Ben tornato. L’UE sta discutendo intensamente con l’Ungheria sullo svincolo di miliardi di euro per Budapest a condizione che il governo di Viktor Orbán rispetti gli standard dello stato di diritto del blocco. È solo una mia previsione, ma sospetto che verrà raggiunto un accordo, anche se il percorso non sarà agevole. Sono a [email protected]

Poche settimane fa, Orbán ha celebrato il 66° anniversario della rivolta del 1956 contro l’oppressione sovietica onorando la memoria del cardinale József Mindszenty, il prelato cattolico che incarnava la sete di libertà nazionale. La maggior parte degli ungheresi riconosce che Mindszenty era un uomo eccezionalmente coraggioso e giustamente considera il 1956 uno degli episodi determinanti dei 1.000 anni di stato dell’Ungheria.

I residenti di Budapest sventolano bandiere ungheresi mentre manifestavano contro l'intervento delle truppe sovietiche

Più discutibile è se gli ungheresi concordano con la lezione Orbán attirò dalla rivolta. Egli ha detto:

Se sei ungherese, hai bisogno del coraggio del leone, dell’astuzia del serpente e della dolcezza della colomba.

Orbán mostra queste tre qualità in egual misura nei colloqui dell’Ungheria con l’UE? Un utile riassunto delle trattative, propenso a ritenere che probabilmente porteranno frutti questo commento per Politica di Mujtaba Rahman, responsabile dello studio europeo di Eurasia Group.

In parole povere, l’Ungheria vorrebbe sbloccare 14,9 miliardi di euro in sovvenzioni e prestiti dal piano di ripresa post-pandemia dell’UE, più altri 7,5 miliardi di euro in fondi di aiuti regionali dell’UE trattenuti per presunte violazioni dello stato di diritto, inclusa la corruzione nell’aggiudicazione di appalti pubblici. Per ottenere i soldi, il governo di Orbán dovrà conformarsi, o fare un grande sforzo per sembrare conforme, alle richieste dell’UE sullo stato di diritto.

I funzionari dell’UE sono irremovibili sul fatto che non permetteranno a Orbán di coprirsi gli occhi. Ma alcuni critici dei suoi metodi prepotenti di governo sono a disagio. In Germania, i gruppi parlamentari dei tre partiti della coalizione di governo – Socialdemocratici, Verdi e Liberi Democratici – sono facendo pressioni sul governo non approvare denaro per l’Ungheria se ci sono dubbi sulla sincerità di Orbán nell’affrontare la questione dello stato di diritto.

Nel frattempo, i gruppi anticorruzione a Budapest temono che lo “stato illiberale catturato” dell’Ungheria possa andare avanti più o meno come al solito se l’UE non sta attenta. Ad agosto, la redazione del FT ha sottolineato che, durante i 12 anni al potere di Orbán, ha preso forma un modello di business deformato in base al quale ingenti somme di denaro affluiscono alle aziende fedeli al partito Fidesz del premier, per non parlare delle persone che erano amiche d’infanzia di Orban.

Ci sono molti dettagli illuminanti su queste pratiche in un libro appena pubblicato, “Democrazia contaminata: Viktor Orbán e la sovversione dell’Ungheria”, di Zsuzsanna Szelényi. Insieme a Orbán, è stata un membro fondatore di Fidesz alla fine degli anni ’80, ma ha rotto con lui dopo che è passato dal liberalismo anticomunista al nazionalismo populista. Leggi il suo libro: potresti imparare molto.

Una caratteristica distintiva del rapporto di Orbán con l’UE è che, nonostante tutti i vantaggi che derivano dall’adesione dell’Ungheria, trascorre gran parte del suo tempo ad attaccare Bruxelles per scopi di politica interna. Ad esempio, ha appena lanciato un cosiddetto “consultazione nazionale” sulle sanzioni Ue contro la Russia, con il chiaro obiettivo di provare a dimostrare che gli ungheresi pensano che queste misure stiano danneggiando inutilmente la loro economia.

