Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’UE ha aggiunto la russa Alrosa, la più grande compagnia mineraria di diamanti al mondo per produzione, e il suo amministratore delegato Pavel Marinichev alla lista delle sanzioni in risposta alla guerra in corso di Mosca in Ucraina.

La designazione annunciata mercoledì fa parte di un divieto del G7 sulle importazioni di diamanti russi entrato in vigore il 1° gennaio. Il divieto esenta i diamanti russi lavorati in paesi terzi, ma l’esenzione sarà gradualmente eliminata entro il 1° settembre di quest’anno.

Elencando Alrosa e il suo capo, l’UE cerca di “privare la Russia di questa importante fonte di entrate”, ha scritto il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell sulla piattaforma di social media X.

In base alle sanzioni, tutti i beni di Marinichev e Alrosa detenuti nell’UE saranno congelati e gli sarà vietato viaggiare in Europa. La società è già soggetta a sanzioni simili negli Stati Uniti dall’aprile 2022. Gli Stati Uniti hanno anche attuato un divieto unilaterale sui diamanti russi nel marzo 2022.

L’UE ha faticato ad adottare un divieto di importazione di diamanti nell’ultimo anno a causa del timore del Belgio di perdere la sua posizione di importante centro commerciale per le pietre preziose.

Alrosa non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L’invasione su vasta scala dell’Ucraina ha drasticamente rivisto l’industria globale dei diamanti, con le pietre russe che affluiscono in gran parte al mercato cinese dopo che le grandi aziende di gioielleria occidentali hanno boicottato le sue gemme.

Controllata dallo Stato russo, Alrosa ha realizzato ricavi per 1,9 miliardi di dollari nella prima metà del 2023, in linea con i risultati della prima metà dell’anno precedente, ma i profitti sono stati secondo quanto riferito in calo del 35% su base annua nella prima metà del 2023.

Alrosa è impegnata nell’attività mineraria in Yakutia, una repubblica scarsamente popolata nella Russia orientale, e nella regione nord-occidentale di Arkhangelsk. I principali azionisti della società sono la Federazione Russa e le amministrazioni regionali, mentre circa il 30% delle sue azioni sono flottanti.

Il Cremlino ha minimizzato l’impatto delle sanzioni dell’UE sulla sua industria dei diamanti. “Non credo che non esistano le possibilità per aggirare queste sanzioni. Esistono e verrebbero utilizzati”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov a dicembre.

Nonostante le restrizioni all’esportazione, Alrosa ha mantenuto i livelli di produzione prebellici e ha estratto 34,6 milioni di carati di diamanti nel 2023, in calo del 3% su base annua, ha detto Marinichev a dicembre.

Circa il 30% dei diamanti estratti da Alrosa sono di qualità industriale, mentre il restante 70% viene utilizzato per la produzione di gioielli.