Dom. Lug 14th, 2024
L'uragano Beryl diventa la tempesta di categoria cinque più precoce mai registrata

Sblocca gratuitamente l'Editor's Digest

L'uragano Beryl è stato il primo uragano mai registrato a trasformarsi in una tempesta di categoria cinque, il che significa che i suoi venti e le sue mareggiate potrebbero rivelarsi catastrofici, poiché il riscaldamento degli oceani causerebbe distruzione nei Caraibi sudorientali.

I meteorologi hanno affermato che si prevede che porterà venti e mareggiate “pericolosi per la vita” in Giamaica prima di colpire le Isole Cayman.

Mercoledì, il servizio meteorologico messicano ha diramato un avviso di allerta uragano per la costa della penisola dello Yucatán, da Puerto Costa Maya a Cancún, in vista dell'arrivo previsto di Beryl entro la fine della settimana.

Lunedì Beryl ha toccato terra a Carriacou, un'isola che fa parte di Grenada, e ha colpito anche Saint Vincent e Grenadine, provocando danni ingenti e diverse vittime.

Simon Stiell, originario di Carriacou e responsabile della sezione sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite, ha affermato che la sua terra natale è stata “colpita dall'uragano Beryl”.

“È chiaro che la crisi climatica sta spingendo i disastri verso nuovi livelli di distruzione da record”, ha affermato, esortando i paesi a stabilire piani più ambiziosi per contrastare il riscaldamento globale.

“Questo non è un problema di domani. Sta accadendo proprio ora in ogni economia, comprese le più grandi del mondo: disastri su una scala che un tempo erano roba da fantascienza stanno diventando fatti meteorologici, e la crisi climatica è la principale colpevole”.

Il National Hurricane Center degli Stati Uniti ha affermato che i venti avevano raggiunto circa 157 mph al picco, prima di indebolirsi leggermente a 145 mph. Il calo ha declassato Beryl a tempesta di categoria quattro, che è ancora classificata come un uragano di grandi dimensioni in grado di causare danni “catastrofici”.

“Si prevede un certo indebolimento nei prossimi due giorni. Tuttavia, si prevede che Beryl raggiungerà o sarà vicino all'intensità di un uragano importante mentre passerà vicino alla Giamaica mercoledì e alle Isole Cayman mercoledì notte”, ha affermato.

L'immagine satellitare mostra l'uragano Beryl il 2 luglio che si dirige verso la Giamaica
L'immagine satellitare mostra l'uragano Beryl del 2 luglio, che si dirige verso la Giamaica mentre si rafforza in una tempesta di categoria cinque © Noaa/GOES/AFP tramite Getty Images

L'Alleanza dei piccoli Stati insulari, un gruppo di circa 40 paesi di bassa quota minacciati dall'innalzamento del livello dei mari nei Caraibi, nel Pacifico, in Africa, nell'Oceano Indiano e nel Mar Cinese Meridionale, ha affermato che l'uragano ha evidenziato l'urgente necessità di finanziamenti per aiutarli a far fronte agli effetti del cambiamento climatico.

Sebbene “l'entità totale delle perdite e dei danni debba ancora essere accertata, sono andate perdute delle vite, le case sono state ridotte a nulla, ripari, sicurezza, ricordi, storia: tutto è andato perduto”, ha affermato il presidente dell'Aosis Fatumanava-o-Upolu III, il dott. Pa'olelei Luteru.

A maggio, la National Oceanic and Atmospheric Administration degli Stati Uniti ha lanciato l'allarme: quest'anno la probabilità di una stagione degli uragani superiore alla media nell'Atlantico sarebbe stata dell'85 per cento più alta.

L'agenzia ha affermato di aspettarsi da 17 a 25 tempeste nominate con venti di 39 mph o superiori in questa stagione. Si prevede che tra otto e 13 di queste tempeste diventeranno uragani con velocità del vento di 74 mph.

La Noaa ha affermato che l'aumento delle tempeste è legato a una “confluenza di fattori” che ha favorito la formazione di tempeste tropicali, tra cui temperature oceaniche da record, il previsto passaggio al fenomeno meteorologico naturale La Niña nel Pacifico e la riduzione degli alisei atlantici che hanno consentito agli uragani di aumentare di forza senza l'interruzione del forte wind shear.

“Il cambiamento climatico causato dall'uomo sta riscaldando i nostri oceani a livello globale e nel bacino atlantico e sta sciogliendo i ghiacci sulla terraferma, provocando l'innalzamento del livello del mare, che aumenta il rischio di mareggiate”, ha avvertito la Noaa.

Beryl è la seconda tempesta atlantica nominata in questa stagione, dopo Alberto a giugno. Si prevede che si sposterà verso nord-ovest attraverso il Golfo del Messico sud-occidentale entro sabato, colpendo ulteriormente le comunità e le economie della regione.