Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La Turchia ha accusato Israele di spiare il suo territorio e di complottare attacchi contro i palestinesi che vivono lì mentre le relazioni tra i due paesi peggiorano a causa del conflitto a Gaza.

Martedì gli agenti dell’intelligence e la polizia turca hanno effettuato raid a Istanbul e in altre sette province per contrastare “attività di spionaggio internazionale”, ha detto il ministro degli Interni Ali Yerlikaya. “I servizi segreti israeliani intendevano commettere azioni. . . su base tattica contro i cittadini stranieri residenti nel nostro Paese”.

Secondo un alto funzionario dell’intelligence, le autorità hanno arrestato 34 persone, per lo più cittadini stranieri, che sarebbero stati reclutati dall’agenzia di spionaggio israeliana Mossad. Un’altra dozzina sono collegate al presunto complotto, ma alcuni hanno lasciato la Turchia, ha aggiunto il funzionario.

“L’intelligence israeliana recluta individui allo scopo di utilizzarli in operazioni contro i palestinesi e i loro familiari”, ha detto il funzionario. I sospettati “erano coinvolti in operazioni di ricognizione, sorveglianza, aggressione e rapimento e/o complotti contro cittadini stranieri in [Turkey] per conto del Mossad.”

Gli arresti probabilmente infiammeranno ulteriormente le tensioni tra Israele e Turchia, i cui leader hanno pubblicamente litigato sulla risposta dell’esercito israeliano agli attacchi mortali contro Israele da parte del gruppo palestinese Hamas il 7 ottobre.

Recep Tayyip Erdoğan, presidente della Turchia, si è allontanato dalla posizione dei suoi alleati occidentali, difendendo Hamas come “organizzazione di liberazione” e rivolgendo aspre critiche contro Israele da quando ha iniziato a bombardare Gaza in risposta all’attacco di Hamas. Ha paragonato il primo ministro Benjamin Netanyahu ad Adolf Hitler e ha detto che dovrebbe essere processato come criminale di guerra.

Netanyahu ha rifiutato con rabbia il paragone, dicendo che Erdoğan era “l’ultima persona che può predicarci la moralità”. Ha accusato il leader turco di “aver commesso un genocidio contro i curdi” e di detenere il “record mondiale per aver imprigionato giornalisti”, oltre ad aver ospitato leader di Hamas.

La Turchia non considera Hamas un gruppo terroristico e i suoi membri sono liberi di vivere nel paese. Funzionari turchi hanno riconosciuto che Ismail Haniyeh, presidente dell’ufficio politico di Hamas, potrebbe essere stato in Turchia il 7 ottobre.

Israele “pagherebbe un prezzo molto, molto alto” se tentasse di assassinare membri di Hamas in Turchia, ha avvertito Erdoğan il mese scorso dopo che una registrazione di Ronen Bar, capo del servizio di sicurezza interna israeliano Shin Bet, era trapelata ai media. Bar ha detto che il governo israeliano “eliminerà Hamas” in Turchia, Qatar e in altri paesi in cui saranno trovati membri.

Il funzionario dell’intelligence turca ha affermato che il Mossad ha reclutato i sospetti attraverso annunci di lavoro pubblicati sui social media per svolgere “compiti frammentari” come fotografare obiettivi e posizionare dispositivi GPS sulle loro auto, per aiutare gli agenti israeliani a “prepararsi per la loro missione finale”. I metodi di trasferimento di denaro criptovaluta e hawala sono stati utilizzati per pagare gli informatori e nascondere che la fonte del denaro era Israele, ha detto il funzionario.

La campagna israeliana a Gaza ha fatto deragliare il nascente riavvicinamento tra Turchia e Israele.

Dopo oltre un decennio di tensioni, i paesi hanno ristabilito i rapporti diplomatici e nominato ambasciatori nel 2022, ma entrambi hanno richiamato i propri diplomatici dall’inizio del conflitto a Gaza.

La settimana scorsa, in un’operazione separata, la polizia turca ha arrestato 32 persone sospettate di legami con lo Stato islamico, accusate di aver pianificato attacchi contro sinagoghe e chiese in Turchia.