Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’UE è pronta a dare agli Stati membri il potere di porre fine alle importazioni di gas dalla Russia e dalla Bielorussia quasi due anni dopo l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca.

Secondo una bozza di testo legale proposta da Bruxelles e visionata dal MagicTech, qualsiasi Stato membro potrà vietare alle aziende russe e bielorusse di acquistare capacità nei suoi gasdotti e terminali di gas naturale liquefatto.

Secondo un alto funzionario del blocco, la proposta potrebbe fornire una base alle società energetiche dell’UE per rescindere i contratti con i fornitori di gas russi senza dover pagare ingenti risarcimenti.

Sebbene il blocco di 27 membri abbia gradualmente ridotto la sua dipendenza dall’energia russa in seguito all’invasione del febbraio 2022, riceve ancora circa un decimo della sua fornitura di gas, comprese le spedizioni di GNL, dal paese. Diversi Stati membri, tra cui Austria e Ungheria, fanno ancora molto affidamento sulle forniture russe.

La Commissione Europea vuole spingere gli stati membri a tagliare le restanti importazioni di gas. Alcuni Stati membri, tra cui la Polonia e gli Stati baltici, hanno chiesto apertamente un’azione più dura contro Mosca.

Secondo il progetto di legge, agli Stati membri dell’UE sarebbe consentito “limitare parzialmente o, ove giustificato, completamente” l’accesso alle infrastrutture agli operatori del gas provenienti da Russia e Bielorussia “ove necessario per proteggere i loro interessi essenziali di sicurezza”.

Venerdì si prevede che i negoziatori degli Stati membri e del Parlamento europeo approvino la bozza del testo. La versione finale dovrà ancora essere formalmente approvata dal Parlamento e dagli Stati membri.

Invece di un divieto assoluto sulle importazioni di gas russo, che avrebbe potuto destabilizzare i mercati e a cui si sono opposti paesi con poche alternative, la Commissione ha tentato di persuadere le capitali a diversificare le loro fonti di carburante, fissando l’obiettivo di liberare l’UE dai combustibili fossili russi. entro il 2027.

Secondo Eurostat, nel terzo trimestre del 2023, la Russia ha fornito circa il 12% del totale delle importazioni di gas dell’UE.

L’aumento delle importazioni di GNL russo nell’ultimo anno ha destato particolare preoccupazione, anche perché fornisce una fonte cruciale di fondi a Mosca per il suo sforzo bellico contro l’Ucraina.

Il FT ha riferito ad agosto che l’UE stava importando volumi record di carburante super-refrigerato dalla Russia nonostante l’obiettivo del 2027.

Kadri Simson, commissario europeo per l’energia, ha ripetutamente spinto i governi europei ad adottare una linea più forte, affermando in una conferenza a Varsavia a settembre che i paesi del blocco “devono ridurre le esportazioni russe di GNL per eliminarle completamente”.

Belgio e Spagna, che dispongono di grandi terminali di rigassificazione per il combustibile liquido, sono diventati quest’anno i maggiori importatori di GNL russo dopo la Cina.

I Paesi Bassi hanno vietato nuovi contratti per il trasbordo del GNL russo, che prevede il trasferimento di gas tra navi rompighiaccio russe dirette all’Artico e petroliere che trasportano il carburante verso i paesi più temperati, in particolare in Asia.

Ma Belgio, Spagna e Francia hanno permesso che l’importazione e la riesportazione del GNL russo continuasse, sostenendo che è difficile per le loro aziende sottrarsi ai contratti esistenti.

Anche altri paesi, tra cui la Germania, utilizzano il GNL importato attraverso altri paesi dell’Europa occidentale.

“So che il Belgio, con il nostro terminale energetico, sta ancora aiutando o facilitando. . . quello Questo [LNG] arriva ancora. Sicuramente non ne abbiamo bisogno per noi stessi, ma i paesi vicini ne hanno ancora bisogno”, ha detto al FT Tinne Van der Straeten, ministro dell’Energia belga.

Ha aggiunto che “tenendo presente l’obiettivo del 2027” dovrebbe esserci un “approccio europeo” per vietare le ultime vestigia del gas russo.

L’UE ha proposto che il blocco estenda le misure adottate durante la crisi del gas lo scorso anno per stabilizzare i prezzi tagliando la domanda di gas del 15% e mantenendo un tetto massimo sui prezzi per un altro anno.

L’estensione dovrebbe essere concordata dai ministri dell’Energia dell’UE il 19 dicembre, ma potrebbe essere superata dall’accordo di venerdì se gli Stati membri attueranno le misure per tagliare le forniture russe.