Mar. Lug 16th, 2024
La settimana in cui Bruxelles lancerà la sua nuova arma contro le Big Tech

Buongiorno. Bruxelles ha escogitato una scappatoia legale per eludere il veto dell’Ungheria sul finanziamento delle armi all’Ucraina con denaro raccolto da beni russi immobilizzati, mi ha detto il capo diplomatico dell’UE, con i ministri degli Esteri pronti a discutere oggi la soluzione alternativa.

Questa manovra sarà fondamentale per il piano del G7 di prestare all’Ucraina decine di miliardi quest’anno. Oggi, il nostro corrispondente finanziario rivela il progetto della Commissione europea per attuare tale piano. Ma prima, il nostro corrispondente tecnologico anticipa una settimana intensa nella crescente battaglia di Bruxelles con le Big Tech.

Bruxelles reagisce

Questa settimana, la Commissione europea utilizzerà finalmente i nuovi poteri concessi da norme fondamentali per tenere a freno la Big Tech. Si prevede che Bruxelles proceda con le accuse contro Apple per presunta condotta anticoncorrenziale e contro Microsoft per sospettata di sfruttare la sua posizione dominante sul mercato. scrive Javier Espinoza.

Contesto: l’UE si sta preparando da anni per dare piena attuazione al Digital Markets Act, norme fondamentali progettate per costringere i potenti “gatekeeper online” ad aprire le loro attività alla concorrenza nell’UE.

Le accuse previste contro Apple, riportate per la prima volta dal MagicTech, sarebbero le prime sotto tali poteri e dimostrerebbero fino a che punto le autorità di regolamentazione possono costringere le aziende a cambiare le pratiche.

L’UE è pronta ad avviare una nuova indagine per verificare se le tariffe introdotte da Apple, incluso l’addebito agli sviluppatori di app di 50 centesimi per download se la loro app ha più di 1 milione di utenti, sono conformi alle regole. Secondo gli analisti, questo va al cuore del modello di business di Apple e prendere di mira la commissione potrebbe danneggiare il modo in cui l'azienda guadagnerà miliardi in futuro.

Bruxelles ritiene che il colosso della tecnologia stia infrangendo la legge e, secondo tre persone a conoscenza del caso, questa settimana dovrebbe accusare il produttore di iPhone. Se giudicata colpevole, Apple rischia multe fino al 10% del suo fatturato globale annuo.

Apple ha negato ogni illecito. Venerdì ha affermato che avrebbe sospeso le nuove funzionalità abilitate all’intelligenza artificiale per iPhone in Europa a causa dell’incertezza sull’attuazione delle regole.

Poi c'è Microsoft. Sotto poteri antitrust separati, Bruxelles sospetta che la società tecnologica stia utilizzando la sua capacità di raggruppare l’app di streaming video Teams con altri suoi software a scapito dei rivali. Le concessioni offerte da Microsoft per placare tali preoccupazioni non sono state sufficienti e anche questa settimana sono previste accuse ufficiali contro il gruppo.

Microsoft ha affermato che continuerà a “cooperarsi con la commissione, ad ascoltare le preoccupazioni del mercato e a rimanere aperta all’esplorazione di soluzioni pragmatiche a vantaggio sia dei clienti che degli sviluppatori in Europa”.

Anche se il caso è lungi dall’essere risolto, alcune persone che hanno familiarità con i dettagli ritengono che entrambe le parti potrebbero raggiungere un accordo che permetterà alla società di evitare una pesante multa.

La tempistica esatta degli annunci può ancora cambiare, ma è chiaro che l’UE pensa che sia il momento giusto per colpire duramente le Big Tech.

Grafico del giorno: Mathématique

Secondo un sondaggio del FT/Ipsos, gli elettori francesi si fidano maggiormente del Rassemblement National, di estrema destra, per gestire l’economia e ridurre il deficit e il debito pubblico, nonostante i suoi piani di spesa non finanziati.

Scongelare

La Commissione europea vuole che i paesi dell’UE mettano rapidamente in pratica un accordo del G7 sul prestito di 50 miliardi di dollari all’Ucraina sulla base dei profitti derivanti dalle riserve estere russe sanzionate. scrive Paola Tamma.

Contesto: l’esecutivo dell’UE ha stabilito le basi per un “meccanismo di cooperazione sui prestiti dell’Ucraina” in un documento, visionato dal FT. Descrive come i proventi dei beni immobilizzati nell’UE, eventualmente comprese le entrate fiscali guadagnate su di essi, potrebbero essere inviati in Ucraina per ripagare i prestiti del G7 di 50 miliardi di dollari.

“Le entrate sarebbero distribuite in proporzione all'entità dei prestiti bilaterali concessi”, ha scritto la commissione, aggiungendo che “ciascun prestatore si assumerebbe il rischio residuo del proprio prestito”.

Venerdì i ministri delle finanze dell'UE hanno riflettuto su quel documento, ma non sono giunti a un accordo sulla quota del prestito spettante all'UE. L'italiano Giancarlo Giorgetti, attualmente presidente della sezione finanziaria del G7, ha indicato che sarebbe “tra il 50 e il 60 per cento”.

Resta aperta anche la questione se i profitti derivanti dalle attività detenute in altri membri del G7 debbano rientrare nel piano. Si sa che un totale di 260 miliardi di euro sono stati congelati dal G7 e dai suoi partner, di cui 190 miliardi di euro sono detenuti presso il depositario centrale di titoli Euroclear in Belgio, l'obiettivo principale della proposta dell'UE. La maggior parte è immobilizzata in paesi come Stati Uniti, Regno Unito e Giappone.

“Sono necessarie ulteriori discussioni con i partner del G7 sulle condizioni della loro partecipazione”, ha scritto la commissione.

L'obiettivo è trovare un accordo sugli aspetti tecnici entro la fine dell'anno. “Dobbiamo muoverci verso questo obiettivo e assicurarci che questo prestito possa essere disponibile per l’Ucraina già quest’anno”, ha detto venerdì il vicepresidente esecutivo Valdis Dombrovskis.

Cosa guardare oggi

  1. Ministri degli Esteri dell’Ue Incontrare nel Lussemburgo.

  2. Ministri dell'Agricoltura e della Pesca dell'UE Incontrare.

Ora leggi questi