Lun. Giu 24th, 2024
La polizia ha fatto irruzione nell'ufficio del personale del Parlamento europeo per indagare sull'influenza russa

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Le autorità belghe e francesi hanno fatto irruzione negli uffici di un membro dello staff del Parlamento europeo sospettato di lavorare per la Russia, l'ultimo di una serie di scandali che coinvolgono legislatori di estrema destra e i loro presunti legami con governi stranieri.

Mercoledì la polizia ha fatto irruzione nell'appartamento e negli uffici parlamentari a Bruxelles e Strasburgo di un assistente al Parlamento europeo, secondo funzionari belgi. Il membro dello staff è indagato in relazione a una presunta operazione di influenza russa condotta tramite il sito web Voice of Europe con sede a Praga, a cui è stato vietato di trasmettere nell'UE.

“Le perquisizioni rientrano in un caso di ingerenza, corruzione passiva e appartenenza a un'organizzazione criminale e riguardano indizi di ingerenza russa, in cui membri del Parlamento europeo sono stati avvicinati e pagati per promuovere la propaganda russa tramite il 'sito di notizie' di Voice of Europe” “, ha detto la procura belga.

Il pubblico ministero ha aggiunto che ci sono “indizi che il dipendente del Parlamento europeo interessato abbia svolto un ruolo significativo in tutto ciò”.

Funzionari belgi hanno confermato che il membro dello staff era impiegato dall'eurodeputato olandese Marcel de Graaff, del Forum olandese per la democrazia di estrema destra. Non è stato possibile contattare immediatamente De Graaff e il suo assistente per un commento.

L'eurodeputato olandese Marcel de Graaff ha rilasciato numerose dichiarazioni pro-Russia © Unione Europea/Hans Lucas/Reuters

Le autorità ceche a marzo hanno bandito Voice of Europe e imposto sanzioni all’oligarca ucraino filo-Cremlino Viktor Medvedchuk, che secondo loro stava conducendo l’operazione e utilizzando il sito web per pagare i politici per diffondere propaganda filo-russa in vista delle elezioni del Parlamento europeo di giugno.

Medvedchuk vive a Mosca dopo essere stato scambiato con prigionieri di guerra ucraini. Non ha commentato le accuse. Voice of Europe ha negato di essere uno strumento di propaganda russa.

Anche diversi altri paesi europei tra cui Francia, Paesi Bassi, Germania, Polonia e Belgio hanno avviato indagini.

Le perquisizioni di giovedì costituiscono le prime perquisizioni effettuate in Belgio nell'ambito del caso.

De Graaf ha rilasciato numerose dichiarazioni filo-Russia. A marzo aveva dichiarato al parlamento che “le notizie sulla deportazione di bambini ucraini in Russia sono pura propaganda”.

Ha affermato che l’Ucraina ha commesso crimini di guerra ed è “il più grande fornitore di bambini per le reti di pedofilia, il traffico di esseri umani e il traffico di organi”.

Un portavoce del Parlamento europeo ha affermato che “coopera pienamente con le forze dell'ordine e le autorità giudiziarie per assistere il corso della giustizia e continuerà a farlo”.

Non detto: potere in vendita è un nuovo podcast del FT che esamina il Qatargate, un presunto scandalo di corruzione che ha messo in luce importanti difetti nel funzionamento della democrazia europea. Iscriviti e ascolta Podcast di Apple, Spotify o ovunque trovi i tuoi podcast.