Mar. Giu 18th, 2024
La Russia arresta il quarto alto esponente della difesa

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Un tribunale russo ha ordinato che un generale anziano venga trattenuto in custodia cautelare con l'accusa di corruzione mentre il presidente Vladimir Putin rimette in ordine la sua squadra di sicurezza.

Vadim Shamarin, capo del dipartimento delle comunicazioni dello stato maggiore russo, rischia fino a 15 anni di carcere per aver presumibilmente ricevuto una “tangente particolarmente ingente”, ha detto giovedì la corte.

Shamarin è la quarta figura di alto livello della difesa arrestata nell’ultimo mese, più di due anni dopo che Putin aveva ordinato l’invasione su vasta scala dell’Ucraina.

Dmitry Peskov, portavoce di Putin, giovedì ha detto ai giornalisti che “la lotta contro la corruzione [ . . .] non è una campagna, è un lavoro sempre in corso”.

Peskov ha negato che ci sia stata una repressione nel ministero e ha detto che la lotta contro la corruzione “continuerà in ogni agenzia, sia a livello federale che municipale”.

Anche se da allora la Russia ha lentamente preso il sopravvento sulle forze ucraine, prive di forze e di armi, Putin sta rimescolando la sua squadra di difesa: la settimana scorsa ha nominato ministro della difesa l’economista Andrei Belousov e ha nominato il suo predecessore Sergei Shoigu segretario del consiglio di sicurezza.

La mossa a sorpresa era stata preannunciata dall'arresto di Timur Ivanov, un viceministro vicino a Shoigu, con l'accusa di corruzione alla fine del mese scorso.

Il Cremlino ha affermato che i cambiamenti fanno parte di uno sforzo per sfruttare in modo più efficace la spesa record della Russia di 10,8 trilioni di rubli (117,2 miliardi di dollari) nella spesa annuale per la difesa.

Le fabbriche lavorano 24 ore su 24 su più turni per aumentare drasticamente la produzione di armi e munizioni, mentre la Russia sta anche cercando di sostenere le importazioni di componenti critici per la sua industria della difesa da paesi come la Cina.

Putin ha continuato a sostenere pubblicamente Shoigu e Valery Gerasimov, che ha detto rimarrà nel suo ruolo di capo di stato maggiore della Russia. Ma l’elevato turnover ai livelli più bassi indica che è ancora in corso un riassetto più ampio.

Le accuse di corruzione contro Ivanov – noto per il suo stile di vita opulento e per il triangolo amoroso che coinvolge un altro viceministro della difesa – sono state ampiamente interpretate come un segno che Putin voleva apportare cambiamenti più ampi nel settore della difesa.

Nelle settimane successive, la Russia arrestò Yuri Kuznetsov, capo del dipartimento del personale del ministero, e Ivan Popov, un altro generale anziano noto per le sue critiche a Shoigu.

Sono state rimosse anche altre figure emblematiche dei 12 anni di mandato di Shoigu al ministero della Difesa.

Lunedì Putin ha licenziato Yuri Sadovenko, un altro viceministro. Il sostituto di Sadovenko, Oleg Saveliev, è un ex assistente di Belousov che più recentemente è stato incaricato di verificare il ministero della difesa presso un organismo di responsabilità del governo.

Anche Rossiyana Markovskaya, ex portavoce di Shoigu, ha detto mercoledì che sarebbe partita per un nuovo lavoro.

Shoigu e il comandante in capo della Russia in Ucraina, Gerasimov, sono diventati bersaglio delle ire degli estremisti insoddisfatti della loro condotta di guerra a seguito di una serie di umilianti fallimenti sul campo di battaglia, nonché di problemi con il rifornimento delle truppe.

La rabbia alla fine si è riversata in un fallito tentativo di colpo di stato l’anno scorso guidato dal fondatore del gruppo paramilitare Wagner Yevgeny Prigozhin, che morì in un misterioso incidente aereo due mesi dopo.

Prigozhin aveva incanalato quella che sembrava essere una rabbia diffusa per l'abitudine di Shoigu di indossare un'uniforme da generale tempestata di medaglie nonostante non avesse mai prestato servizio militare, insieme allo stile di vita opulento della sua famiglia e ad un'apparente riluttanza a dire a Putin la verità sulla guerra.

Poco dopo il fallito colpo di stato, Shoigu licenziò Popov, il quale disse alle sue truppe che i “capi anziani” avevano “evidentemente percepito in me una sorta di pericolo mortale” dopo aver dato una terribile valutazione della situazione al fronte.