Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

È toccato a Joe Biden esprimere pubblicamente le paure private di molti leader europei. La rabbia nazionale, ha osservato il presidente degli Stati Uniti dopo i colloqui a Tel Aviv con Benjamin Netanyahu, è pienamente giustificata, ma Israele non dovrebbe ripetere l’errore americano dopo l’11 settembre, permettendo alle emozioni di governare la risposta.

L’orrore tra gli europei per le atrocità commesse da Hamas nel sud di Israele il 7 ottobre è palese. Anche il tedesco Olaf Scholz e il britannico Rishi Sunak si sono recati in Israele per mostrare solidarietà a Netanyahu. Tuttavia, il crescente costo dei bombardamenti israeliani sui civili palestinesi – molti dei quali, come le vittime di Hamas, sono bambini – ha visto la condanna pubblica unita alla costernazione privata.

Israele, sono tutti d’accordo, ha il diritto di difendersi. Hamas deve rilasciare gli ostaggi che ha preso a Gaza. Ma la forza e l’ampiezza della ritorsione di Israele? Quando la determinazione a “distruggere” Hamas si trasforma in violenza indiscriminata contro i palestinesi intrappolati?

Quando i leader europei aggiungono un codicillo alle loro dichiarazioni di fermo sostegno a Israele dicendo che deve fare del suo meglio per evitare vittime civili, offrono pochi indizi su dove sia tracciato il confine tra vitale autodifesa e vendetta inconcepibile. Quando la Russia interrompe le forniture energetiche alle città ucraine, Mosca viene accusata di crimini di guerra. Israele ha tagliato i collegamenti di acqua, carburante ed elettricità con Gaza.

La solidarietà con Israele si scontra con un caleidoscopio di paure radicate in impulsi più egoistici. Una grande preoccupazione è che la guerra possa essere la scintilla per una più ampia conflagrazione regionale, con inevitabili effetti di ricaduta in Europa. L’Iran, in quanto finanziatore di Hamas e Hezbollah in Libano, sta valutando le sue opzioni. Netanyahu non ha nascosto di voler trascinare gli Stati Uniti in uno scontro militare per distruggere le ambizioni nucleari di Teheran.

Il capo del servizio di sicurezza britannico MI5, Ken McCallum, avverte che il conflitto potrebbe fungere da catalizzatore per il terrorismo islamico. Altri tra gli spettri temono che la guerra stia fomentando contemporaneamente l’antisemitismo e l’islamofobia.

Grandi manifestazioni di piazza nelle città europee che chiedono moderazione da parte di Israele evidenziano una crescente disaffezione tra le popolazioni musulmane del continente.

Una nuova ondata di rifugiati sarebbe un regalo per i populisti di estrema destra. E – a questo punto i diplomatici sono preoccupati – che dire degli sforzi dell’Europa per ottenere sostegno contro l’aggressione russa in Ucraina dal cosiddetto sud del mondo se il sostegno a Israele si traduce in indifferenza verso il destino dei palestinesi? Quanto più Gaza è sotto assedio e bombardamento, tanto più difficile diventa contrastare le accuse di doppi standard.

Da nessuna parte questi stress e queste tensioni sono avvertiti più acutamente che in Germania, dove il sostegno allo Stato di Israele è cementato dall’Olocausto. La Germania, senti sempre dire dai politici locali, non potrà mai dimenticare i fatti della storia. A Berlino, l’angoscia è impressa nelle espressioni dei politici che chiedono se la colpevolezza tedesca abbia firmato un assegno in bianco per la ricerca di vendetta di Netanyahu.

Ci sono anche filoni politici in competizione. La seconda guerra mondiale lasciò in eredità alla Germania un altro impulso: la ricerca dell’umanitarismo e della risoluzione dei conflitti. Sarà difficile scartarlo man mano che le vittime a Gaza aumenteranno. Un numero considerevole di cittadini tedeschi rivendica l’eredità musulmana. Centinaia di migliaia sono arrivati ​​dalla Siria solo otto anni fa. Dall’altra parte della barricata sta crescendo l’estrema destra Alternativa per la Germania, alla ricerca di opportunità per alimentare il fuoco della xenofobia.

La profonda verità alla base di queste ansie contrastanti è che l’Europa è impotente. Un tempo i governi europei potevano affermare di essere attori in Medio Oriente. La Dichiarazione di Venezia del 1980 ha accelerato il passo verso il riconoscimento del diritto dei palestinesi alla statualità. Se da allora in poi gli Stati Uniti presero l’iniziativa, l’Europa ebbe voce in capitolo e influenza nel determinare gli eventi.

Il fallimento degli Accordi di Oslo e della “road map” del 2003 per uno Stato palestinese hanno segnato un punto di svolta. E dal 2009 Netanyahu ha cercato di eliminare ogni prospettiva di una soluzione a due Stati espandendo gli insediamenti nella Cisgiordania occupata. L’acquiescenza americana e araba alle sue tattiche distruttive ha visto l’Europa ritirarsi in disparte. I governi europei hanno aderito all’illusione che i palestinesi potessero essere spinti dai coloni negli angoli della Cisgiordania e confinati a Gaza proprio finché gli aiuti continuassero ad affluire.

Come si è scoperto, l’autocompiacimento di Netanyahu ha lasciato Israele vulnerabile. I muri e le recinzioni fornivano solo l’illusione della sicurezza. E nonostante tutta la sua attuale retorica sulla distruzione di Hamas, non esiste ancora una via militare verso la pace. A differenza degli edifici di Gaza, l’aspirazione palestinese ad uno Stato non può essere ridotta in polvere dalle bombe. La sicurezza a lungo termine di Israele esige che si riprenda il cammino verso una soluzione politica. Su questo gli europei avevano ragione. Il peccato è che non abbiano avuto il coraggio delle loro convinzioni.