Mar. Mar 5th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’impianto nucleare di punta della Gran Bretagna, Hinkley Point C, è stato rinviato fino al 2029 al più presto, con costi che saliranno fino a 46 miliardi di sterline, nell’ultimo colpo a un progetto al centro dei piani energetici a lungo termine del paese.

L’aumento della bolletta e lo slittamento dei tempi, annunciati martedì dall’operatore e costruttore statale francese EDF, eserciteranno pressioni sul governo britannico affinché fornisca un ulteriore sostegno finanziario al progetto.

L’EDF, che ha anche sperimentato lunghi ritardi sui recenti progetti paralleli in Finlandia e Francia che utilizzano la stessa tecnologia del reattore, ha attribuito gli ultimi problemi a Hinkley nel Somerset alla complessità dell’installazione di sistemi elettromeccanici e di tubazioni intricate. Hinkley era stato precedentemente ritardato a causa di interruzioni di costruzione durante la pandemia di Covid.

Secondo l’ultimo scenario di EDF, uno dei due reattori pianificati a Hinkley Point C potrebbe essere pronto nel 2029, un ritardo di due anni rispetto alla precedente stima della società del 2027. Ma potrebbe essere ulteriormente ritardato al 2031 in condizioni avverse, EDF disse. Non è stata fornita una stima per il secondo reattore.

EDF ha affermato che il costo sarebbe ora compreso tra 31 e 35 miliardi di sterline sulla base dei prezzi del 2015, a seconda di quando Hinkley Point C sarà completato. Ai prezzi attuali, il costo aumenterebbe fino a 46 miliardi di sterline. Il budget iniziale era di 18 miliardi di sterline, con una data di completamento prevista per il 2025.

Si prevede che Hinkley fornirà energia a più di 5 milioni di case nel Regno Unito e sarà fondamentale per la futura fornitura energetica del Paese.

Lo schema del doppio reattore nel Somerset è il primo di una nuova generazione di centrali nucleari destinate a fornire elettricità “di carico di base” mentre il Regno Unito diventa sempre più dipendente dall’energia rinnovabile intermittente proveniente dal vento e dal sole.

Le ultime battute d’arresto di Hinkley si inseriscono in un contesto di preoccupazioni più ampie tra alcuni critici dell’industria nucleare riguardo al fatto che il settore sia ben attrezzato per mantenere i tempi e il budget nei decenni a venire.

In Gran Bretagna sono previste altre centrali nucleari, compreso il progetto nucleare Sizewell C nel Suffolk, anch’esso guidato da EDF.

I lavoratori esperti hanno lasciato il settore dopo una pausa nei progetti in seguito all’incidente nucleare di Fukushima del 2011 in Giappone, e la carenza di manodopera è stata uno dei problemi di Hinkley, ha detto una persona vicina al progetto.

“Abbiamo riscontrato che l’edilizia civile è stata più lenta di quanto sperassimo e abbiamo dovuto far fronte a carenze di inflazione, manodopera e materiali”, ha affermato EDF in una nota allo staff del progetto Hinkley.

Il progetto è stato lento ad andare avanti. L’allora amministratore delegato di EDF, Vincent de Rivaz, si era vantato nel 2007 che entro il 2017 i britannici sarebbero stati in grado di cucinare i loro tacchini di Natale utilizzando l’elettricità di Hinkley.

Da tempo ci sono preoccupazioni anche sul budget di Hinkley: nel 2016 l’allora capo finanziario di EDF si è dimesso per la decisione di portare avanti il ​​progetto, affermando che avrebbe messo a repentaglio il futuro finanziario dell’azienda.

L’EDF è stata completamente nazionalizzata dal governo francese lo scorso anno, in parte a causa delle ingenti perdite subite dopo le interruzioni dei reattori nazionali, ed è stata anche destinata a pagare il conto per proteggere le famiglie francesi dall’aumento dei prezzi dell’elettricità durante la crisi energetica europea.

Gli ultimi superamenti dei costi di Hinkley pongono ulteriori problemi finanziari. Il partner junior di EDF per gli investimenti nel progetto, la cinese CGN, aveva accettato di finanziare il 33,5% del costo originale.

Ma dopo aver pagato la quota concordata, il gruppo cinese si rifiuta di fornire ulteriori contributi legati al superamento dei costi di Hinkley dopo essere stato di fatto escluso da altri programmi nucleari del Regno Unito, tra cui Sizewell, a causa del deterioramento delle relazioni tra Londra e Pechino.

EDF e il governo francese stavano cercando modi per consentire alla Gran Bretagna di finanziare i maggiori costi di costruzione di Hinkley, hanno detto persone vicine alle discussioni.

Ma un portavoce del Dipartimento per la Sicurezza Energetica e Net Zero del Regno Unito ha dichiarato martedì: “Hinkley Point C non è un progetto governativo e quindi eventuali costi aggiuntivi o superamenti del programma sono responsabilità di EDF e dei suoi partner e non ricadranno in alcun modo sui contribuenti”.

Alison Downes di Stop Sizewell C, un gruppo che si oppone alla prevista centrale nucleare del Suffolk, ha affermato che l’EDF è stato un “disastro assoluto”.

Ha aggiunto che il governo britannico dovrebbe cancellare Sizewell C, affermando che i finanziamenti statali per il progetto potrebbero essere spesi meglio su “fonti rinnovabili, efficienza energetica o, in questo anno elettorale, scuole e ospedali”.