Mar. Apr 23rd, 2024
Putin, Trump e il significato di Stato mafioso

Ricevi aggiornamenti gratuiti sulla politica russa

“Non siamo una banda. Non siamo la mafia. Non cerchiamo vendetta come hanno fatto nel libro di Mario Puzo Il Padrino. Siamo una nazione. Una nazione di leggi”. Queste sono state le invettiva di Vladimir Solovyov, conduttore televisivo russo, che negava che il Cremlino avesse qualcosa a che fare con l’esplosione dell’aereo che ha ucciso Yevgeny Prigozhin.

I commenti di Solovyov sono un bell’esempio di quell’eccellente detto francese: “Qui s’scusa, s’accusa”. (“Chi si scusa, accusa se stesso.”) Il propagandista filo-Cremlino capisce perfettamente che l’uccisione di Prigozhin aveva tutte le caratteristiche di un attacco mafioso.

Vladimir Putin segue un codice d’onore da mafioso. Il tradimento e la slealtà sono i peccati che non potranno mai essere perdonati. Ecco perché il Cremlino ha inviato sicari in tutta Europa per uccidere i disertori dei servizi segreti russi. In qualità di capo della milizia Wagner, Prigozhin – noto come lo chef di Putin – ha fornito carne da cannone per la guerra della Russia in Ucraina. Ma quando si è rivoltato contro Putin a giugno, ha firmato la propria condanna a morte.

Il codice mafioso, noto a ogni spettatore, è che la mancata vendetta fa sembrare il professore debole. Passarono due mesi tra la ribellione di Prigozhin e la sua morte. Ma poi, come fa notare Don Corleone Il Padrino – “La vendetta è un piatto che va servito freddo.”

L’idea che la Russia sia uno stato mafioso è più di una presunzione letteraria. La biografa di Putin, Catherine Belton, ha dimostrato che, come vicesindaco di San Pietroburgo negli anni ’90, Putin coltivò i suoi legami con il mondo criminale di quella città. Lo stesso Prigozhin ha trascorso quasi un decennio in prigione.

I servizi segreti russi, per i quali Putin ha lavorato per tanti anni, hanno sempre mantenuto legami con la criminalità organizzata, che ha utili competenze nel contrabbando, nel riciclaggio di denaro e negli omicidi. È significativo che quando la Russia organizzò uno scambio di prigionieri con l’America, l’uomo che scelsero di liberare fu Viktor Bout, un trafficante d’armi, presunto riciclatore di denaro ed ex ufficiale militare sovietico, arrestato nel 2008 dopo una lunga operazione da parte degli Stati Uniti Agenzia per l’applicazione della droga.

Le operazioni del gruppo Wagner di Prigozhin in Africa – attraverso una rete di società di copertura – hanno offuscato i confini tra affari privati, criminalità organizzata e stato russo. Le esigenze della guerra in Ucraina hanno reso queste linee ancora più confuse. Le sanzioni occidentali hanno reso molto più difficile per la Russia vendere petrolio o acquistare tecnologie chiave sul mercato aperto. Ciò aumenta gli incentivi per la Russia a collegarsi con reti criminali, esperte nel commercio illecito e nel contrabbando.

Tuttavia, prima che l’America e l’Occidente considerino la Russia un’eccezione criminale, vale la pena notare che, il giorno dopo la morte di Prigozhin, un ex presidente degli Stati Uniti è stato incriminato in Georgia ai sensi della versione statale del Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act (Rico ) – una legge pensata appositamente per combattere la mafia.

Il merito legale delle accuse contro Donald Trump sarà deciso in tribunale. Ma, qualunque cosa accada lì, è un luogo comune che Trump abbia da tempo adottato alcuni dei manierismi e dei costumi di un boss della mafia.

Non è del tutto sorprendente che un uomo che ha fatto fortuna nell’edilizia di New York – prima di espandersi nei casinò di Atlantic City – sembri occasionalmente un mafioso. Uno dei mentori più importanti di Trump è stato Roy Cohn, un avvocato che rappresentava molte famiglie criminali di New York. Mentre i suoi problemi legali aumentavano durante la sua presidenza, Trump si lamentava notoriamente della mancanza di una figura del genere che lo rappresentasse.

James Comey, il primo direttore dell’FBI di Trump, ha poi ricordato una cena privata con Trump alla Casa Bianca, in cui il neoeletto presidente ha detto: “Ho bisogno di lealtà. Mi aspetto lealtà”. Nelle sue memorie, Comey ha scritto che Trump gli ricordava i boss mafiosi che aveva incontrato nel suo lavoro nelle forze dell’ordine: “La richiesta era come la cerimonia di investitura di Cosa Nostra di Sammy il Toro”.

L’enfasi di Trump sulla lealtà personale ricorda non solo Sammy il Toro ma anche Putin. Entrambi i leader apprezzano e addirittura incoraggiano le rivalità tra le fazioni nel loro staff. Ciò crea un sistema in cui il leader è l’arbitro finale di tutte le controversie – il grande uomo del cui favore tutti hanno bisogno.

Come presidente, Trump a volte ha condotto gli affari esteri come se stesse negoziando con i Padrini rivali: Kim Jong Un in Corea del Nord, Recep Tayyip Erdoğan in Turchia, Putin in Russia.

Il paragone Trump-Putin, tuttavia, non è inteso come un contributo allo sport preferito dai russi, il “what-aboutism”. I due uomini possono condividere certi istinti e manierismi. Ma i sistemi in cui operano sono molto diversi.

Nella Russia di oggi, non c’è alcuna possibilità che Putin venga indagato per il coinvolgimento nell’omicidio di Yevgeny Prigozhin – o in qualsiasi altro crimine che potrebbe aver commesso. Non ci saranno pubblici ministeri indipendenti che accumuleranno attentamente prove che potrebbero mandare il presidente in prigione.

Trump, al contrario, è tenuto a rispondere. Ci sono tutte le possibilità che alla fine gli venga data una pena detentiva, anche se la mia ipotesi è che il presidente Biden alla fine lo perdonerebbe. Nel frattempo, Trump rimane libero di sostenere la sua causa e persino di fare campagna per la presidenza.

La differenza è chiara. Gli Stati Uniti possono rivendicare lo status che Solovyov ha falsamente conferito alla Russia: “Una nazione di leggi”. Purtroppo, la stessa Russia è ora uno stato mafioso.

[email protected]