Mar. Giu 18th, 2024
Le banche centrali devono valutare i rischi derivanti dall’acquisto di obbligazioni, avverte Isabel Schnabel della BCE

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le banche centrali devono riconsiderare se gli acquisti di obbligazioni siano il modo migliore per stimolare la crescita quando i tassi di interesse sono bassi, soprattutto dopo che i recenti acquisti di asset le hanno lasciate con pesanti perdite, ha affermato un esperto politico monetario europeo.

Lo ha detto Isabel Schnabel, che supervisiona gli acquisti di obbligazioni presso la Banca Centrale Europea un discorso martedì che le banche centrali “devono valutare attentamente se i benefici degli acquisti di asset superano i costi”.

Schnabel ha affermato che gli acquisti di asset da parte delle banche centrali – noto anche come allentamento quantitativo – hanno “svolto un ruolo importante nella stabilizzazione dei mercati nei momenti di stress”. Ma ha aggiunto che la loro efficacia nello stimolare la domanda dipende dalle condizioni economiche al momento degli acquisti e “può comportare costi che potrebbero essere più elevati di quelli di altri strumenti politici”.

I suoi commenti sottolineano come i banchieri centrali stiano diventando sempre più scettici sui vantaggi derivanti dall’acquisto di grandi quantità di obbligazioni e siano meno propensi a utilizzarli in futuro, soprattutto come strumento per stimolare la domanda e aumentare l’inflazione.

Negli ultimi dieci anni la Bce ha acquistato un portafoglio composto principalmente da titoli di stato che valeva più di 5 trilioni di euro – circa il 35% del prodotto interno lordo dell’Eurozona – e recentemente ha iniziato a ridurlo.

Ma la politica è stata controversa. Alcuni critici lo hanno accusato di aver gonfiato le bolle dei prezzi degli asset e la sua efficacia come strumento per aumentare l’inflazione è stata messa in dubbio. Altri sostenevano che fosse un modo per sostenere le finanze dei dissoluti governi dell’Europa meridionale.

Da quando la BCE ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse per contrastare l’impennata dell’inflazione quasi due anni fa, le banche centrali dell’Eurozona sono state lasciate ad affrontare perdite multimiliardarie sui loro grandi portafogli obbligazionari.

A marzo, la BCE ha annunciato perdite per 1,3 miliardi di euro per il 2023, le prime in quasi due decenni, e ha avvertito di aspettarsi di più nei prossimi anni. L'anno scorso la Bundesbank tedesca ha bruciato tutti i suoi 19,2 miliardi di euro di accantonamenti e 3,1 miliardi di euro di riserve per assorbire le sue enormi perdite.

La crisi finanziaria della BCE l’ha costretta a rinunciare ai dividendi pagati alle banche centrali nazionali lo scorso anno. Questi pagamenti di dividendi – che ammontano a 5,8 miliardi di euro tra il 2018 e il 2022 – vengono solitamente trasferiti dalle banche centrali nazionali ai governi dell’Eurozona.

“Queste perdite devono essere confrontate con i profitti realizzati dalle banche centrali prima dell'aumento dei tassi di interesse, ma potrebbero comunque pesare sulla reputazione e credibilità delle banche centrali”, ha affermato Schnabel. Ha parlato a Tokyo, dove la Banca del Giappone continua a portare avanti uno dei programmi di acquisto di obbligazioni più aggressivi.

Gli acquisti di asset da parte delle banche centrali portano anche a carenze di titoli di Stato che perturbano i mercati finanziari e distorcono il modo in cui vengono fissati i tassi di interesse, ha aggiunto Schnabel.

L’economista tedesco ha affermato che esistono alternative all’acquisto di obbligazioni, come ad esempio la concessione da parte delle banche centrali di ingenti importi a istituti di credito commerciali a tassi estremamente bassi, o l’adozione da parte dei funzionari di “un approccio più paziente” quando l’inflazione è inferiore al target e i tassi sono già vicini ai loro livelli. livelli più bassi possibili.

Anche se verranno utilizzati in futuro, Schnabel ha affermato che le banche centrali potrebbero ridurre i costi degli acquisti di asset “utilizzandoli in modo più mirato e parsimonioso, intervenendo con forza quando necessario ma fermandoli più rapidamente”.

Ha affermato che la Banca d’Inghilterra ha fornito un esempio di come potrebbe funzionare un approccio più mirato “con una chiara strategia di uscita”. La banca centrale del Regno Unito ha acquistato obbligazioni per un periodo fisso durante la crisi dei fondi pensione del paese del 2022 e le ha vendute poco dopo che la crisi si era attenuata.