Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Martedì il parlamento turco voterà sull’adesione della Svezia alla Nato, segno che il paese scandinavo potrebbe presto superare un ostacolo vitale nel suo tentativo, a lungo combattuto, di aderire all’alleanza militare occidentale.

I legislatori dovrebbero discutere la questione in una sessione dell’assemblea generale martedì pomeriggio, con un voto atteso poco dopo.

Il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan ha promesso di approvare l’adesione della Svezia alla Nato a luglio, ma il processo è stato irto di ritardi, che hanno creato un cuneo tra Ankara e i suoi alleati occidentali.

Turchia e Ungheria sono gli unici membri della Nato a non aver ancora sostenuto la richiesta della Svezia di aderire all’alleanza, avanzata in seguito all’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022.

Washington e Bruxelles hanno esercitato pressioni su Ankara e Budapest per mesi affinché ratificassero l’adesione della Svezia alla Nato come segnale al presidente russo Vladimir Putin che l’alleanza, che ha sostenuto la sicurezza europea sin dalla guerra fredda, è unita contro l’aggressione di Mosca.

Il capo militare e il primo ministro svedesi hanno entrambi messo in guardia direttamente gli svedesi quest’anno di prepararsi alla guerra, commenti che hanno suscitato ammirazione da alcuni e critiche per l’allarmismo da parte di altri.

La Finlandia, che condivide un confine di 1.340 km con la Russia, è entrata nella NATO lo scorso aprile come 31° membro del gruppo.

Si prevede che l’Ungheria seguirà l’esempio della Turchia nel ratificare l’adesione della Svezia. Viktor Orbán, il primo ministro ungherese, ha dichiarato martedì che inviterà il suo omologo svedese Ulf Kristersson “per una visita in Ungheria per negoziare l’adesione della Svezia alla NATO”.

Orbán è stato in disaccordo con i politici svedesi che hanno spesso criticato Budapest per aver allentato i controlli e gli equilibri democratici e accusato il suo regime di corruzione dilagante – accuse che Orbán ha respinto e definito ostili da parte di un possibile alleato militare.

Ma Budapest ha fatto affidamento anche sulla tecnologia svedese nelle sue forze armate, mantenendo una flotta di aerei da combattimento Gripen di fabbricazione svedese.

La Turchia, membro della Nato dal 1952, ha mantenuto forti legami con la Russia anche se i suoi partner occidentali hanno evitato il paese. Ad esempio, ha incrementato il commercio con la Russia dall’inizio della guerra in Ucraina e ha anche rifiutato di aderire alle sanzioni occidentali.

Il parlamento turco è controllato dalla coalizione politica di Erdoğan, il che significa che gli analisti si aspettano che i legislatori acconsentano all’adesione della Svezia alla NATO una volta che questa sarà votata. Erdoğan dovrà ancora firmare il protocollo di ratifica una volta che il parlamento avrà approvato la misura.

Erdoğan ha detto che si aspetta che gli Stati Uniti accettino la richiesta della Turchia di acquistare aerei da combattimento F-16 per miliardi di dollari in cambio dell’approvazione dell’offerta di Stoccolma.

L’amministrazione Biden ha sostenuto l’accordo sulle armi, ma alcuni membri della potente commissione per le relazioni estere del Senato americano hanno espresso preoccupazione su questioni tra cui la turbolenta relazione della Turchia con la Grecia, che ha iniziato a migliorare da quando Erdoğan si è recato ad Atene alla fine dell’anno scorso.

Ankara ha anche chiesto a Stoccolma di intensificare la lotta contro un gruppo militante curdo che ha combattuto un’insurrezione decennale in Turchia. Secondo funzionari e diplomatici turchi, una serie di misure approvate dalla Svezia, inclusa una nuova legge antiterrorismo entrata in vigore lo scorso anno, hanno contribuito a placare le preoccupazioni della Turchia.