Mer. Apr 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Le vendite al dettaglio britanniche sono scese al livello più basso da febbraio 2021 poiché i consumatori hanno frenato le loro spese a fronte di un’inflazione punitiva, secondo i dati che hanno fatto scendere i rendimenti dei gilt.

In ottobre la quantità di beni acquistati in Gran Bretagna è diminuita dello 0,3% rispetto al mese precedente, ha riferito l’Ufficio nazionale di statistica. I dati contrastano con le aspettative di un aumento dello 0,3%.

I dati sulle vendite evidenziano la pressione sulle famiglie in vista della dichiarazione autunnale del cancelliere Jeremy Hunt la prossima settimana e rafforzeranno le aspettative che la Banca d’Inghilterra sia pronta ad abbassare i tassi di interesse il prossimo anno.

Il calo al volume di vendite più basso da febbraio 2021 suggerisce che la spesa delle famiglie è debole in vista della stagione dello shopping natalizio, tradizionalmente la più impegnativa per i rivenditori.

Le cifre rappresentano un calo del 2,7% rispetto a ottobre 2022, molto maggiore rispetto alle previsioni di consenso di un calo dell’1,5% su base annua, poiché le persone hanno acquistato meno beni ma più costosi.

Thomas Pugh, economista della società di revisione RSM UK, ha affermato che i dati sulla vendita al dettaglio aumentano “il rischio che l’economia scivoli in recessione alla fine dell’anno”.

I dati ONS separati della scorsa settimana hanno indicato che un calo della spesa delle famiglie ha contribuito all’appiattimento dell’economia nei tre mesi fino a settembre.

Il rendimento dei gilt a due anni sensibili al tasso, che si muovono in modo inverso al prezzo, è sceso bruscamente dopo la pubblicazione dei dati sulle vendite al dettaglio prima di recuperare a circa il 4,50%, in calo di 0,04 punti percentuali nel corso della giornata.

I rendimenti di riferimento dei gilt a 10 anni sono stati inferiori di 0,08 punti percentuali al 4,08%, mentre la sterlina è salita dello 0,2% rispetto al dollaro.

I mercati stanno ora scontando tagli di quasi 30 punti base ai tassi di interesse di riferimento della BoE – attualmente al massimo degli ultimi 15 anni del 5,25% – entro giugno.

I dati rivisti pubblicati venerdì mostrano che le vendite al dettaglio in volume si sono contratte dell’1,1% a settembre, più di quanto stimato in precedenza.

I dati al dettaglio forniscono una prima indicazione sullo stato del settore dei consumi nell’ultimo trimestre. Erin Brookes, responsabile europea del commercio al dettaglio e dei consumatori presso il gruppo di consulenza gestionale Alvarez & Marsal, ha affermato che un secondo calo mensile consecutivo delle vendite al dettaglio non “è di buon auspicio per i negozi mentre entriamo nelle festività natalizie”.

A testimonianza dell’impatto dell’elevata inflazione, i dati di ottobre hanno mostrato che i consumatori hanno acquistato il 3,1% in meno di beni rispetto al mese pre-pandemia di febbraio 2020, ma hanno speso il 16,9% in più.

Secondo i dati pubblicati mercoledì, l’inflazione nel Regno Unito è scesa al minimo di due anni del 4,6% in ottobre grazie ai minori costi energetici, ma i prezzi al consumo rimangono un quinto più alti rispetto all’inizio del 2021.

Heather Bovill, vicedirettrice dell’ONS per le indagini e gli indicatori economici, ha affermato che ottobre è stato un “mese povero per i negozi di articoli per la casa e di abbigliamento”. [which suffered from] pressioni sul costo della vita, riduzione del traffico e maltempo”.

I negozi di abbigliamento hanno registrato un calo dei volumi di vendita dello 0,9%, a causa del mix di clima umido e caldo che ha colpito la domanda di abbigliamento invernale e il numero di visitatori.

I volumi delle vendite nei negozi di articoli per la casa sono diminuiti dell’1,1%, a causa del forte calo degli acquisti di mobili. Anche i grandi magazzini hanno riportato vendite in contrazione, con alcuni rivenditori che hanno sottolineato il calo della fiducia dei consumatori.

Samantha Phillips, partner della società di consulenza McKinsey & Co, ha affermato che, dato il lento inizio del trimestre, “i rivenditori lotteranno per ottenere una spesa discrezionale sia dai loro clienti fedeli che da quelli nuovi durante il Black Friday e mentre ci avviciniamo a dicembre”.