Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’UE è pronta ad approvare il proseguimento del pagamento degli aiuti allo sviluppo ai territori palestinesi dopo che un audit interno della Commissione Europea ha rilevato che i suoi finanziamenti non finanziavano inavvertitamente gruppi terroristici.

La revisione, che sarà discussa lunedì dagli alti funzionari della Commissione e poi approvata formalmente martedì, significherebbe che il primo pagamento di aiuti non umanitari ai destinatari palestinesi da quando è iniziata la guerra tra Israele e Hamas il mese scorso può avvenire come previsto. entro la fine di novembre.

L’UE è il maggiore donatore esterno a Gaza e alla Cisgiordania occupata, con un budget di 1,2 miliardi di euro tra il 2021 e il 2024 fornendo un’ancora di salvezza finanziaria alle organizzazioni di sviluppo che sostengono i palestinesi attraverso circa 100 progetti.

Bruxelles ha annunciato una revisione dei suoi finanziamenti per lo sviluppo dei territori in seguito all’attacco del 7 ottobre contro Israele da parte di Hamas, il gruppo militante palestinese che governa Gaza, dopo che Stati membri dell’UE come Austria e Germania hanno sospeso i loro pagamenti di aiuti bilaterali.

Hamas è considerata un’organizzazione terroristica da Israele, Stati Uniti e Unione Europea.

L’audit di Bruxelles non ha trovato traccia di collegamenti tra il sostegno finanziario dell’UE e i gruppi terroristici, ma raccomanda una supervisione più rigorosa per i pagamenti futuri, secondo i funzionari informati sui suoi contenuti.

Due beneficiari di finanziamenti UE restano sotto inchiesta per accuse di incitamento all’odio, hanno detto i funzionari.

Questi due gruppi della società civile non hanno in programma pagamenti immediati da parte dell’UE, e pertanto l’indagine in corso non bloccherà alcun finanziamento previsto per lo sviluppo dei territori palestinesi, hanno aggiunto.

L’audit di Bruxelles ha inoltre rilevato che progetti per un finanziamento di 75 milioni di euro “non sono più realizzabili a causa del [Israel-Hamas] conflitto”, secondo un funzionario dell’UE.

Quei soldi saranno ridistribuiti ad altri progetti nei territori palestinesi, hanno aggiunto.

“Nella nostra valutazione abbiamo visto che i controlli hanno funzionato e non ci sono prove che il denaro sia stato deviato [to proscribed groups]”, ha detto il funzionario dell’UE.

“Ma data la situazione generale, dobbiamo rafforzare ulteriormente i nostri controlli per mitigare ulteriormente il rischio”.

L’audit di Bruxelles raccomanderà che i futuri contratti dell’UE per progetti palestinesi includano clausole che vietino qualsiasi dichiarazione antisemita o espressione di sostegno ad Hamas o ad altri gruppi designati come organizzazioni terroristiche, e che estendano tale clausola ai parenti prossimi dei beneficiari che ricevono pagamenti in contanti.

Richiederà inoltre il monitoraggio da parte di terzi di tutti i beneficiari e subappaltatori palestinesi per garantirne il rispetto.

Un portavoce della Commissione europea ha rifiutato di commentare.

I pagamenti dell’UE in aiuti umanitari all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi e all’Autorità palestinese non subiscono modifiche. L’autorità esercita un’autonomia limitata in alcune parti della Cisgiordania.

La decisione di avviare una revisione dei finanziamenti per lo sviluppo dell’UE ha scatenato un acceso dibattito pubblico tra gli stati membri del blocco, mettendo in luce le diverse posizioni in tutta Europa sul conflitto israelo-palestinese.