Mar. Giu 18th, 2024
L’industria mineraria è scettica sul piano di acquisto congiunto dell’UE per i minerali critici

Buongiorno e bentornati a Energy Source, che arriva da Londra e Bruxelles.

Oggi sono all'assemblea generale annuale della Shell, dove la major europea del petrolio e del gas affronta il voto degli azionisti sulla decisione del consiglio di amministrazione di marzo di indebolire i suoi obiettivi climatici rispetto ai livelli fissati tre anni fa.

Tra le tante diverse risoluzioni adottate nel settore energetico durante questa stagione di votazioni, il voto di Shell è una delle più importanti, poiché funge da referendum de facto sul ruolo che gli azionisti vogliono che le società integrate di petrolio e gas svolgano nella transizione energetica.

Nel 2021, Shell si è impegnata a ridurre l’intensità netta di carbonio dei suoi prodotti del 20% rispetto ai livelli del 2016 entro il 2030, del 45% entro il 2035 e di azzerarla entro il 2050. All’Assemblea generale successiva, l’89% degli azionisti ha sostenuto il piano , che la Shell ha promesso di rivedere ogni tre anni.

A marzo, invece di rafforzare gli obiettivi, la Shell li ha indeboliti, sostenendo che la forma della transizione energetica e il ritmo dei progressi nei diversi paesi erano incerti. Ora punta a una riduzione del 15-20% dell’intensità netta di carbonio entro il 2030 e ha abbandonato l’obiettivo del 2035.

Il voto sulla strategia rivista è consultivo e non vincolante. Tuttavia, pone agli azionisti una semplice domanda: le compagnie petrolifere e del gas dovrebbero guidare la transizione energetica o dovrebbero procedere con maggiore cautela – come ha deciso di fare Shell – in modo da poter massimizzare i rendimenti per gli azionisti pur mantenendo l’opzionalità?

Controlla più tardi ft.com per il mio resoconto dell'incontro.

Prima di allora, vi preghiamo di approfondire questo messaggio stimolante della corrispondente UE del FT, Alice Hancock, sulla fattibilità dei piani del blocco per sostenere la transizione energetica centralizzando l'approvvigionamento di materie prime critiche.

Grazie per aver letto — Tom

Dirigenti minerari: l’acquisto congiunto di minerali critici da parte dell’UE non è facile come i vaccini Covid

I dirigenti del settore minerario hanno messo in dubbio i piani dell’UE di acquistare congiuntamente minerali fondamentali per la transizione all’energia pulita, come ha fatto il blocco per i vaccini durante la pandemia di coronavirus e, più recentemente, per il gas.

La piattaforma di acquisto congiunto del gas ha funzionato così: la Commissione europea ha lanciato un bando per le aziende che volevano unirsi allo sforzo comune di acquisto. Ha poi aggregato la domanda e si è rivolto ai mercati globali per abbinare quella domanda con l’offerta.

Nella prima gara la domanda di 34 miliardi di metri cubi di gas è stata soddisfatta da offerte tre volte tanto.

La necessità di materie prime critiche in quanto la domanda di pannelli solari, turbine eoliche e batterie è in aumento è diventata altrettanto urgente quanto quella del gas, che alimenta la maggior parte delle famiglie dell’UE.

“Con l'acquisto comune delle esportazioni di gas funziona molto bene e ha superato tutte le nostre aspettative. . . Dobbiamo sfruttare meglio il peso politico ed economico dell’Europa per fornire migliori forniture all’Europa”, ha detto il capo del Green Deal dell’UE Maroš Šefčovič a un piccolo gruppo di giornalisti a margine di un vertice tutto esaurito di dirigenti minerari e esperti minerari critici a Bruxelles la settimana scorsa.

La decisione di portare avanti il ​​piano di acquisto congiunto arriva quando lo storico Critical Raw Materials Act del blocco – uno sforzo per garantire la fornitura di un elenco di 34 materiali cruciali per le industrie dell’UE – entra in vigore questa settimana.

Ma i dirigenti minerari sono scettici sul fatto che l’utilizzo di un tale schema non solo per una merce ma per più di 30 possa funzionare.

