Mar. Mag 21st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le riserve di gas naturale dell’UE si stanno avvicinando alla piena capacità, portando le società energetiche del blocco a parcheggiare le riserve in eccesso in Ucraina prima del picco della domanda dei mesi invernali.

Secondo i dati di Gas Infrastructure Europe, le camere dell’UE sono ora piene quasi al 99%, superando l’obiettivo di Bruxelles del 90% della capacità di stoccaggio entro novembre.

I dati indicano che quest’anno la regione ha immagazzinato molto più gas di quanto alcuni avessero temuto all’indomani dell’invasione russa dell’Ucraina, a causa delle continue importazioni di gas naturale liquefatto e della riduzione della domanda.

Ciò rende l’UE meno vulnerabile a uno shock energetico, anche se non garantisce che il continente avrà tutta l’energia di cui ha bisogno per il prossimo inverno.

“Il rischio di una carenza di gas in Europa è basso per questo inverno, salvo eventuali interruzioni di fornitura non pianificate o lunghe e profonde ondate di freddo che colpiranno l’Europa e l’Asia allo stesso tempo”, ha affermato Natasha Fielding, responsabile dei prezzi del gas europeo presso Argus, un’agenzia di rilevazione dei prezzi. “L’Europa ha fatto le scorte meglio che poteva”.

Al contrario, l’Agenzia Internazionale per l’Energia, l’organismo di vigilanza dell’energia occidentale, ha avvertito l’anno scorso che gli impianti di stoccaggio in Europa rischiavano ormai di essere pieni solo per due terzi.

Con lo stoccaggio dell’UE quasi al limite, le aziende si rivolgono sempre più all’Ucraina, sede dei più grandi serbatoi d’Europa, per immagazzinare le proprie riserve, spingendo la quantità di gas naturale detenuto nel paese al livello più alto dall’invasione russa dello scorso anno.

Alcuni stanno anche pagando navi cisterna per GNL affinché fungano da “stoccaggio galleggiante” offshore per aumentare la capacità.

Il Regno Unito ha avuto un successo simile a quello dell’UE nel riempire tutto il suo stoccaggio quasi alla capacità, con tassi attuali del 95%, sebbene la capacità del Regno Unito sia molto inferiore a quella di molti altri paesi europei.

Gli analisti affermano che il gas aggiuntivo immagazzinato potrebbe proteggere da ulteriori forti aumenti dei prezzi del gas europeo, che martedì sono scesi fino al 10% in base alle previsioni di clima più caldo nelle prossime settimane.

Tuttavia, la crescente dipendenza della regione dal GNL dopo che la Russia ha tagliato le forniture di gas lo scorso anno, ha reso l’Europa più sensibile a potenziali interruzioni delle forniture, nonostante le riserve ormai ampie.

Anche il prezzo del TTF, il benchmark europeo del gas, è stato volatile quest’anno poiché i trader hanno reagito alla guerra tra Israele e Hamas – con Israele che ha interrotto la produzione in un giacimento offshore non lontano da Gaza – e agli attacchi agli impianti di GNL australiani.

L’Ucraina è emersa come alternativa allo stoccaggio nonostante i rischi derivanti dall’invasione russa, in parte perché ha offerto incentivi come tariffe di stoccaggio economiche ed esenzioni dai dazi doganali per tre anni, che consentono di reimportare facilmente il gas nell’UE.

I serbatoi del paese sono in gran parte situati in profondità nel sottosuolo nella parte occidentale del paese, lontano dalle linee del fronte, e attualmente contengono più di 2 miliardi di metri cubi di gas appartenente a entità dell’UE, secondo Naftogaz, la compagnia energetica statale.

L’azienda ha offerto più di 10 miliardi di metri cubi – un terzo della capacità nazionale dell’Ucraina – a clienti stranieri.

Oleksiy Chernyshov, amministratore delegato di Naftogaz, ha affermato che le aziende europee stanno correndo un “puro rischio commerciale” mettendo il loro gas nei depositi ucraini, che nonostante siano lontani dai combattimenti potrebbero ancora essere presi di mira dagli attacchi russi.

Naftogaz ha affermato che 128 delle sue strutture in tutto il paese sono state danneggiate dagli attacchi russi tra gennaio e ottobre di quest’anno, anche se gli operatori del settore affermano che nessun deposito sotterraneo è stato colpito.

L’UE e l’Ucraina stanno inoltre discutendo la possibilità di assicurare gli impianti di stoccaggio contro i danni derivanti dalla guerra. Chernyshov ha detto che qualsiasi garanzia aumenterebbe ulteriormente l’uso dei carri armati ucraini, ma ha aggiunto che non si aspetta che l’assicurazione sia fattibile “nel prossimo futuro”.

“Le società commerciali hanno investito più di 1 miliardo di euro di valore [of gas] nel deposito ucraino [despite] essere in una guerra su vasta scala indipendentemente da qualsiasi cosa”, ha detto. “Immagina cosa succederebbe. . . con assicurazione aggiuntiva.”

Nel frattempo, lunedì 21 navi cisterna sono state classificate come depositi galleggianti di GNL al largo delle coste europee, secondo Alex Froley, analista di mercato presso la società di consulenza ICIS. Sono 16 la settimana scorsa e circa 10 all’inizio di ottobre.

“Se le attuali condizioni meteorologiche e di domanda e offerta rimangono stabili, mi aspetterei di vedere un continuo accumulo di depositi galleggianti nel corso di novembre, raggiungendo forse fino a 30 carichi in attesa al largo dell’Europa”, ha affermato Froley.

Lo stoccaggio ucraino e quello galleggiante si aggiungono ai quasi 100 miliardi di metri cubi di gas naturale immagazzinato a cui l’Europa può attingere in inverno, con la ripresa della domanda di riscaldamento. Il solo stoccaggio del gas nell’UE può soddisfare da 2 a 2,5 mesi di picco del consumo invernale.

Wayne Bryan, direttore della ricerca europea sul gas presso LSEG, ha affermato che gli attuali livelli di stoccaggio offrono un cuscinetto a breve termine, ma ha avvertito che il freddo o le interruzioni in Norvegia, un fornitore chiave di gas per l’Europa, “prosciugherebbero rapidamente tali depositi”.

“La mancanza di valide alternative al GNL. . . lascerà il mercato del gas dell’UE esposto a maggiori livelli di volatilità”, ha affermato.