per quest’anno dallo 0,6% allo 0,9%. Si prevede una crescita dell’1,4% l’anno prossimo e dell’1,6% nel 2026.