Mar. Lug 16th, 2024
Le elezioni mettono in luce reazioni paradossali all’apertura dei confini dell’UE

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

L'Università Viadrina, secondo l'ex cancelliere tedesco Helmut Kohl, è “un simbolo di pensiero europeo”, parte di un progetto per costruire “la casa dell'Europa”. Ha sede nell'area urbana transfrontaliera di Francoforte sull'Oder in Germania e nella sua gemella polacca Słubice, un sobborgo di Francoforte fino a quando Stalin non tracciò il nuovo confine lungo il fiume Oder nel 1945. Studenti e personale si spostano tra aule, biblioteche e bar oltre la frontiera internazionale. Ma cosa ha da dire “Słubfurt”, come è poco elegantemente chiamato l’agglomerato, su dove si trova ora l’Europa?

Le elezioni del Parlamento europeo della scorsa settimana hanno dimostrato che la politica dei confini è ancora un fenomeno vivo. Francoforte sull’Oder si trova nel territorio più fertile della Germania per l’estrema destra, lungo il confine orientale con la Polonia. L'Alternativa per la Germania ha ottenuto il 27,8% dei voti in città, i nazionalisti rosso-marroni della Sahra Wagenknecht Alliance (BSW) il 16,7%.

Attraversa il ponte e ti trovi in ​​una delle zone più liberali della Polonia. Słubice è una roccaforte della Coalizione Civica (KO) di Donald Tusk, con il 42% di sostegno al partito, come lo sono quasi tutte le città lungo la sponda polacca. È uno dei risultati paradossali di una più stretta integrazione europea: questo confine, scivolando nell’invisibilità nel mercato unico e nell’accordo di Schengen, genera politiche nazionaliste di destra a ovest e liberalismo del mercato a est.

La politica è, in una certa misura, a valle dell’economia. L’apertura delle frontiere ha fatto sì che le parti relativamente povere e periferiche dei paesi ricchi siano state superate dalle parti relativamente ricche e connesse dei paesi più poveri. Il benessere umano netto può aumentare, ma il calcolo utilitaristico non può cancellare le tensioni che il cambiamento economico impone alle parti che ci rimettono. Né, a quanto pare, possono farlo i massicci investimenti pubblici nelle zone di confine orientale da parte del governo tedesco; strade e ferrovie migliori sembrano semplicemente rendere più facile la partenza delle persone.

L’UE ha politiche di frontiera che vanno ben oltre Schengen. Dispone di fondi per lo sviluppo economico e lo scambio culturale lungo i confini, riconoscendo che i governi nazionali non danno priorità a queste regioni. Si cerca di rendere più semplice il pendolarismo tra di essi, in modo che le persone possano accettare lavoro senza trasferirsi in un nuovo paese e queste regioni possano funzionare come mercati del lavoro unici. I più riusciti sono in Renania occidentale, come ad esempio il potenza economica intorno al Lussemburgo.

Nell’Oder sembra ancora lontano il giorno in cui i tedeschi saranno felici di candidarsi per posti di lavoro di lingua polacca, mentre viceversa sembrano esserci meno problemi. In alcune zone di confine del nord, i villaggi tedeschi sono diventati fino al 20% polacchi mentre le classi medie di Stettino cercano immobili più economici e scuole migliori.

Ma qui la politica ha una storia profonda. Tutti i partiti di estrema destra in Germania, dall’Impero alla repubblica unificata, avevano roccaforti nella Germania orientale. Durante la Repubblica di Weimar, la Germania orientale, al di fuori delle grandi città, era la regione più entusiasta nel votare per il nazionalismo estremo. Era contagiato dalla psicosi frontaliera dello spopolamento e della minaccia: il senso di vuoto, la paura della concorrenza dei polacchi e di altri gruppi etnici.

Ora ci sono controlli d'identità sui treni transfrontalieri che attraversano Francoforte sull'Oder. Questi sono rivolti principalmente a persone provenienti da paesi più lontani della Polonia. Le autorità tedesche istituiscono posti di blocco al ponte tra Francoforte e Słubice; Gli studenti internazionali di Viadrina ritengono che esista una profilazione razziale, con pendolari e viaggiatori non bianchi individuati per le indagini.

Il confine invisibile a volte sembra fin troppo visibile. La visione dell'AfD sui confini della Germania prevede pattuglie, controlli e forse anche recinzioni. Ma il partito non ripudia esplicitamente le regole sulla libera circolazione di Schengen ed è più forte nel chiedere l’applicazione della frontiera esterna di Schengen che nel creare attriti alle frontiere interne. Potrebbe, in teoria, accontentarsi di una versione potenziata di ciò che fa l’attuale governo, aggirando le regole di Schengen con controlli doganali e di identità.

Anche se l’idealismo post-guerra fredda con cui è stata fondata l’Università Viadrina nel 1991 può sembrare distante, la riluttanza anche dell’estrema destra a rinunciare completamente alla libertà di attraversare i confini è rivelatrice. Sbloccare il potenziale del commercio transfrontaliero e salvare le zone di confine all’interno dell’Europa dal diventare dei vicoli ciechi economici e sociali è semplicemente troppo vantaggioso per essere abbandonato, qualunque sia la retorica sugli stranieri. Senza dubbio ci saranno attriti e conflitti; questa è la natura della politica. Ma la “casa d’Europa” simboleggiata da Viadrina e “Słubfurt” è resistente.