Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Bruxelles sta esplorando modi per sbloccare più di 100 miliardi di euro di finanziamenti UE per la Polonia, anche se il presidente del paese pone il veto alle riforme giudiziarie di Donald Tusk.

La questione è di primaria importanza per il premier Tusk, salito al potere il mese scorso dopo aver condotto una campagna per sbloccare i fondi che la Commissione europea aveva congelato in una lunga disputa con il precedente governo guidato dal partito di destra Diritto e Giustizia (PiS).

Per accedere ai fondi, il governo deve soddisfare una serie di condizioni o “super traguardi” legati all’indipendenza della magistratura. La difficoltà per Tusk è che il presidente Andrzej Duda, candidato al PiS che resterà in carica fino al 2025, ha già bloccato altre riforme avanzate dal nuovo governo e ha intensificato il conflitto costituzionale con il primo ministro.

Tusk, tuttavia, ha promesso di accelerare le riforme giudiziarie per raggiungere i traguardi dell’UE e ha detto che spera che Duda le trasformi in legge.

Venerdì il commissario europeo alla giustizia Didier Reynders ha espresso la fiducia che le riforme giudiziarie consentiranno a Bruxelles di rilasciare presto la prossima tranche. Ha anche invitato Duda a sostenere le riforme di Tusk.

“Spero che avremo il sostegno di tutte le autorità, compreso il presidente, per ripristinare lo stato di diritto in Polonia. Se ciò non accadrà, vedremo”, ha detto Reynders in una conferenza stampa congiunta con il ministro della giustizia polacco Adam Bodnar a Varsavia. “Il nuovo governo è pienamente determinato a ricostruire lo stato di diritto in Polonia”.

Altri funzionari dell’UE hanno espresso fiducia che Duda non saboterà le riforme che sbloccano i finanziamenti tanto attesi dalla Polonia.

“Spetta al presidente, è sua prerogativa decidere”, ha detto la vicepresidente della Commissione Věra Jourová, aggiungendo che ha “la sensazione che il signor presidente [Duda] È . . . disponibile a valutare le proposte”.

Ma se Duda dovesse mantenere il blocco, Bruxelles e Varsavia stanno studiando una soluzione alternativa per sbloccare i fondi, secondo persone vicine alla discussione.

Un’opzione include lo sblocco parziale o totale di 76,5 miliardi di euro di fondi ordinari dell’UE bloccati alla fine del 2022 a causa dell’indipendenza della magistratura ma che non sono formalmente collegati ai “super traguardi”. Venerdì, il ministro polacco per le politiche regionali Katarzyna Pelczynska-Nalecz ha dichiarato che il suo governo ha ricevuto conferma da Bruxelles che Varsavia ha soddisfatto le condizioni per accedere pienamente ai fondi che possono essere spesi fino al 2027.

Per quanto riguarda i fondi UE per la ripresa post-pandemia, per un totale di 35,4 miliardi di euro in prestiti e sovvenzioni, la Polonia dovrebbe accedervi prima della loro scadenza nel 2026. Bruxelles e Varsavia stanno lavorando a una “combinazione di mezzi legislativi e non legislativi” per realizzarlo , hanno detto funzionari dell’UE e della Polonia.

La Polonia ha già richiesto 7 miliardi di euro di fondi per la ripresa e prevede che verranno erogati questa primavera. Varsavia spera di ricevere quest’anno un totale di 23 miliardi di euro in fondi per la ripresa.

La questione è politicamente delicata per la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, che deve garantire che il nuovo governo pro-UE in Polonia, che proviene dalla sua stessa famiglia politica, non venga trattato favorevolmente.

“C’è molto desiderio a Bruxelles di aiutare Tusk a liberare almeno una parte di questo denaro e garantire che questo cambiamento in Polonia si rifletta non solo nella retorica ma anche in denaro sonante distribuito come incentivo per continuare con quelle riforme”, ha affermato Jakub Jaraczewski, coordinatore della ricerca presso la ONG Democracy Reporting International.

Ma, ha aggiunto, “sarebbe estremamente dannoso che la Commissione stanziasse l’intero denaro basandosi solo sulle promesse del governo polacco”.

L’Ungheria, che ha anche i finanziamenti dell’UE congelati a causa di questioni relative allo stato di diritto, ha colto l’occasione per criticare Bruxelles per i suoi presunti doppi standard rispetto a Varsavia e Budapest.

«Basta guardare cosa sta succedendo in Polonia e le reazioni a Bruxelles [to dispel] nessun dubbio su quale tipo di banda sbagliata, ipocrita e con doppi standard governa Bruxelles”, ha detto Gergely Gulyás, consigliere del primo ministro Viktor Orbán.

Schierandosi con l’opposizione del PiS, che nei giorni scorsi si è scagliata contro l’arresto di ex ministri condannati per abusi d’ufficio, Gulyás ha accusato i funzionari dell’UE di “aver chiuso gli occhi” e di aver ignorato i valori fondamentali.