Lun. Apr 22nd, 2024
La litigiosa coalizione tedesca di Olaf Scholz risolve la controversia sugli assegni familiari

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulla politica tedesca

I ministri tedeschi hanno raggiunto un accordo sugli assegni familiari che ha minacciato di far fallire i piani per un ripristino post-estate nella difficile coalizione a tre di Olaf Scholz.

Lisa Paus, ministro delle Famiglie Verdi, ha ottenuto 400 milioni di euro extra dal ministro delle Finanze del Partito Democratico Libero (FDP) Christian Lindner per una revisione dei pagamenti per il mantenimento dei figli dopo aver bloccato i suoi piani per un pacchetto di tagli fiscali da 6,5 ​​miliardi di euro volto a stimolare la crescita.

Paus, che aveva scatenato la furia nel FDP con il suo veto inaspettato due settimane fa, ha detto che lei e Linder hanno raggiunto un accordo dopo “dure trattative” domenica sera, aumentando il budget per il suo nuovo programma a 2,4 miliardi di euro nel suo anno introduttivo. 2025.

Lindner ha descritto il risultato come “un buon risultato” dopo quelle che ha definito discussioni “intense ma molto costruttive”.

Anche se gli importi concordati sono ben al di sotto delle richieste iniziali di Paus, lei ha segnalato che in cambio avrebbe sostenuto la legge sulle opportunità di crescita bloccata dal ministro delle finanze. Lindner ha sottolineato che nei restanti due anni della coalizione a tre “semaforo” non ci saranno più soldi per le grandi riforme sociali.

Scholz, dei socialdemocratici, era rimasto costernato dalla ripresa dei litigi pochi giorni dopo la pausa estiva che avrebbe dovuto porre fine a una lunga serie di litigi pubblici che hanno offuscato la reputazione del governo.

Oltre a provocare indignazione nel FDP, ciò ha anche innescato tensioni all’interno del partito di Paus. Il ministro dell’Economia verde Robert Habeck, che prima del veto del ministro della Famiglia aveva manifestato il suo sostegno ai tagli fiscali di Lindner, ha detto che l’episodio “non è stato un punto culminante” per la coalizione.

In risposta all’ultima controversia, il cancelliere aveva cercato di calmare le tensioni, ma ha anche invitato i suoi ministri – che hanno una storia di lotte intestine su argomenti che vanno dall’energia nucleare alle pompe di calore e ai motori a combustione – a mostrare maggiore disciplina.

Scholz ha incaricato i Verdi e il FDP di raggiungere un accordo prima di un ritiro ministeriale di due giorni che inizierà martedì allo Schloss Meseberg, un palazzo barocco vicino a Berlino, per evitare che la disputa distragga da un’agenda che avrebbe dovuto concentrarsi sul rilancio dell’economia in crisi.

Cristiano Lindner

I critici del governo Scholz hanno avvertito che i continui litigi sono distrazioni indesiderate in un momento in cui l’economia vacilla, la Russia sta conducendo una guerra in Ucraina e la Germania deve affrontare enormi sfide per raggiungere i suoi ambiziosi obiettivi climatici.

Andrea Römmele, politologo presso la Hertie School di Berlino, ha affermato che l’immagine di disfunzione rischia anche di rafforzare il sostegno per l’estrema destra Alternativa per la Germania (AfD), che ha registrato sondaggi a livelli record.

“Una delle narrazioni dell’AfD è che le élite semplicemente non si coordinano”, ha detto. “Il governo sta dando risultati, ma perché combatte continuamente. . . Non può esprimere tutto il suo potenziale e le persone non vedono i risultati ma solo la lotta”.

Roderich Kiesewetter, un deputato dell’opposizione dell’Unione Cristiano-Democratica, ha affermato che gli scontri sono un segno che il governo di Berlino “non funziona” sotto la sorveglianza di Scholz. Ha aggiunto: “È davvero un segnale. . . che abbiamo una leadership in cancelleria che non riesce a bilanciare i diversi interessi dei tre partiti”.