Lun. Giu 24th, 2024
L’UE si assicura 40 milioni di dosi di vaccino contro l’influenza aviaria mentre i casi aumentano

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

La Commissione Europea ha firmato un accordo per più di 40 milioni di dosi di vaccino contro l’influenza aviaria per 15 paesi in tutto il continente, mentre gli Stati membri sono alle prese con un aumento dei casi di virus respiratorio.

Il braccio esecutivo dell'UE ha annunciato martedì il contratto, procurandosi fino a 665.000 dosi di vaccino – che possono essere adattate a qualsiasi ceppo di influenza aviaria – dal produttore australiano CSL Seqirus. L’accordo prevede una fornitura per ulteriori 40 milioni di vaccini nei prossimi quattro anni.

L'accordo arriva mentre i governi monitorano un aumento dei casi di influenza aviaria negli animali dopo che 10 stati degli Stati Uniti hanno segnalato epidemie nei bovini negli ultimi mesi, con tre casi nell'uomo a seguito dell'esposizione a mucche da latte.

La settimana scorsa, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che un lavoratore agricolo in Messico era morto dopo aver contratto la variante H5N2, un ceppo che in precedenza non era stato rilevato negli esseri umani ma che è stato segnalato nel pollame messicano. Non sono stati registrati casi di trasmissione del virus da uomo a uomo.

Le epidemie hanno aumentato le preoccupazioni sulla sicurezza dei latticini e dei prodotti a base di carne. Ceppi del virus sono stati rilevati nel latte statunitense, sebbene la pastorizzazione uccida l'agente patogeno. È stato segnalato che anche il tessuto di una mucca da latte era infetto, ma la carne dell'animale non è entrata nella catena di approvvigionamento alimentare, ha affermato il mese scorso il dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti.

Stella Kyriakides, commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare, ha dichiarato: “Mentre la minaccia dell’influenza aviaria per la popolazione generale rimane bassa, dobbiamo proteggere le persone a rischio più elevato, come il pollame, i lavoratori agricoli o alcuni veterinari”.

Il monitoraggio del laboratorio di riferimento dell'UE per l'influenza aviaria mostra che dall'inizio dell'anno sono stati rilevati 522 focolai di influenza aviaria tra uccelli selvatici e in cattività in 27 paesi.

Secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, il rischio di trasmissione dagli animali all’uomo è considerato basso in Europa. Un portavoce della Commissione ha detto martedì che “non sono stati segnalati casi attivi” tra i cittadini dell’UE.

Le dosi andranno alle persone più esposte al virus, compresi braccianti agricoli e veterinari, con la prima spedizione diretta in Finlandia. L'anno scorso le epidemie di influenza aviaria negli allevamenti di visoni dei paesi nordici hanno sollevato preoccupazioni di trasmissione all'uomo.

“Questo accordo aiuterà l'Europa a mantenere una solida preparazione e capacità di risposta rapida per questa potenziale minaccia”, ha affermato Raja Rajaram, responsabile della strategia medica globale presso CSL Seqirus.

I vaccini vengono realizzati negli stabilimenti CSL Seqirus nei Paesi Bassi e in Inghilterra utilizzando la produzione a base di uova, un metodo tradizionale per lo sviluppo di vaccini.

Gli Stati Uniti hanno una scorta di vaccini antinfluenzali di GSK, Sanofi e CSL Seqirus che possono fornire immunità contro l’influenza aviaria. Si sta valutando la possibilità di finanziare una sperimentazione in fase avanzata del vaccino contro l’influenza aviaria basato su mRNA di Moderna, che potrebbe essere ampliato più rapidamente.

Anche il produttore farmaceutico britannico GSK e la biotecnologia tedesca CureVac stanno sviluppando congiuntamente un vaccino contro l’influenza aviaria basato su mRNA nelle prime sperimentazioni.

La Commissione europea non ha risposto immediatamente quando le è stato chiesto se stesse perseguendo un accordo simile.