Lun. Mag 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’inflazione dell’Eurozona è scesa al 2,9% in ottobre, il livello più basso da oltre due anni, rafforzando le aspettative che la Banca Centrale Europea non alzerà ulteriormente i tassi di interesse.

La cifra si confronta con il 4,3% di settembre e rappresenta la crescita annuale più lenta dei prezzi al consumo nella regione da luglio 2021.

Ciò è avvenuto dopo che l’economia del blocco ha iniziato a contrarsi nel terzo trimestre ed è stato principalmente il risultato del calo dei prezzi dell’energia e del calo dell’inflazione alimentare. secondo Eurostatil braccio statistico dell’UE.

Il tasso del 2,9% di ottobre ha inoltre deluso le aspettative degli economisti del 3,1% in mezzo ai segnali che le grandi banche centrali del mondo ora ritengono di aver fatto abbastanza per riportare l’inflazione ai loro obiettivi del 2%.

“Questo è chiaramente il momento in cui le tre principali banche centrali si rendono conto che la prima parte del lavoro sull’inflazione è già stata fatta e si stanno muovendo verso questa situazione in cui mantengono i tassi più alti più a lungo, anche se nessuno sa esattamente per quanto tempo”, ha affermato Carsten Brzeski. , responsabile globale della ricerca macro presso la banca olandese ING.

La scorsa settimana la BCE ha mantenuto il tasso di riferimento sui depositi stabile al 4%, ponendo fine alla serie senza precedenti di 10 aumenti consecutivi.

Si prevede che la Federal Reserve americana manterrà i tassi di interesse invariati per la seconda volta consecutiva nella riunione di mercoledì. Si ritiene probabile che la Banca d’Inghilterra faccia lo stesso il giorno dopo. I dati di martedì hanno mostrato che l’inflazione dei negozi nel Regno Unito è scesa al tasso più basso in più di un anno a causa del calo dei prezzi dei prodotti alimentari.

Tuttavia, gli economisti ritengono che il calo dell’inflazione probabilmente rallenterà poiché la guerra tra Israele e Hamas spingerà al rialzo i prezzi dell’energia e poiché l’effetto base del confronto dei prezzi energetici con i livelli elevati dello scorso anno diminuirà.

“Guardando al futuro, è improbabile che l’inflazione continui a scendere così rapidamente”, ha affermato Jack Allen-Reynolds, economista presso la società di consulenza Capital Economics. Ha aggiunto che “l’inflazione energetica probabilmente aumenterà leggermente nei prossimi mesi”.

Grafico a linee dell'indice armonizzato dei prezzi al consumo (variazione percentuale annua) che mostra che l'inflazione dell'Eurozona è scesa rapidamente dal suo picco di un anno fa

L’inflazione nell’Eurozona copre ancora un ampio range, dal 7,8% in Slovacchia al meno 1,7% in Belgio per l’anno fino a ottobre.

Ma il forte rallentamento dei prezzi riflette un’attività più debole nell’economia della regione nel suo complesso, che secondo Eurostat si è ridotta dello 0,1% nei tre mesi fino a settembre. Questo dato è inferiore alle previsioni degli economisti ed è avvenuto dopo che le contrazioni in Germania, Irlanda e Austria hanno compensato la crescita in Spagna e Francia.

L’economia dell’Eurozona è cresciuta a malapena nell’ultimo anno poiché i consumatori e le imprese hanno dovuto far fronte all’aumento dei costi di finanziamento, all’indebolimento del commercio globale e al più grande aumento del costo della vita da una generazione.

I dati pubblicati lunedì hanno inoltre confermato la posizione della Germania come una delle principali economie più deboli del mondo, dopo che il suo prodotto interno lordo si è ridotto dello 0,1%.

Al contrario, l’economia statunitense si è espansa rapidamente, con una crescita annualizzata del terzo trimestre riportata al 4,9% la scorsa settimana.

“L’economia dell’Eurozona è destinata a un periodo di stagnazione economica, con un ritorno alla crescita solo quando la crescita del reddito reale diventerà sufficientemente positiva”, ha affermato Rory Fennessy, economista presso la società di consulenza Oxford Economics. “Lo slancio nel quarto trimestre rimane eccezionalmente debole, gravato dalle rigide condizioni finanziarie”.

I dati di martedì hanno mostrato che l’inflazione core dell’Eurozona, che esclude energia e alimentari, è scesa in linea con le aspettative al 4,2%, in calo rispetto al 4,5% di settembre. Questo parametro è attentamente monitorato dalla BCE come indicatore delle pressioni sottostanti sui prezzi.

Ma la presidente della BCE Christine Lagarde la scorsa settimana ha avvertito che anche la crescita dei salari è “di fondamentale importanza per determinare le prospettive di inflazione”.

Ha sottolineato che i dettagli sul prossimo ciclo di accordi di contrattazione salariale collettiva con i sindacati arriveranno solo “nel 2024” – suggerendo che la banca aspetterà fino ad allora prima di decidere se può iniziare a tagliare i costi di finanziamento.

“La BCE ha bisogno di vedere un rallentamento dell’inflazione salariale e questo potrebbe richiedere altri sei mesi”, ha affermato Mark Wall, capo economista europeo presso la banca tedesca Deutsche Bank.