Mer. Lug 24th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

All’inizio di questo mese, la coraggiosa istituzione che è la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo ha pubblicato la sua relazione annuale. Ciò includeva una svolta inedita: un appello alle banche centrali occidentali affinché riconsiderassero i propri mandati.

Sì davvero. “I banchieri centrali dovrebbero allentare il loro obiettivo di inflazione del 2% e assumere un ruolo stabilizzatore più ampio”, ha dichiarato il gruppo con sede a Ginevra, lamentando che “una politica monetaria più restrittiva ha finora contribuito poco all’allentamento dei prezzi”. [but delivered] un costo elevato in termini di disuguaglianza e di prospettive di investimento danneggiate”.

Dubito che gli operatori finanziari presteranno attenzione; per loro Unctad è semplicemente una noiosa burocrazia. E nemmeno lo faranno Jay Powell, presidente della Federal Reserve, o i suoi omologhi in Europa e nel Regno Unito.

Dopotutto, il mantra di questi banchieri centrali è che l’obiettivo del 2% è (ancora) un obiettivo sacro a medio termine. E funzionari come Powell insistono sul fatto che l’inflazione sta costantemente scendendo rispetto ai livelli altissimi dello scorso anno – e dovrebbe continuare a farlo. Ciò è in parte vero: in America, ad esempio, l’indice dei prezzi al consumo a settembre era del 3,7%, mentre nel Regno Unito era del 6,7%.

Ma noioso o no, il rapporto di Unctad è una notevole goccia nel vento. Perché concretizza una domanda che ho più volte sentito mormorare da voci del settore pubblico e privato: ha senso mantenere l’obiettivo del 2% in un mondo in cui sembra probabile che l’inflazione rimanga al di sopra di questo livello per il prossimo futuro – anche se è “ solo” verso le quattro?

O come mi ha detto quest’estate un presidente regionale della Fed, dopo aver visitato le aziende locali: “Tutti continuano a chiedersi se tre [per cent] sono i due nuovi.”

Queste domande sembrano destinate a diventare sempre più intense nei prossimi mesi, soprattutto alla luce degli eventi spaventosi che si stanno verificando in Medio Oriente.

Ciò non è necessariamente dovuto allo scenario che attualmente preoccupa alcuni investitori, vale a dire che questo conflitto interromperà le forniture energetiche in un modo che replicherà lo shock petrolifero del 1973. Durante quella crisi, il prezzo del petrolio è triplicato, creando una spirale salari-prezzi in Occidente e danneggiando gravemente la crescita.

“Questa volta sarà diverso”, dice Phil Verleger, un economista energetico che si è fatto le ossa durante lo shock del 1973. Questo perché il crescente utilizzo delle energie rinnovabili sta consentendo la diversificazione rispetto al petrolio, e gli eventi attuali probabilmente accelereranno tale processo. Ma anche l’uso dell’energia è diventato più efficiente: il FMI calcola che oggi c’è una crescita 3,5 volte maggiore per barile di petrolio rispetto a 50 anni fa.

Ma anche se è improbabile una replica esatta del 1973, i prezzi del petrolio sono già aumentati, ed è probabile che continuino in un modo tale da compromettere le possibilità di ulteriori cali dell’inflazione.

Nel frattempo, i costi del lavoro in luoghi come gli Stati Uniti e il Regno Unito mostrano solo cali moderati. L’inflazione dei servizi rimane elevata e i costi immobiliari americani aumentano a causa dei vincoli di offerta.

Anche la geopolitica sta rimescolando le catene di approvvigionamento in modo inflazionistico, e questa frattura potrebbe peggiorare; Ray Dalio, il fondatore di Bridgewater, ritiene che le probabilità di a “guerra calda globale” sono saliti al 50%, rispetto al 35% di due anni fa. Pertanto, il rischio che tormenta gli investitori non è “solo” una ripetizione degli anni ’70, ma anche degli anni ’30 – e la guerra tende ad essere inflazionistica.

Ciò significa che il problema pernicioso per i banchieri centrali è che i prezzi non sono più modellati “solo” dai cicli della domanda, del tipo che hanno passato decenni ad analizzare e cercare di controllare; invece, come abbiamo visto per la prima volta durante la pandemia di Covid-19, e come vediamo oggi, si tratta di problemi di approvvigionamento, per i quali hanno molti meno strumenti.

In cima a questa, alcuni economisti sospettano che i cicli della domanda dei consumatori americani vengano attenuati dall’aumento dei sussidi governativi, attenuando ulteriormente la loro analisi tradizionale.

Ciò significa che se le banche centrali volessero essere certe di raggiungere presto il loro obiettivo di inflazione del 2%, avrebbero bisogno di aumenti dei tassi molto più consistenti di quanto loro (o chiunque altro) si aspettassero inizialmente.

Ad esempio, afferma Kevin Hassett, ex consigliere economico capo della Casa Bianca modelli che utilizzano la cosiddetta regola di Taylor suggeriscono che i tassi statunitensi dovrebbero aumentare dall’attuale 5,25% al ​​6-7%; alcuni stimano anche più alti.

Aumenti di tale portata sarebbero impopolari tra i consumatori. Danneggerebbe anche le banche, come abbiamo visto all’inizio di quest’anno. Anche le società non finanziarie ne soffrirebbero debito societario di quasi 2mila miliardi di dollari dovrà essere rifinanziato nei prossimi due anni. E anche se questo rappresenta solo il 16% del totale, è già abbastanza importante.

Cosa faranno allora le banche centrali? Aumentare i tassi abbastanza da raggiungere l’obiettivo del 2%? Ammettere pubblicamente che il tre (o anche il quattro) per cento sia il nuovo due? Oppure minimizzare tacitamente l’obiettivo fino a quando qualcosa – qualsiasi cosa – cambi i fattori dal lato dell’offerta e/o non colpisca una vera e propria recessione?

La mia scommessa è sulla terza opzione. Probabilmente è anche la meno cattiva tra queste scelte sgradevoli. Ma sensata o no, questa strategia sa anche di crescente ipocrisia – e, soprattutto, di un sentore di impotenza.

In ogni caso, il punto chiave che gli investitori devono comprendere è che, mentre gli economisti erano soliti scherzare sul fatto che le banche centrali fossero le banche centrali “unico gioco in città” Poiché i mercati hanno ballato al loro ritmo, ora vengono eclissati dalla geopolitica. Non c’è da stupirsi che i rendimenti dei titoli del Tesoro continuino a salire.

[email protected]