Dom. Lug 21st, 2024

Nel marzo dello scorso anno, Lise Klaveness, che era appena stata eletta primo presidente donna nella storia di 120 anni della federazione calcistica norvegese, è volato al congresso dell’organo dirigente del calcio internazionale, la Fifa, in Qatar. Legalmente, ha rischiato anni di prigione per questo fatto sposato con una donna. Il suo discorso di cinque minuti indignato il congresso quasi interamente maschile.

Ha detto loro che la Coppa del Mondo del 2022, organizzata in Qatar, e quella ospitata dalla Russia nel 2018, sono state “assegnate dalla FIFA in modi inaccettabili”. Diritti umani, uguaglianza e democrazia, “gli interessi fondamentali del calcio”, ha aggiunto, “non erano tra gli 11 titolari”. Un funzionario della FIFA ha risposto che non era “il forum giusto o il momento giusto” per dire queste cose.

“Penso che riguardi il modo in cui gestiamo la politica calcistica”, dice Klaveness dell’ostilità che ha incontrato. “Il sistema dà così bene a tutti che sono i media a dover criticare, e l’organismo calcistico reagirebbe se le critiche fossero troppo pesanti. Ma se così non fosse, allora torniamo al lavoro. Non abbiamo leader che guidano, né dibattiti, né discussioni che valorizzano. E, quando non ce l’hai, il denaro sarà sempre un valore molto forte. Il denaro è importante, ma non può essere l’unico valore”.

Imperterrita, Klaveness, 42 anni, continua la sua lotta, spesso solitaria, per cambiare il calcio. In qualità di presidente donna di una federazione nazionale, è considerata un modello globale insieme a Cindy Parlow Cone, la sua controparte nella federazione statunitense.

Lise Klaveness interviene al 72° Congresso FIFA
Controversia al Congresso: Klaveness in Qatar l’anno scorso ©Marcio Machado/Getty Images

Klaveness è cresciuto a Bergen, nella Norvegia occidentale. Già allora, per una ragazza norvegese, era normalissimo giocare a calcio. “Probabilmente sono un prodotto del luogo in cui sono cresciuto e della socialdemocrazia. Abbiamo avuto un primo ministro donna, Gro Harlem Brundtland, per tutta la mia infanzia.

“Il mio compagno di allenamento più vicino è stato mio padre. Ha visto che avevo dei sogni, volevo allenarmi sei, sette ore al giorno”. Ha trasformato il garage di famiglia nel suo studio di formazione personale.

“Non gli importava se fossi un figlio o una figlia. Questo dice qualcosa sul livello di uguaglianza. Una buona infanzia dura per sempre. Ha creato in me una falsa aspettativa che anche questo fosse [the nature of] il mondo. Quindi è stato un po’ uno shock per me, quando ero più grande, che il business del calcio fosse così ingiusto”.

Schiavitù ha giocato 73 volte con la Norvegia come trequartista creativo e divenne un avvocato d’affari senza alcun desiderio di lavorare nel calcio “codificato maschile”. Ma alla fine ha deciso di scontrarsi con quella dominazione maschile: “Mi sono sempre sentita molto testarda: questo è il mio gioco”.

Essendo la prima esperta di calcio femminile della TV norvegese – e “anche se ho passato tutta la mia vita nel calcio” – ha scoperto che alcuni spettatori mettevano in dubbio la sua conoscenza del gioco.

“La gente commentava il mio aspetto e diceva che ero brutta. Immagino di aver trovato la motivazione in questo, che posso dire: “Non mi interessa” – e comunque mi importava. Penso che sia interessante sentirsi vulnerabili e capaci di sentirsi stupidi e brutti. Volevo cambiarlo e mi sono incazzato [off]. Per me è sempre una buona cosa passare dall’essere spaventato e triste all’incazzarsi. Lo trasformo in una faccia da guerra.

È diventata la primo direttore tecnico donna delle nazionali maschili e femminili della Norvegia, allora presidente della federazione. Klaveness si paragona alle leader donne a cui “bisogna chiedere più volte di dire sì, cosa che ho fatto, per tutte queste posizioni”.

È contenta di averlo fatto: “Ho sempre avuto ottimi colleghi. Mi piacciono i colleghi maschi. Mi piacciono le colleghe. Ho amato ogni lavoro che ho avuto.”

Con tre figli, punta a rendere i luoghi di lavoro del calcio norvegese più adatti alle madri. “Partorisci dei bambini, crescono nel tuo corpo e poi c’è una separazione, e non è una cosa da poco.”

Vuole più allenatrici donne. “Ma siamo molto lontani da ciò. Non abbiamo quasi nessuno”.

Insolitamente per un ufficiale di calcio, snocciola i suoi fallimenti. La squadra maschile norvegese – “che sarà sempre il fulcro di ciò che faccio” – lo ha fatto quasi sicuramente ha mancato la qualificazione a Euro 2024 campionato in Germania. “Un’altra cosa che mi preoccupa è la sostenibilità. Non penso di essere stato in grado di utilizzare la mia piattaforma in modo efficiente. Ne parliamo, ma non facciamo affatto parte della spirale positiva. E non posso nemmeno dire di esserlo.”

Nel calcio internazionale si sente impegnata in “una lotta di valori”. “Penso che valga la pena cambiare i valori occidentali: molti di essi dovrebbero essere cambiati, e dovremmo ascoltarli, e non dovremmo pensare di essere migliori di chiunque altro”. La lotta per l’uguaglianza è una di queste. “Siamo lontani dall’uguaglianza”, dice del mondo occidentale. “La libertà di parola è un’altra cosa per cui penso valga la pena lottare, così come la libertà di amare chi vuoi amare. Penso che queste tre cose non dovrebbero essere comprate con i soldi”.

Per cambiare il calcio avrà bisogno di più amici. Si chiede se non avrebbe dovuto mettere in guardia i suoi alleati naturali riguardo al discorso del Qatar, sapendo che avrebbero potuto sentirsi a disagio per la sua schiettezza.

Non prevedeva la reazione che ha suscitato: “Ero nuova e nessuno me lo ha detto, ma ora penso che chiamerei i miei colleghi svedesi e danesi”, dice, “per discutere con loro che sto per fare qualcosa” .

Questa primavera non è riuscita a vincere le elezioni nel comitato esecutivo composto da 20 membri della Uefa, l’autorità calcistica europea. Si era candidata per un posto libero, non per l’unico riservato alle donne. Lei ha intenzione di correre di nuovo.

I funzionari uomini spesso le dicono che capiscono le sue opinioni, perché “hanno figlie”, e le consigliano di essere “paziente”.

La Klaveness non ci crede. Crede che con il calcio mondiale “così bloccato” nei suoi modi, e con il divario finanziario tra il calcio maschile e quello femminile in crescita, “allora l’argomento della pazienza è sbagliato”.