Lun. Giu 24th, 2024
Le boe baltiche mancanti segnano le faglie del confine marittimo

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Nelle prime ore del 23 maggio, funzionari russi sono comparsi nel fiume Narva, che divide Russia ed Estonia, e hanno rimosso le boe che segnano il confine marittimo. Con questo semplice atto, la Russia ha dimostrato la sua intenzione di sfidare tali confini. La Cina sta già contestando ferocemente i confini marittimi di diversi paesi confinanti. Questo è importante perché se le nazioni non li rispettano, il sistema marittimo globale vacillerà.

È stata un'operazione di cappa e spada: intorno alle 3 del mattino ora locale, gli agenti delle guardie di frontiera russe sono arrivati ​​e hanno semplicemente issato le boe che indicavano la sponda estone del fiume. Per anni, le boe e i loro indicatori precedenti sono stati lì, mostrando agli equipaggi delle navi e al resto del mondo dove finisce la sponda russa del fiume e inizia quella estone. Ma l'anno scorso la Russia ha fatto sapere di non approvare più il posizionamento delle boe; ora li ha rimossi. “Si è trattato di una pura provocazione russa, il cui scopo è testare la nostra risposta e un tentativo di creare un'area grigia ai confini della NATO”, mi ha detto Marko Mihkelson, presidente della commissione per gli affari esteri del parlamento estone.

In un comunicato il ministero degli Esteri estone dichiarato che la rimozione delle boe “si inserisce bene nel modello più ampio del comportamento provocatorio della Russia, anche ai confini con i vicini, più recentemente nei confronti di Lituania e Finlandia”. Quest’ultimo era un riferimento ad un altro caso apparente di interventi russi al confine marittimo appena un paio di giorni prima. Il ministero della Difesa russo, secondo quanto riferito dai notiziari russi, stava pianificando di farlo unilateralmente UNltrare tratti dei confini marittimi del paese con la Finlandia e la Lituania.

Quindi ci sono problemi nel Mar Baltico e in altre acque limitrofe, anche se molti presumevano che l'adesione di Svezia e Finlandia avesse trasformato il piccolo oceano in un “lago della NATO”. E questi incidenti illustrano un crescente mal di testa: ci sono molti modi in cui un paese può danneggiare i suoi vicini in mare.

Nel Mar Cinese Meridionale, Pechino ha rafforzato il confine marittimo autoproclamato “linea a nove trattini” costruendo isole artificiali militarizzate. Sia nel Mar Cinese Meridionale che nel Mar Cinese Orientale, la massiccia guardia costiera del paese sta conducendo vessazioni sempre più intense contro le navi legate ad altri paesi, in particolare Giappone e Filippine. L’obiettivo è logorare gli altri paesi e costringerli a convivere con le pretese marittime di Pechino.

Anche se le violazioni dei confini marittimi sembrano meno drammatiche di quelle dei soldati che attraversano i confini terrestri, sono altrettanto significative. Anche loro definiscono ciò che appartiene a un Paese. Se violate o modificate unilateralmente, le attività basate sull’acqua, come il trasporto marittimo, si troveranno ad affrontare disordini e le regole su cui le nazioni del mondo basano la loro coesistenza inizieranno a vacillare.

In effetti, anche prima degli ultimi incidenti era chiaro che l’allargamento della Nato non aveva certo trasformato il Mar Baltico in un placido lago. Al contrario, la Russia potrebbe ricorrere a soluzioni innovative per danneggiare i suoi vicini del Mar Baltico.

Per mesi, le navi “ombra”, vecchie e mal mantenute, con proprietà losche e prive di un’assicurazione riconosciuta a livello internazionale, hanno minacciato diversi paesi vicini trasportando petrolio attraverso le loro acque in modo intrinsecamente rischioso. In un'ulteriore provocazione, alcune navi bighellonare al largo delle coste di Gotland e rifiutare il pilotaggio nella Grande Cintura danese, il che aumenta il rischio di incidenti. “Stanno sondando il terreno, sia metaforicamente che letteralmente”, mi ha detto Vytautas Leškevičius, ex ambasciatore lituano presso la NATO.

Cosa tenterà il Cremlino dopo? Ulteriori cambiamenti ai confini marittimi? Molestie sulle navi mercantili alla maniera della Cina o blocco della navigazione nel Mar Baltico con il pretesto di forze dell'ordine? In ogni caso, avrà ripercussioni ben oltre il secondo specchio d’acqua più trafficato dell’UE. I paesi del Mar Baltico non possono permettersi nemmeno un caso lieve di cecità marina.