Dai un’occhiata allo slogan qui sotto, che appare in una campagna pubblicitaria sponsorizzata dal governo. Si traduce come “le sanzioni di Bruxelles ci stanno rovinando”:

Una donna passa davanti ai cartelloni pubblicitari del governo che dicono

Gli attriti sono evidenti anche nelle relazioni del governo Orbán con Washington. Lo chiedono i media filogovernativi le dimissioni di due giudici perché si sono incontrati con l’ambasciatore statunitense David Pressman — che, come i suoi colleghi dell’UE, ha un vivo interesse per l’indipendenza, o la mancanza di essa, della magistratura ungherese.

In una dichiarazione concisal’ambasciata degli Stati Uniti a Budapest ha dichiarato: “L’interferenza nel dialogo con i funzionari del governo degli Stati Uniti non fa nulla per far avanzare le relazioni bilaterali USA-Ungheria”.

Lo scetticismo dell’Ungheria sulle sanzioni occidentali nei confronti della Russia è accompagnato dalla sua riluttanza a sostenere l’Ucraina tanto quanto i suoi partner dell’UE e della NATO. Il governo è bloccando l’ultima iniziativa dell’UE fornire prestiti all’Ucraina, da raccogliere sui mercati finanziari, sostenere l’economia nella guerra nazionale di autodifesa contro l’aggressione russa.

Forse questo è un tentativo ungherese di esercitare un’influenza sull’UE sulla questione dei fondi per gli aiuti e dello stato di diritto? Il fatto è che l’Ungheria sotto Orbán nutre altri rancori nei confronti dell’Ucraina, sostenendo spesso che le autorità di Kiev praticano la discriminazione contro la minoranza etnica ungherese nella regione della Transcarpazia occidentale dell’Ucraina.

Mappa che mostra la popolazione etnica ungherese nell'Ucraina occidentale

Per un’analisi ponderata dello status e delle prospettive politiche degli ungheresi etnici in Ucraina, lo consiglio L’articolo di Krisztina Lajosi per il Centro europeo per le questioni relative alle minoranze. Vale la pena ricordare che le controversie sulle minoranze nell’Europa centrale e orientale sono al centro delle campagne di disinformazione ispirate dal Cremlino, poiché discusso in questo rapporto preparato da Political Capital, un gruppo di ricerca a Budapest.

Un ultimo pensiero. L’Ungheria e la Turchia sono gli unici paesi Nato a non aver ancora ratificato le richieste di Finlandia e Svezia di aderire all’alleanza. Ungheria dice non ha obiezioni e completerà la ratifica quando il parlamento avrà tempo per farlo. Viktor, non c’è tempo come il presente.

Intanto proseguono i colloqui dell’Ungheria con l’Ue. Cosa ne pensi? Viktor Orbán migliorerà lo Stato di diritto in Ungheria abbastanza da giustificare la ricezione di fondi dell’UE? Vota qui.

Altro su questo argomento

Gli ungheresi differiscono nelle loro valutazioni della democrazia sotto Orbán: Laura Clancy passa al setaccio i dati per il Pew Research Center

Notevole, citabile

“Non è stata una serata che sembrava minacciare la nostra democrazia” – David Gergen, ex consigliere dei presidenti statunitensi di entrambi i partiti, prende spunto dalle combattute elezioni di medio termine, le prime gare nazionali tra democratici e repubblicani dall’assalto del 2021 il Campidoglio

Le scelte di Tony della settimana

  • Meta, la società proprietaria di Facebook, Instagram e WhatsApp, ha licenziato più di 11.000 dipendenti, ovvero circa il 13% della sua forza lavoro, mentre il gigante dei social media combatte il calo dei ricavi e l’aumento della concorrenza, Cristina Criddle di FT a Londra e Hannah Murphy nel rapporto di San Francisco

  • L’UE deve riesaminare il suo approccio all’allargamento e garantire il processo di adesione dell’Ucraina all’UE non si impantana come quelli dei paesi dei Balcani occidentali, Alyona Getmanchuk scrive per lo Stockholm Centre for Eastern European Studies