“Quindici anni fa sono stato coinvolto in un progetto per il governo tedesco, che cercava di mettere in comune gli acquisti di materie prime critiche e semplicemente non ha funzionato perché la domanda era così diversificata e pochissime aziende acquistano lo stesso tipo di materie prime, “, ha affermato Benedikt Sobotka, amministratore delegato di Eurasian Resources Group.

In Europa, ad esempio, sono pochissime le aziende che acquistano concentrati di rame, litio o idrossido di cobalto. Anche perché la lavorazione di questi minerali viene generalmente effettuata altrove.

Victor Gonzalez, amministratore delegato per l’Europa e il Nord Africa di Xcalibur Smart Mapping, una società di mappatura, ha fatto eco all’opinione secondo cui l’ambiente critico delle materie prime era semplicemente “un po’ complicato” per un’iniziativa del genere.

“Quando li comprerai? Prima di elaborarli? Dopo averli elaborati? Chi li elaborerà? Non è una risposta semplice. . . con i vaccini anti-Covid è stato più semplice”.

Alcuni dirigenti hanno affermato che la commissione dovrebbe prima pensare di più a sostenere il riciclaggio.

“Prima di portare i materiali. . . dovremmo pianificare come riciclarlo prima di ottenerlo, perché avere un’economia circolare tutta alimentata da energia verde è il punto in cui dobbiamo arrivare”, ha affermato Chad Blewitt, amministratore delegato del progetto Jadar del colosso minerario Rio Tinto in Serbia. .

La legge sui materiali critici fissa un obiettivo complessivo di riciclaggio di almeno il 25% entro il 2030.

Ma questo obiettivo è ancora lontano dall’essere raggiunto.

“Oggi non abbiamo i materiali nel sistema per fare tutto questo riciclaggio”, ha detto Blewitt, aggiungendo che anche se si ricicla circa il 25% di un materiale, come oggi il rame, “bisogna continuare a estrarre”. “Il litio è anche peggio”, ha detto.

Gli sforzi esplorativi dell’UE necessitano di un rilancio

Per acquistare qualcosa insieme, devi anche sapere dove trovarlo.

Ma l’Europa era tristemente indietro nella mappatura dei propri depositi, secondo EuroGeoSurveys, l’organizzazione ombrello per 37 rilevamenti geologici in tutta la regione.

“Molti studi geofisici sono davvero vecchi”, ha affermato Julie Hollis, segretaria generale di EuroGeoSurveys. E poiché il settore minerario in Europa è in declino da decenni, “esiste un mercato di investimenti limitato” per l’esplorazione, che è un’attività ad alto rischio e ad alto rendimento.

(Per il contesto: negli ultimi 25 anni, l’attività mineraria in Europa è diminuita del 30%, mentre è cresciuta in tutti gli altri continenti tranne l’Antartide.)

La mappatura iniziale anche di una piccola area può costare decine di milioni di euro. Richiede aerei che volano a bassa quota, piloti esperti e attrezzature costose.

La legge sulle materie prime critiche richiede che i paesi dell’UE istituiscano programmi di esplorazione nazionali. Al vertice della scorsa settimana, Francia, Germania e Italia hanno chiesto agli investitori di aderire a programmi di investimento nazionali che sostengano l’esplorazione dei minerali e gli impianti di lavorazione e riciclaggio.

Il governo francese, ad esempio, fornirà 500 milioni di euro a un fondo nazionale per i minerali con la speranza che gli investitori privati ​​raccolgano ulteriori 1,5 miliardi di euro.

Secondo l’obiettivo principale dell’UE, il blocco dovrebbe aumentare la propria offerta interna di materie prime essenziali dal 3% attuale al 10% entro il 2030: un divario che sembra piccolo finché non si realizza quanto siano remote le probabilità di trovare e creare con successo nuove materie prime. lo è, soprattutto quando il rilascio delle autorizzazioni può richiedere diversi anni.

“Un progetto di esplorazione su 50 scoprirà qualcosa e ancora meno diventeranno una miniera”, ha detto Hollis. (Alice Hancock)

Punti di potere