Sab. Apr 13th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’UE sta preparando un piano di riserva del valore di 20 miliardi di euro per l’Ucraina, utilizzando una struttura del debito che elude le obiezioni dell’ungherese Viktor Orbán sul finanziamento del paese devastato dalla guerra.

Dopo che all’inizio di questo mese i leader dell’UE non sono riusciti a concordare un pacchetto quadriennale da 50 miliardi di euro per l’Ucraina, i funzionari hanno cercato alternative per salvare Kiev da un’incombente crisi di bilancio nel caso in cui le differenze nell’UE non potessero essere risolte.

I funzionari coinvolti nei colloqui hanno affermato che un modello finanziato dal debito ha guadagnato terreno come il modo più pratico per fornire sostegno se Orbán si rifiuta di rinunciare al suo veto in un vertice previsto per il 1° febbraio.

Questo schema comporterebbe che gli Stati membri partecipanti forniscano garanzie al bilancio dell’UE, consentendo alla Commissione europea di prendere in prestito fino a 20 miliardi di euro sui mercati dei capitali per Kiev il prossimo anno, hanno affermato le persone informate sulle discussioni. I termini precisi sono ancora in discussione e l’importo finale sarà fissato in base alle esigenze dell’Ucraina, hanno detto le persone.

L’accordo è simile a quello utilizzato nel 2020, quando la Commissione fornì fino a 100 miliardi di euro in finanziamenti a basso costo ai paesi dell’UE per programmi di sostegno al lavoro a breve termine durante la pandemia di Covid.

Fondamentalmente, l’opzione non richiederebbe garanzie da parte di tutti i 27 Stati membri dell’UE, purché tra i principali partecipanti figurino paesi con i migliori rating creditizi. Ciò consentirebbe all’UE di eludere il veto dell’Ungheria poiché non richiederebbe il sostegno unanime.

Alcuni paesi, tra cui Germania e Paesi Bassi, avrebbero bisogno dell’approvazione parlamentare per le garanzie nazionali, un processo che i funzionari sperano possa essere completato in tempo per fornire aiuti all’Ucraina entro marzo.

Una delle persone ha affermato che non vi è alcun “problema tecnico” nel trovare modi per fornire finanziamenti di bilancio a Kiev, ma che politicamente “è più complicato”.

Se i leader dell’UE concordassero su questo piano il 1° febbraio, ciò rassicurerebbe il FMI a rilasciare la prossima tranche di finanziamenti per l’Ucraina del valore di circa 900 milioni di dollari, hanno detto le fonti.

Ciò dovrebbe fornire finanziamenti sufficienti a Kiev per evitare di dover ricorrere al finanziamento monetario, dove il governo stamperebbe denaro per sostenere il proprio deficit e rischiare una spirale di inflazione, hanno detto le persone.

Uno svantaggio di questo schema, se confrontato con la proposta originale basata sul bilancio dell’UE, è che sarebbe limitato ai prestiti e non includerebbe sovvenzioni. Gli stati membri potrebbero ancora decidere di fornire sovvenzioni bilateralmente, hanno detto le persone.

Un’altra opzione di riserva presa in considerazione prevede il rinnovo della struttura di finanziamento utilizzata quest’anno, in base alla quale l’UE ha fornito 18 miliardi di euro in prestiti a basso costo all’Ucraina, per alcuni mesi e fino a un anno. Questa opzione richiederebbe l’accordo della maggioranza ponderata dei paesi.

Ma i funzionari sottolineano che la loro opzione preferita è quella di approvare inalterato il pacchetto di aiuti proposto per la prima volta a giugno ma bloccato dall’Ungheria. Questa integrazione al bilancio dell’UE, che rimane l’accordo preferito dalla Commissione perché copre un arco temporale di quattro anni, include anche 4 miliardi di euro per altre priorità, compresi gli investimenti nella difesa e la migrazione.

Indipendentemente dal modello scelto, l’UE ha promesso all’Ucraina che fornirà i finanziamenti al più tardi entro marzo, secondo i funzionari informati in una chiamata tra i ministri delle finanze del G7 la scorsa settimana.

Un portavoce della commissione ha rifiutato di commentare.